Mar. Lug 5th, 2022

Un riassunto delle strategie di politica estera della Russia e uno sguardo al futuro

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Alessandro Fanetti

Articolo originale in lingua inglese pubblicato su The Defence Horizon

La Federazione Russa del Nuovo Millennio è, come ben definito dal noto studioso John H. Mackinder, il “Cuore” del pianeta in cui tutti abitiamo. È uno stato “multinazionale” sempre al centro del mondo, che è stato governato da sistemi opposti (zarismo, socialismo, liberalismo “eltsiniano”). Al potere da più di vent’anni, il presidente Putin ha cercato di prendere qualcosa da tutte queste esperienze, sia in politica interna che estera. In politica interna, sta cercando di creare un “collante onnicomprensivo di identità” e in politica estera che si oppone all’unipolarismo guidato dagli Stati Uniti, promuovendo allo stesso tempo un mondo multipolare.

La Russia del 21 ° secolo è un territorio unico, abitato da una popolazione diversificata; dagli abitanti della grande steppa siberiana che arriva fino a Vladivostok ai discendenti dei temibili combattenti mongoli eredi di Gengis Khan, dai caucasici che vivono negli ambienti ceceni agli europei di San Pietroburgo: molte peculiarità caratterizzano queste variegate popolazioni.

Mosca è la metropoli in cui si concentra l’unicità del “pianeta Russia”: una capitale che ospita quasi il 15% della popolazione del Paese, proveniente dai quattro angoli di questo vasto territorio (e di altre nazioni, in particolare, gli “stan” dell’Asia centrale).

Sarebbe troppo tentare una riflessione dettagliata sulla storia di questo immenso territorio e delle sue varie popolazioni. Tuttavia, una delle questioni più significative che va sottolineata è che è “sempre” esistito il rischio di una “disintegrazione del paese”, a maggior ragione dopo il crollo dell’Unione Sovietica, quando alcune regioni hanno richiesto a gran voce l’indipendenza da Mosca (la Cecenia ha espresso con un forte impegno in tal senso).

Questi problemi sono stati affrontati (almeno parzialmente) dal presidente Eltsin nel 1992, anno in cui è stato promosso il Trattato della Federazione tra tutte le entità che componevano la Federazione Russa. Tuttavia, questo trattato è stato firmato solo da 86 delle 88 entità della Federazione Russa, mentre Tatarstan e Cecenia hanno opposto il loro rifiuto. Mentre il primo tornò però sulla sua decisione poco tempo dopo, la Cecenia non lo fece. Boris Eltsin decise, allora, di ripristinare completamente l’unità di Mosca con la regione con capitale Grozny attraverso² due sanguinose guerre anti-indipendenza tra il 1994 e il 2009.

Il Trattato della Federazione

Il Trattato in questione consisteva in otto articoli che coprivano i seguenti punti salienti: “Impegno a dare alla Federazione Russa una nuova Costituzione e un elenco di questioni di “competenza esclusiva” delle autorità centrali; un elenco degli argomenti su cui le autorità della Federazione Russa e quelle delle varie Repubbliche avrebbero dovuto discutere, gestendo congiuntamente le varie questioni; enunciazione di principi riguardanti la gestione autonoma di alcune questioni da parte delle Repubbliche della Federazione, sempre nel rispetto della Costituzione e con un dialogo con le autorità centrali; il pieno rispetto delle leggi in tutta la Federazione, sia da parte del governo centrale che da parte delle repubbliche autonome”[1].

L’intento era quello di garantire la continuità statale anche negli anni futuri; questo perché la disintegrazione del paese avrebbe potuto rendere notevolmente irrilevante una grande potenza militare, lasciando l’Heartland, come il grande studioso John H. Mackinder definì questa parte del mondo più di un secolo fa, ridotta a un “ricco terreno di caccia” per altre potenze regionali e mondiali[2].

Le linee di impegno di Putin

Le principali linee di politica interna ed estera che il presidente Putin ha cercato di perseguire in questi lunghi anni della sua presidenza sono:

1. Dopo gli ultimi dieci anni del 20 ° secolo (caratterizzati da privatizzazioni selvagge e collasso socio-economico), la rinascita economica e il miglioramento delle condizioni di vita della popolazione sono stati i due punti chiave. In questa “ricostruzione”, un ruolo cruciale è stato svolto dall’intelligence economica, la vera forza decisiva per qualsiasi potenza che voglia rimanere (o diventare) tale[3].

2. Forte impegno contro qualsiasi ambizione separatista all’interno della Federazione Russa.

  • La decisione di Putin di spazzare via le forze separatiste durante la seconda guerra cecena (che durò ufficialmente dal 1999 al 2009) lo dimostra chiaramente – così come le sue parole di qualche anno dopo: “Ero convinto che se non avessimo fermato immediatamente i guerriglieri, avremmo finito per diventare una seconda Jugoslavia“[4].

3. Impegno per la costruzione di una rinnovata identità russa onnicomprensiva; un’identità in cui l’intera popolazione potesse riconoscersi, con il fine di creare armonia sociale e unità tra il popolo della Federazione Russa, sulla base dei seguenti obiettivi:

  • Orgoglio per l’Impero come esperienza di grandezza e unicità russa;
  • Difesa e promozione della lingua russa per garantire l’unità del popolo e una maggiore comprensione, anche oltre i confini della Federazione Russa;
  • Orgoglio per la “Grande Guerra Patriottica” come è stata combattuta da tutto il “mondo russo” (Russkij Mir) che ha portato la vittoria e la grandezza alla patria;
  • Sostegno a tutte quelle “ideologie” basate sulla “centralità russa” e sull’importanza dei suoi valori. Questo aiuta a far sentire la popolazione come parte di qualcosa di più grande e più importante;
  • Difesa dell’eurasiatismo e del panslavismo;
  • Pieno sostegno alla Chiesa ortodossa (maggioranza in Russia), in una funzione “unitaria” per la popolazione e una positiva collaborazione tra Stato e istituzioni religiose[5].

4. Rafforzamento del ruolo di Mosca nel “Vicino Estero”[6] mediante:

  • Forte attenzione all’Ucraina dopo gli eventi del 2014; questi ultimi considerati dal Cremlino come un’interferenza inaccettabile dell’Occidente liberale sul confine russo.
    Più specificamente, la Federazione Russa tiene in grande considerazione il suo “Vicino estero” per paura di avere vicini “ostili”. Va sottolineato che a seguito dell’allargamento della NATO nell’Europa orientale e della dissoluzione dell’URSS, l’Ucraina e la Bielorussia sono le ultime due nazioni “non occidentali” rimaste (anche se l’Ucraina, a differenza della Bielorussia, ha chiesto l’ingresso nella NATO e il vertice NATO del 2008 a Bucarest la riconosce come nazione che aderirà all’Alleanza Atlantica, accanto alla Georgia, in futuro). In un certo senso, la Russia usa un ragionamento simile a quello che gli Stati Uniti d’America hanno adottato nel loro “cortile di casa” durante la crisi missilistica di Cuba del 1962.
  • A parte questo, il fermo sostegno al sistema di potere in Bielorussia dopo le proteste seguite alle elezioni presidenziali del 2020, considerando la repentina svolta dell’élite politico-economica a Minsk è troppo rischioso anche per la Federazione Russa. Infatti, Lukashenka è l’ultimo “alleato di ferro” di Mosca nell’Europa dell’Est, un alleato troppo prezioso per rischiare di perdere lui e il suo paese come è successo con Kiev.
    L’ultimo vertice Putin – Lukashenka a San Pietroburgo nel 2021 ha dimostrato la natura strategica di questa relazione.
  • Infine, l’attivismo in Asia centrale non si vedeva dai tempi dell’URSS. Come descritto nell’ultimo Concetto di politica estera russa, “la Federazione Russa considera importante […] rafforzare la fiducia reciproca e il partenariato in Asia centrale“[7].

In effetti, quest’area è strategica per il Cremlino, sia a livello economico che politico. La Russia condivide, infatti, quasi 7000 chilometri di confine con il Kazakistan, c’è una significativa presenza militare russa in questo Paese e in Kirghizistan, nonché c’è un accordo davvero significativo con il Turkmenistan per la fornitura di gas naturale. Temi di primaria importanza, anche alla luce dei “Piani strategici USA 2019 – 2025” basati sul rafforzamento delle partnership strategiche in Asia Centrale (in funzione anti-russa e anti-cinese) e 91 miliardi di dollari di investimenti [8].

5. Rinnovato impegno nell’Artico, in primo luogo attraverso migliori equipaggiamenti delle Forze Armate di stanza in questi territori. Questo perché l’Artico sta diventando uno dei più importanti “campi strategici” di confronto tra le Grandi Potenze, principalmente a causa dei cambiamenti climatici:

  • Rapporto artico al Congresso degli Stati Uniti nel 2019: “L’Artico è ancorato alla strategia di difesa nazionale degli Stati Uniti […]. C’è una forte attenzione soprattutto alla concorrenza con Cina e Russia“[9].
  • Il Libro bianco cinese sull’Artico 2018: “[…] La Cina è un attore importante negli affari artici. […] La Cina ha interessi condivisi con gli stati artici e un futuro condiviso con il resto del mondo nell’Artico. […]” [10].

6. Riavvicinamento decisivo con la Repubblica popolare cinese che ha raggiunto il rango di “partenariato strategico” . Come ben descritto dallo studioso Dmitri Trenin(il rapporto Russia – Cina) si basa sulle seguenti parole: mai uno contro l’altro, non sempre l’uno con l’altro”[11].
Infatti, se fino al 2014 la Russia aveva buoni rapporti con l’Occidente (forgiati durante l’ultimo decennio del XX secolo) e continuavano tutto sommato ad esistere ancora dopo l'”Affare Ucraina” post-EuroMaidan, la situazione è ora cambiata radicalmente. Lontani, infatti, sono i giorni dello “spirito di Pratica di Mare” (nascita del Consiglio NATO-Russia, 2002)[12].

Per quanto riguarda il rapporto Russia-Cina, è utile riportare le seguenti considerazioni:

  • Il professor Glenn Diesen nel 2021: “La loro comune opposizione (Russia – Cina) agli Stati Uniti ha infatti intensificato la partnership, e la sfiducia storica e le asimmetrie di potere tra Russia e Cina devono essere gestite. Tuttavia, Pechino non sostituirà Washington come nemesi di Mosca – invece la Grande Eurasia viene organizzata come una regione multipolare in grado di accogliere la Russia. La visione della Russia di un ordine multipolare non è possibile senza una Cina forte. Dopo il sostegno occidentale al colpo di stato di Maidan del 2014 in Ucraina, la Russia ha posto fine alla sua politica estera occidentale-centrica lunga tre secoli e all’ambizione post-Guerra Fredda di integrarsi con l’Occidente. La Russia ha sostituito la sua ambizione per la Grande Europa con la Greater Eurasia Initiative che ha promosso l’integrazione economica nel supercontinente. Al centro della Greater Eurasia Initiative c’è un partenariato strategico con la Cina[13]..
  • Russia e Cina hanno una profonda collaborazione anche all’interno del mastodontico progetto cinese denominato “Belt and Road Initiative”[14] (Progetto fortemente voluto da Pechino per la creazione di una rete globale, principalmente economica, per contrastare lo strapotere di Washington).

Uno dei progetti più significativi a tale riguardo è “il progetto infrastrutturale “Meridian”, basato su un’autostrada che dovrà collegare Shanghai ad Amburgo (attraverso la Federazione Russa) a partire dal 2024. 2.000 chilometri di asfalto […] (che aiuterà anche) lo sviluppo di aree “depresse” in Russia”[15].

In sostanza, Russia e Cina hanno un obiettivo strategico comune: contrastare il mondo unipolare guidato dagli Stati Uniti che è sorto dalle ceneri dell’URSS. Cercano di costruire un mondo multipolare, caratterizzato da vari poli politici – economici – militari – culturali, ognuno con i suoi valori e la sua organizzazione governativa, così come con propri “sistemi di sviluppo” decisi in base alle proprie convinzioni.

Un mondo multipolare con la Russia al centro come uno dei poli esistenti.

Un mondo multipolare, quindi, dove la Russia e il suo territorio giocano un ruolo di primo piano, come ben spiegato dal famoso studioso Sir Halford John Mackinder già all’inizio del 20 ° secolo con queste parole significative: “Chi governa l’Europa orientale comanda l’Heartland: chi governa l’Heartland comanda l’Isola Mondo: chi governa l’Isola Mondo comanda il Mondo”[17].

Nella sua elaborazione teorica, Mackinder vede la storia politica come una lotta in corso tra potenze terrestri e marittime. L’Heartland è il “cuore pulsante” della terra e comprende il territorio così delimitato: a ovest il fiume Volga, a est il fiume Blu, a nord l’Artico e a sud le vette più occidentali dell’Himalaya. Secondo questa teoria, l’Hertland è il “centro” della vera potenza continentale rappresentata dall'”Isola – mondo” che consiste nell’Eurafrasia (Eurasia + Africa, comprendente sette ottavi della popolazione mondiale totale e due terzi dell’area totale del mondo).

In conclusione, quindi, è possibile dire che la Russia del XXI secolo è profondamente diversa da tutte quelle precedenti che hanno attraversato la sua Storia, ma da ciascuna, la Russia odierna, ha attinto qualcosa per diventare ciò che è oggi. 

Una Russia che fatica a trovare il suo “posto nel mondo”, tra la difesa dell’unipolarismo da parte degli Usa e la forte ascesa della Cina.
Il Mer 13 Apr 2022, 14:36 <presidenza@cese-m.eu> ha scritto:

Alessandro buongiorno,
dagli un occhio prima che la pubblichi.

La Federazione Russa del Nuovo Millennio è, come ben definito dal noto studioso John H. Mackinder, il “Cuore” del pianeta in cui tutti abitiamo. È uno stato “multinazionale” sempre al centro del mondo, che è stato governato da sistemi opposti (zarismo, socialismo, liberalismo “eltsiniano”). Al potere da più di vent’anni, il presidente Putin ha cercato di prendere qualcosa da tutte queste esperienze, sia in politica interna che estera. In politica interna, sta cercando di creare un “collante onnicomprensivo di identità” e in politica estera che si oppone all’unipolarismo guidato dagli Stati Uniti, promuovendo allo stesso tempo un mondo multipolare.

La Russia del 21 ° secolo è un territorio unico, abitato da una popolazione diversificata; dagli abitanti della grande steppa siberiana che arriva fino a Vladivostok ai discendenti dei temibili combattenti mongoli eredi di Gengis Khan, dai caucasici che vivono negli ambienti ceceni agli europei di San Pietroburgo: molte peculiarità caratterizzano queste variegate popolazioni.

Mosca è la metropoli in cui si concentra tutto: una capitale che ospita quasi il 15% della popolazione russa, proveniente dai quattro angoli di questo vasto paese (e di altre nazioni, in particolare, gli “stan” dell’Asia centrale).

Sarebbe troppo tentare una riflessione dettagliata sulla storia di questo immenso territorio e delle sue varie popolazioni. Tuttavia, una delle questioni più significative che va sottolineata è che è “sempre” esistito il rischio di una “disintegrazione del paese” dopo il crollo dell’Unione Sovietica, quando alcune regioni volevano l’indipendenza da Mosca (la Cecenia ha espresso con un forte impegno in tal senso).

Questi problemi sono stati “risolti” dal presidente Eltsin nel 1992, anno in cui è stato promosso il Trattato della Federazione tra tutte le entità che componevano la Federazione Russa. Tuttavia, questo trattato è stato firmato solo da 86 delle 88 entità della Federazione Russa mentre Tatarstan e Cecenia hanno opposto il loro rifiuto. Mentre il Tatarstan tornò sulla propria decisione poco tempo dopo, la Cecenia non lo fece. Boris Eltsin decise, allora, di ripristinare completamente la regione con capitale Grozny sotto Mosca con due sanguinose guerre anti-indipendenza tra il 1994 e il 2009.

Il Trattato della Federazione

Il Trattato in questione consisteva in otto articoli che coprivano i seguenti punti salienti: “Impegno a dare alla Federazione Russa una nuova Costituzione e un elenco di questioni di “competenza esclusiva” delle autorità centrali; un elenco degli argomenti su cui le autorità della Federazione Russa e quelle delle varie Repubbliche avrebbero dovuto discutere, gestendo congiuntamente le varie questioni; enunciazione di principi riguardanti la gestione autonoma di alcune questioni da parte delle Repubbliche della Federazione, sempre nel rispetto della Costituzione e con un dialogo con le autorità centrali; il pieno rispetto delle leggi in tutta la Federazione, sia da parte del governo centrale che da parte delle repubbliche autonome”[1].

L’intento era quello di garantire la continuità statale anche negli anni futuri; questo perché la disintegrazione del paese avrebbe potuto rendere notevolmente irrilevante una grande potenza militare, lasciando l’Heartland, come il grande studioso John H. Mackinder definì questa parte del mondo più di un secolo fa, ridotta a un “ricco terreno di caccia” per altre potenze regionali e mondiali[2].

Le linee di impegno di Putin

Le principali linee di politica interna ed estera che il presidente Putin ha cercato di perseguire in questi lunghi anni della sua presidenza sono:

1. Dopo gli ultimi dieci anni del 20 ° secolo (caratterizzati da privatizzazioni selvagge e collasso socio-economico), la rinascita economica e il miglioramento della popolazione delle condizioni di vita sono stati i due punti chiave. In questa “ricostruzione”, un ruolo cruciale è stato svolto dall’intelligence economica, la vera forza decisiva per qualsiasi potenza che voglia rimanere (o diventare) tale[3].

2. Forte impegno contro qualsiasi ambizione separatista all’interno della Federazione Russa.

  • La decisione di Putin di spazzare via le forze separatiste durante la seconda guerra cecena (che durò ufficialmente dal 1999 al 2009) lo dimostra chiaramente – così come le sue parole di qualche anno dopo: “Ero convinto che se non avessimo fermato immediatamente i guerriglieri, avremmo finito per diventare una seconda Jugoslavia“[4].

3. Impegno per la costruzione di una rinnovata identità russa onnicomprensiva; un’identità in cui l’intera popolazione potesse riconoscersi, con il fine di creare armonia sociale e unità tra il popolo della Federazione Russa, sulla base dei seguenti obiettivi:

  • Orgoglio per l’Impero come esperienza di grandezza e unicità russa;
  • Difesa e promozione della lingua russa per garantire l’unità del popolo e una maggiore comprensione, anche oltre i confini della Federazione Russa;
  • Orgoglio per la “Grande Guerra Patriottica” come è stata combattuta da tutto il “mondo russo” (Russkij Mir) che ha portato la vittoria e la grandezza alla patria;
  • Sostegno a tutte quelle “ideologie” basate sulla “centralità russa” e sull’importanza dei suoi valori. Questo aiuta a far sentire la popolazione come parte di qualcosa di più grande e più importante;
  • Difesa dell’eurasiatismo e del panslavismo;
  • Pieno sostegno alla Chiesa ortodossa (maggioranza in Russia), in una funzione “unitaria” per la popolazione e una positiva collaborazione tra Stato e istituzioni religiose[5].

4. Rafforzamento del ruolo di Mosca nel “Vicino Estero”[6] mediante:

  • Forte attenzione all’Ucraina dopo gli eventi del 2014; questi ultimi considerati dal Cremlino come un’interferenza inaccettabile dell’Occidente liberale sul confine russo.
    Più specificamente, la Federazione Russa tiene in grande considerazione il suo “Vicino estero” per paura di avere vicini “ostili”. Va sottolineato che a seguito dell’allargamento della NATO nell’Europa orientale e della dissoluzione dell’URSS, l’Ucraina e la Bielorussia sono le ultime due nazioni non occidentali rimaste (anche se l’Ucraina, a differenza della Bielorussia, ha chiesto l’ingresso nella NATO e il vertice NATO del 2008 a Bucarest la riconosce come nazione che aderirà all’Alleanza Atlantica, accanto alla Georgia, in futuro). In un certo senso, la Russia usa un ragionamento simile a quello degli Stati Uniti d’America hanno adottato nel loro “cortile” durante la crisi missilistica di Cuba del 1962.
  • A parte questo, il fermo sostegno al sistema di potere in Bielorussia dopo le proteste seguite alle elezioni presidenziali del 2020, considerando il repentina svolta dell’élite politico-economica a Minsk è troppo rischioso anche per la Federazione Russa. Infatti, Lukashenka è l’ultimo “alleato di ferro” di Mosca nell’Europa dell’Est, un alleato troppo prezioso per rischiare di perdere lui e il suo paese come è successo con Kiev.
    L’ultimo vertice Putin – Lukashenka a San Pietroburgo nel 2021 ha dimostrato la natura strategica di questa relazione.
  • Infine, l’attivismo in Asia centrale non si vedeva dai tempi dell’URSS. Come descritto nell’ultimo Concetto di politica estera russa, “la Federazione Russa considera importante […] rafforzare la fiducia reciproca e il partenariato in Asia centrale“[7].

In effetti, quest’area è strategica per il Cremlino, sia a livello economico che politico. La Russia condivide, infatti, quasi 7000 chilometri di confine con il Kazakistan, c’è una significativa presenza militare russa in Kazakistan e Kirghizistan e c’è un accordo davvero significativo con il Turkmenistan per la fornitura di gas naturale. Temi di primaria importanza, anche alla luce dei “Piani strategici USA 2019 – 2025” basati sul rafforzamento delle partnership strategiche in Asia Centrale e 91 miliardi di dollari di investimenti [8].

5. Rinnovato impegno nell’Artico, in primo luogo attraverso migliori equipaggiamenti delle Forze Armate di stanza in questi territori. Questo perché l’Artico sta diventando uno dei più importanti “campi strategici” di confronto tra le Grandi Potenze, principalmente a causa dei cambiamenti climatici:

  • Rapporto artico al Congresso degli Stati Uniti nel 2019: “L’Artico è ancorato alla strategia di difesa nazionale degli Stati Uniti […]. C’è una forte attenzione soprattutto alla concorrenza con Cina e Russia“[9].
  • Il Libro bianco cinese sull’Artico 2018: “[…] La Cina è un attore importante negli affari artici. […] La Cina ha interessi condivisi con gli stati artici e un futuro condiviso con il resto del mondo nell’Artico. […]” [10].

6. Riavvicinamento decisivo con la Repubblica popolare cinese che ha raggiunto il rango di “partenariato strategico” . Come ben descritto dallo studioso Dmitri Trenin(il rapporto Russia – Cina) si basa sulle seguenti parole: mai uno contro l’altro, non sempre l’uno con l’altro”[11].
Infatti, se fino al 2014 la Russia aveva buoni rapporti con l’Occidente, forgiati durante l’ultimo decennio del XX secolo, e continuavano tutto sommato ad esistere ancora dopo l'”Affare Ucraina”, la situazione è cambiata radicalmente. Lontani, ora, sono i giorni dello “spirito di Pratica di Mare” (nascita del Consiglio NATO-Russia, 2002)[12].

Per quanto riguarda il rapporto Russia-Cina, è utile riportare le seguenti considerazioni:

  • Il professor Glenn Diesen nel 2021: “La loro comune opposizione (Russia – Cina) agli Stati Uniti ha infatti intensificato la partnership, e la sfiducia storica e le asimmetrie di potere tra Russia e Cina devono essere gestite. Tuttavia, Pechino non sostituirà Washington come nemesi di Mosca – invece la Grande Eurasia viene organizzata come una regione multipolare in grado di accogliere la Russia. La visione della Russia di un ordine multipolare non è possibile senza una Cina forte. Dopo il sostegno occidentale al colpo di stato di Maidan del 2014 in Ucraina, la Russia ha posto fine alla sua politica estera occidentale-centrica lunga tre secoli e all’ambizione post-Guerra Fredda di integrarsi con l’Occidente. La Russia ha sostituito la sua ambizione per la Grande Europa con la Greater Eurasia Initiative che ha promosso l’integrazione economica nel supercontinente. Al centro della Greater Eurasia Initiative c’è un partenariato strategico con la Cina[13]..
  • Russia e Cina hanno una profonda collaborazione anche all’interno del mastodontico progetto cinese denominato “Belt and Road Initiative”[14] (Progetto fortemente voluto da Pechino per la creazione di una rete globale, principalmente economica, per contrastare lo strapotere di Washington).

Uno dei progetti più significativi a tale riguardo è “il progetto infrastrutturale “Meridian”, basato su un’autostrada che dovrà collegare Shanghai ad Amburgo (attraverso la Federazione Russa) a partire dal 2024. 2.000 chilometri di asfalto […] (che aiuterà anche) lo sviluppo di aree “depresse” in Russia”[15].

In sostanza, Russia e Cina hanno un obiettivo strategico comune: contrastare il mondo unipolare guidato dagli Stati Uniti che è sorto dalle ceneri dell’URSS. Cercano di costruire un mondo multipolare, caratterizzato da vari poli politici – economici – militari – culturali, ognuno con i suoi valori e la sua organizzazione governativa, così come i propri “sistemi di sviluppo” decisi in base alle proprie convinzioni.

Un mondo multipolare con la Russia al centro

Un mondo multipolare, quindi, dove la Russia e il suo territorio giocano un ruolo di primo piano, come ben spiegato dal noto studioso Sir Halford John Mackinder già all’inizio del 20 ° secolo con queste parole significative: “Chi governa l’Europa orientale comanda l’Heartland: chi governa l’Heartland comanda l’Isola del Mondo: chi governa l’Isola del Mondo comanda il Mondo”[17].

Nella sua elaborazione teorica, Mackinder vede la storia politica come una lotta in corso tra potenze terrestri e marine. L’Heartland è il “cuore pulsante” della terra e comprende il territorio così delimitato: a ovest il fiume Volga, a est il fiume Blu, a nord l’Artico e a sud le vette più occidentali dell’Himalaya. Secondo questa teoria, Heartland è il “centro” della vera potenza continentale rappresentata dall'”isola – mondo” che consiste in Eurafrasia (Eurasia + Africa, comprendente sette ottavi della popolazione mondiale totale e due terzi dell’area totale del mondo).

In conclusione, quindi, è possibile dire che la Russia del XXI secolo è profondamente diversa da tutte precedenti che hanno attraversato la Storia, ma da ciascuna, la Russia odierna, ha attinto qualcosa per diventare ciò che è oggi. Una Russia che fatica a trovare il suo “posto nel mondo”, tra la difesa dell’unipolarismo da parte degli Usa e la forte ascesa della Cina.

NOTE AL TESTO

[1] “Федеративный договор (Москва, 31 марта 1992 г.) (garant.ru)”.

[2] Matt Rosenborg, “Wat is Mackinder’s Heartland Theory?,” ThoughtCo., September 10, 2019, last accessed January 20, 2022, https://www.thoughtco.com/what-is-mackinders-heartland-theory-4068393.

[3] Laris Gaiser, Intelligence economica, Geografia Economico – Politica, 2015.

[4] Gennaro San Giuliano, “Putin: vita di uno Zar,” Mondadori, Milano, 2015.

[5] Vladimir Putin, “La Russia del Nuovo Millennio,” Novaya Gazeta, 30/12/1999.

[6] “The Near Abroad, a term used to denote the countries of the former USSR, is an exclusively Russian concept, a legacy that Moscow inherited after the collapse of the Soviet Union. […]. It is widely known that Russia has a particularly significant influence over the countries of the near abroad, but little attention is usually paid to the role of this region in Russian foreign policy. In fact, the influence of the near abroad on Russian diplomacy is very significant. This region, to a certain extent, defines the structure of Russian diplomacy, determines its goals, influences diplomatic thought, and is a point of confrontation between Russia and the US/West”. (https://valdaiclub.com/a/highlights/russia-and-its-near-abroad-challenges-and-prospect/.)

[7] The Embassy of the Russian Federation to the United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland, “THE FOREIGN POLICY CONCEPT OF THE RUSSIAN FEDERATION,” Approved by President of the Russian Federation Vladimir Putin on November 30, 2016, last accessed January 20, 2022, https://www.rusemb.org.uk/rp_insight/.

[8] Giuseppe Gagliano, “SCENARI/ La corsa di Cina e Usa all’Asia centrale e il problema del terzo incomodo,” Il Sussidiario, December 18, 2020, last accessed January 20, 2022,https://www.ilsussidiario.net/news/scenari-la-corsa-di-cina-e-usa-allasia-centrale-e-il-problema-del-terzo-incomodo/2105852/.

[9] Office of the Under Secretary of Defense for Policy, “Report to Congress of the Department of Defense Arctic Strategy,” June 2019, last accessed January 20, 2022, https://media.defense.gov/2019/Jun/06/2002141657/-1/-1/1/2019-DOD-ARCTIC-STRATEGY.PDF.

[10] The State Council Information Office of the People’s Republic of China, “China’s Arctic Policy,” January 26, 2018, last accessed January 20, 2022, http://english.www.gov.cn/archive/white_paper/2018/01/26/content_281476026660336.htm.

[11] Ugo Tramballi, “Il COVID geopolitico e la retrocessione russa,” ISPI, March 11, 2020, last accessed January 20, 2022, https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/il-covid-geopolitico-e-la-retrocessione-russa-26059.

[12] Stefano Baldolini, “Il sigillo tombale sullo “spirito di Pratica di Mare”,” Huffington Post, May 25, 2014,, https://www.huffingtonpost.it/stefano-baldolini/il-sigillo-tombale-sullo-spirito-di-pratica-di-mare_b_5030597.html.

[13] Glenn Diesen, “Russia & China’s partnership not only about ‘containing’ American aggression, also vital for creation of multi-polar world order, ”Russia Today, March 06, 2021, last accessed January 20, 2022, https://www.rt.com/russia/517286-china-partnership-world-order/.

[14] “The Belt and Road Initiative,” BRI, Information, last accessed January 20, 2022, https://www.beltroad-initiative.com/belt-and-road/.

[15] Federico Giuliani, “La Russia construira un’autostrada che colleghera la cina all’europa,” InsideOver, April 27, 2019, last accessed January 20, 2022, https://it.insideover.com/economia/la-russia-costruira-unautostrada-che-colleghera-la-cina-alleuropa.htm.

[16] Radhika Desai, “Economia geopolitica: la disciplina del multipolarismo – Parte II,” La Chitta Future, June 02, 2018, last accessed January 20, 2022, https://www.lacittafutura.it/economia-e-lavoro/economia-geopolitica-la-disciplina-del-multipolarismo-parte-ii.

[17] Halford J. Mackinder, “The Geographical Pivot of History,” The Geographical Journal, Vol. 23, No. 4 (April, 1904), 421-437.[1] “Федеративный договор (Москва, 31 марта 1992 г.) (garant.ru)”.

Alessandro Fanetti (Italia, 1988) è uno studioso di Geopolitica e Relazioni Internazionali membro dell’Associazione Italiana Analisti di Intelligence e Geopolitica (AIAIG)”. Laureato in Scienze Internazionali con lode, scrive per Istituti, Associazioni e Riviste come “L’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG)” e “Opinio Juris – Rivista di Diritto e Politica”. I suoi ultimi scritti includono “Russia: alla ricerca del potere perduto” (Edizioni Eiffel, 2021).

0Shares