Mar. Lug 5th, 2022

Xi giura sostegno reciproco a Putin in mezzo alle turbolenze globali

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Xi, Putin tiene una telefonata, giura sostegno reciproco in mezzo alle turbolenze globali – Global Times

Gli esperti dicono che i legami strategici Cina-Russia rimangono solidi nonostante la crescente pressione occidentale

Nel pomeriggio di mercoledi 15 giugno, il presidente cinese Xi Jinping ha tenuto una conversazione telefonica con il suo omologo russo Vladimir Putin; gli analisti che dicono che questo è un segnale mandato al mondo che la stretta partnership strategica Cina-Russia e la fiducia reciproca di alto livello tra le due parti rimangono invariate nonostante il mondo stia vivendo una fase di turbolenze e incertezze.

Il vertice della NATO e il vertice BRICS si terranno alla fine di questo mese; gli esperti hanno detto che la telefonata intercorsa tra i massimi leader di Cina e Russia sta anche inviando un messaggio al mondo per cui le due principali potenze continueranno ad darsi sostegno reciproco su questioni riguardanti i loro interessi fondamentali e continueranno a spingere la multipolarizzazione dell’ordine internazionale. .

Gli osservatori hanno notato che non c’è alcuna possibilità per l’Occidente di usare la crisi tra Russia e Ucraina per istigare i legami Cina-Russia e la posizione della Cina che – con equità e giustizia – ha conquistato la comprensione sia della Russia che dell’Ucraina.

Durante la loro conversazione, Xi ha osservato che dall’inizio di quest’anno, di fronte alle turbolenze e alle trasformazioni globali, le relazioni bilaterali hanno mantenuto un solido slancio di sviluppo.

La cooperazione economica e commerciale tra i due Paesi ha fatto progressi costanti, ha detto Xi, che ha aggiunto che il ponte autostradale transfrontaliero Heihe-Blagoveshchensk è stato aperto al traffico, creando un nuovo canale che collega i due Paesi.

Il Presidente Xi ha detto che la parte cinese è pronta a lavorare con la parte russa per spingere la cooperazione bilaterale verso uno sviluppo costante e a lungo termine.

I due capi di Stato hanno anche scambiato opinioni sulla questione ucraina: Xi ha sottolineato che la Cina ha sempre valutato in modo indipendente la situazione sulla base del contesto storico e dei meriti della questione, promuovendo attivamente la pace mondiale e la stabilità dell’ordine economico globale.

Tutte le parti dovrebbero spingere per una corretta soluzione della crisi ucraina in modo responsabile, ha detto Xi aggiungendo che la Cina, a questo scopo, continuerà a svolgere il ruolo che le spetta.

Yang Jin, un esperto dell’Istituto di studi russi, dell’Europa orientale e dell’Asia centrale sotto l’Accademia cinese delle scienze sociali, ha detto al Global Times che la telefonata dimostra la fermezza strategica della Cina nel continuare a sviluppare legami e promuovere la cooperazione con la Russia nei settori dell’economia e del commercio, anche se l’Occidente sta facendo pressione perché Pechino si unisca alle loro sanzioni contro la Russia.

Su questo argomento, la Cina non è sola poiché la maggior parte dei Paesi non occidentali – così come alcuni membri dell’UE e della NATO – non condividono l’idea di sanzionare indiscriminatamente la Russia su tutto o tagliare ogni cooperazione e scambi anche se ciò comporta un costo elevato; non c’è nulla di sbagliato nel fatto che questi Paesi vogliano continuare a sviluppare legami con la Russia sulla base degli interessi del loro popolo.

Xi ha detto che la Cina è disposta a lavorare con la Russia al fine di continuare a sostenersi a vicenda sui rispettivi interessi fondamentali in materia di sovranità e sicurezza, nonché sulle principali preoccupazioni nazionali, approfondendo il loro coordinamento strategico e rafforzando la comunicazione e il coordinamento in importanti organizzazioni internazionali e regionali come le Nazioni Unite, il meccanismo BRICS e l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO); ha aggiunto, inoltre, che la Cina è anche disposta a lavorare con la Russia per promuovere la solidarietà e la cooperazione tra i Paesi dei mercati emergenti e le Nazioni in via di sviluppo, e spingere per lo sviluppo dell’ordine internazionale e della governance globale verso una direzione più giusta e ragionevole.

Cui Heng, un assistente ricercatore del Center for Russian Studies della East China Normal University, ha dichiarato che dall’inizio della crisi Russia-Ucraina, gli Stati Uniti hanno pienamente attivato la loro risorse come ai tempi della Guerra Fredda e il prossimo vertice della NATO adotterà un nuovo concetto di sicurezza per l’Alleanza atto a colpire non solo la Russia ma anche la Cina; i leader di Giappone e Corea del Sud parteciperanno al vertice per la prima volta. “È chiaro che la NATO non è più un’organizzazione militare nelle regioni intorno al nord dell’Atlantico, ma entrerà in Asia e avrà un’influenza globale e, cosa più importante, prenderà di mira la Russia e la Cina come suoi rivali, persino nemici“, ha detto il ricercatore.

Cina e Russia non hanno altra scelta che resistere congiuntamente alla costrizione a tutto tondo della NATO attraverso uno stretto coordinamento strategico e l’ulteriore mantenimento dell’equilibrio della situazione strategica globale, ha detto Cui osservando, inoltre, che questo è il segnale chiave ricevuto dalla conversazione tra Xi e Putin.

Yang ha sottolineato che il vertice della NATO si sta concentrando sull’esercito e sulla sicurezza, mentre il vertice BRICS si sta concentrando sullo sviluppo e sulla cooperazione tra le economie emergenti, due approcci diversi ma non diventeranno una sorta di situazione da guerra fredda come il confronto tra blocchi. Importante, però, è che la Cina e la Russia, così come il resto dei membri dei BRICS, inviino un chiaro segnale al mondo: l’ordine internazionale dovrebbe concentrarsi sullo sviluppo e allentare le tensioni attraverso il dialogo piuttosto che lasciare che alcuni Paesi occidentali dominino la comunità internazionale per far sì che il confronto domini le relazioni internazionali.

Cui ha osservato che la telefonata è intercorsa nei giorni in cui si celebra il compleanno del presidente Xi; i due leader hanno goduto di una profonda amicizia personale per più di un decennio e la fiducia reciproca tra i leader dei due Paesi garantisce la stabilità a lungo termine delle relazioni Cina-Russia.

Da parte sua, Putin ha detto che la parte russa si congratula sinceramente con la Cina per i suoi notevoli risultati nello sviluppo del Paese raggiunti sotto la forte guida di Xi.

Dall’inizio dell’anno, la cooperazione tra Russia e Cina si è sviluppata costantemente, ha detto, aggiungendo che la Russia sostiene l’Iniziativa di sicurezza globale proposta da Pechino e si oppone a qualsiasi forza voglia interferire con gli affari interni della Cina usando le cosiddette questioni riguardanti Xinjiang, Hong Kong e Taiwan, tra gli altri, come pretesto. Putin ha anche osservato che Mosca è pronta a rafforzare il coordinamento multilaterale con la Cina in modo da compiere sforzi costruttivi per promuovere la multipolarizzazione del mondo e stabilire un ordine internazionale più giusto e ragionevole.

Gli analisti hanno detto che il sostegno della Russia sulle questioni relative agli interessi fondamentali della Cina, in particolare su quelli che affrontano pressioni e minacce da parte degli Stati Uniti, è forte come sempre. Il partenariato strategico globale di coordinamento Cina-Russia è “la spina dorsale di un mondo multipolare e svolge un ruolo vitale nella difesa dalle ambizioni globali della NATO e dall’egemonia degli Stati Uniti”, ha detto a tale riguardo Cui.

I meccanismi di cooperazione multilaterale con la Cina e la partecipazione chiave della Russia, come i BRICS e la SCO, stanno avendo una voce sempre più forte negli affari internazionali e regionali: “una chiave di lettura è che la Cina e la Russia sono in grado di fornire preziosi beni pubblici a molti Paesi in via di sviluppo, che non hanno vincoli ideologici rispetto a quelli forniti dall’Occidente“, ha osservato lo stesso Cui.

Mercoledì, inoltre, si è tenuta virtualmente la 12a riunione dei Consiglieri per la sicurezza nazionale e degli Alti rappresentanti dei BRICS per la sicurezza nazionale, seduta presieduta da Yang Jiechi, membro dell’Ufficio politico del Comitato Centrale del PCC e direttore dell’Ufficio della Commissione per gli affari esteri del Comitato Centrale del PCC a Pechino.

Come riportato dal portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin, i temi all’ordine del giorno della riunione sono stati il multilateralismo e la governance globale, le nuove minacce e le sfide alla sicurezza nazionale, la governance delle nuove frontiere. All’evento hanno partecipato consiglieri per la sicurezza nazionale e gli alti rappresentanti per la sicurezza nazionale di Sudafrica, Brasile, Russia e India.

Come presidente dei BRICS, la Cina non vede l’ora di lavorare con altri membri dei BRICS per consolidare ulteriormente la fiducia politica reciproca, approfondire la cooperazione politica e di sicurezza, salvaguardare congiuntamente i nostri interessi di sicurezza e sviluppo e dare contributi positivi alla promozione della pace e della stabilità nel mondo“, ha affermato Wang Wenbin.

0Shares