Lun. Ott 3rd, 2022

Dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell’Uzbekistan

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Ministero degli Affari esteri Repubblica dell’Uzbekistan

Riceviamo e pubblichiamo.

Alcuni mass media e organizzazioni per i diritti umani, con riferimento a fonti anonime, esagerano vari tipi di ipotesi e diffondono rapporti inattendibili sugli eventi nella città di Nukus della Repubblica del Karakalpakstan.

Vengono rilasciate dichiarazioni infondate sul presunto uso illegale della forza per “disperdere una manifestazione pacifica, mettere a tacere le voci indipendenti e bloccare le informazioni”, anche dichiarando lo stato di emergenza.

A questo proposito, il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell’Uzbekistan desidera chiarire gli eventi in Karakalpakstan e fornire informazioni più dettagliate e obiettive su questo caso.

L’1-2 luglio 2022 a Nukus è stato fatto un tentativo di minare l’ordine costituzionale, l’integrità territoriale e l’unità della Repubblica dell’Uzbekistan. Con il pretesto di protestare contro le proposte di modifica costituzionale presentate alla discussione pubblica, un gruppo di malfattori ha organizzato azioni violente, scontri e tentativi di sequestro con la forza di edifici delle autorità statali.

Queste azioni illegali portavano segni evidenti di un sabotaggio pre-programmato volto a fomentare il separatismo, destabilizzare e dividere un Paese pacifico, unito e democratico.

Nascondendosi dietro slogan populisti, diffondendo notizie false attraverso le comunicazioni mobili e Internet, le forze ostili hanno cercato di ammassare i cittadini in attività incostituzionali. Ciò ha costretto l’adozione di misure per limitare temporaneamente la comunicazione su Internet.

Durante i pogrom di massa e gli oltraggi, sono stati fatti ripetuti tentativi di prendere d’assalto gli edifici del Jokargy Kenes (parlamento), del dipartimento di polizia della città di Nukus e del dipartimento della guardia nazionale; sono state sequestrate armi da fuoco e ostaggi tra le forze dell’ordine; incendio doloso, danni e distruzione di proprietà statali, pubbliche e personali sono stati effettuati ovunque, sono stati arrecati danni significativi alle infrastrutture della città.

Inoltre, 107 agenti delle Forze dell’Ordine sono rimasti gravemente feriti durante gli attacchi, 23 dei quali sono in gravi condizioni. Un totale di 270 dipendenti di enti statali ha subito lesioni di varia gravità.

La brutalità delle azioni dei rivoltosi è stata il risultato delle azioni provocatorie di un gruppo di persone che hanno manipolato le menti delle persone e non possono essere qualificate come manifestazioni pacifiche di cittadini.

Come risultato di queste azioni illegali, 18 persone sono state uccise, come affermato in precedenza. Va notato che tra i partecipanti attivi agli attacchi, la stragrande maggioranza erano persone che erano in uno stato di intossicazione da droghe e alcol.

Il Governo dell’Uzbekistan condanna fermamente qualsiasi azione illegale finalizzata alla presa del potere con la forza, la propaganda di idee separatiste, l’incitamento all’odio, gli inviti a rivolte di massa e le violenze.

Grazie alle misure adottate e alle adeguate azioni delle Forze dell’Ordine, le azioni illegali sono state represse.

Sono attualmente in corso le misure investigative sugli eventi in Karakalpakstan. In quanto parte contraente dei trattati internazionali sui diritti umani, l’Uzbekistan si impegna a rispettare pienamente i principi di un’indagine trasparente, indipendente e imparziale, nonché a garantire garanzie di giusto processo ed equo processo. I risultati dell’indagine saranno portati all’attenzione delle organizzazioni internazionali competenti.

Tutte le azioni intraprese dal Governo dell’Uzbekistan per stabilizzare la situazione in Karakalpakstan sono attuate nel quadro giuridico e mirano principalmente a prevenire le minacce alla vita e alla salute umana.

Attualmente, le comunicazioni mobili sono pienamente operative sul territorio del Karakalpakstan, i negozi di alimentari, i mercati, i panifici, le banche, gli ospedali e altre strutture sociali funzionano. Elettricità, gas e acqua sono forniti in modalità normale.

Gli organi statali competenti dell’Uzbekistan informano quotidianamente il pubblico sulla situazione attuale in Karakalpakstan. Al riguardo, le affermazioni sul mancato accesso alle informazioni sono prive di fondamento.

Dichiariamo che nessuna forza può impedire alla Repubblica dell’Uzbekistan di continuare costantemente il corso delle riforme democratiche e di muoversi con fiducia verso la costruzione e il rafforzamento di uno Stato umano, legale e sociale che abbia a cuore l’onore e la dignità, il benessere e gli interessi di ogni cittadino.

Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell’Uzbekistan invita tutti i mass media e le organizzazioni per i diritti umani ad affrontare gli eventi in Karakalpakstan in modo obiettivo, evitando conclusioni affrettate e dichiarazioni unilaterali basate su varie fonti inattendibili.

La Repubblica dell’Uzbekistan resta impegnata ad aprire il dialogo e l’interazione con la comunità internazionale, anche in materia di tutela dei legittimi interessi, diritti e libertà umani.

6 luglio 2022 https://mfa.uz/31817

0Shares