Mar. Mag 24th, 2022

Gal Luft: gli Stati Uniti, la guerra nucleare finanziaria contro la Russia e il nuovo ordine finanziario globale

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Giulio Chinappi

Gal Luft, consulente senior del Consiglio per la sicurezza energetica degli Stati Uniti, ha rilasciato un’intervista alla testata cinese Guancha. Nell’intervista, Luft affronta tematiche di grande attualità come le sanzioni contro la Russia, la fine del dominio del dollaro come valuta di riferimento e la nascita di un nuovo ordine finanziario, sottolineando anche i reali interessi degli Stati Uniti in Europa. Di seguito la traduzione dell’intervista.

Gli Stati Uniti hanno raggiunto un accordo con i principali alleati europei per rimuovere diverse banche russe dal sistema SWIFT, in quelle che sono state definite sanzioni “a livello di bomba nucleare finanziaria“. Il sistema SWIFT è stato creato dagli Stati Uniti, ma l’allargamento delle sanzioni alla Russia dimostra che Europa e Stati Uniti stanno indebolendo il sistema internazionale da loro stessi stabilito. Che impatto avrà questo sull’ordine economico e finanziario mondiale?

Nell’estate del 2019 ho pubblicato un libro intitolato De-dollarization: The Revolt Against the Dollar and the Rise of a New Financial World Order (“Dedollarizzazione: la rivolta contro il dollaro e l’ascesa di un nuovo ordine finanziario”, ndt). Molti degli eventi che stanno accadendo oggi sono stati predetti nel libro, ma devo dire che anche io sono piuttosto stupito dalla velocità del cambiamento. Stiamo letteralmente assistendo a una trasformazione del sistema finanziario globale annunciata dalle potenze occidentali dopo la seconda guerra mondiale alla conferenza di Bretton Woods. Nelle ultime settimane, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno infranto diversi tabù: hanno disconnesso una grande economia da SWIFT; hanno sequestrato beni privati ​​di cittadini russi che chiamano oligarchi senza alcun procedimento legale e, peggio di tutto, hanno congelato le riserve della Banca Centrale. Questa è stata in realtà la seconda volta in otto mesi che Washington ha messo le mani sulle riserve di una banca centrale. La prima volta è stata l’estate scorsa quando gli Stati Uniti hanno congelato miliardi di dollari della Banca Centrale Afgana. Il congelamento dei beni della banca centrale nella guerra economica è un atto di pirateria sponsorizzato dallo Stato ed equivalente all’uso di bombe nucleari in un conflitto militare. Ma è anche un atto controproducente che indebolirà solo la fiducia che i banchieri centrali di tutto il mondo hanno nel sistema del dollaro USA e nell’ordine internazionale basato sulle regole dell’America. Dal momento che l’America vuole scrivere le regole e farle rispettare, ogni Paese che non accetta i dettami di Washington potrebbe trovarsi nella stessa situazione della Russia. Questo è un campanello d’allarme per molti Paesi. Al momento, un Paese su dieci nel mondo è soggetto alle sanzioni statunitensi. Non ho dubbi che gli eventi dell’ultimo mese segnino uno spartiacque nella storia della finanza globale, che passerà alla storia come la peggiore ferita autoinflitta nella storia dell’economia. Lo status del dollaro come valuta di riserva è ciò che dà all’America il suo potere sulla scena mondiale, ed è ciò che consente agli Stati Uniti di avere deficit di trilioni di dollari e accumulare 30 trilioni di debiti. Nel corso della storia ci sono state numerose valute di riserva. La loro vita media è stata di 80-100 anni. Il dollaro è stato una valuta di riserva all’incirca per lo stesso periodo di tempo. Se ha fatto il suo corso, è solo a causa delle azioni del governo degli Stati Uniti che si è scatenato nell’applicare sanzioni e altre misure punitive economiche senza vederne l’impatto cumulativo.

Il debito totale del governo federale degli Stati Uniti ha superato i 30 trilioni, e l’anno scorso ha ampiamente superato il PIL degli Stati Uniti di circa 23 trilioni di dollari USA. Vedremo aumentare gradualmente il pagamento degli interessi sul debito pubblico. È possibile per il governo federale invertire il continuo aumento del debito? In caso negativo, ciò innescherà una crisi di insolvenza del debito ancora più forte, anche con rischi finanziari globali?

Per ridurre un debito così enorme deve succedere una di queste due cose: o il governo aumenta le sue entrate attraverso una robusta crescita economica e una maggiore tassazione o riduce le sue spese, ad esempio tagliando il budget della difesa. L’ideale sarebbe una combinazione delle due. Tuttavia, non sembra che l’amministrazione Biden abbia il potere o la volontà di fare nessuna delle due. In vista delle elezioni di midterm e con l’aumento dell’inflazione, aumentare le tasse è un suicidio politico. Biden parla di tassare i ricchi, ma sarebbe una battaglia in salita con il rischio di fuga di capitali dagli Stati Uniti verso vari paradisi fiscali. Dopo aver versato trilioni di dollari nell’economia in vari programmi di ripresa dal Covid e dopo aver mantenuto i tassi di interesse vicini allo zero per quasi un decennio e mezzo, la Fed sta esaurendo gli strumenti per stimolare l’economia. Quanto alla riduzione della spesa pubblica, ciò è altrettanto improbabile. In effetti, con 10.000 baby boomer che vanno in pensione ogni giorno, le spese sembrano solo crescere. Il budget per la difesa di Biden per il 2023 riflette un aumento di 79 miliardi di dollari, che è maggiore dell’intera spesa militare della Russia. Con la classe politica riluttante a compiere alcun passo doloroso nella direzione del taglio del disavanzo, il debito continuerà a crescere e con l’aumento dei tassi di interesse il costo del servizio del debito potrebbe diventare entro la fine del decennio la spesa numero uno del governo degli Stati Uniti: più grande del budget della difesa. I Paesi che acquistano obbligazioni statunitensi guardano questo spettacolo con orrore e si chiedono: “Dove porterà tutto questo?“. Gli Stati Uniti potranno mai ripagare tale debito o sono la madre di tutte le trappole del debito? Penso che questo plasmerà le decisioni delle banche centrali su quanto debito statunitense continuare a detenere.

L’Arabia Saudita sta valutando l’utilizzo dello yuan invece dei dollari USA nelle vendite di petrolio alla Cina, secondo recenti rapporti dei media statunitensi. Secondo i media indiani, il governo Modi ha recentemente approvato una proposta russa per consentire alle entità russe di investire in obbligazioni di società indiane. Nel contesto delle sanzioni finanziarie contro la Russia da parte dei Paesi occidentali, questo meccanismo può consentire il proseguimento del commercio India-Russia. Tutto ciò può essere considerato una rivolta contro il dollaro e l’egemonia finanziaria statunitense? È troppo presto per dire che questo è il sorgere di un nuovo ordine finanziario mondiale?

Non c’è dubbio che una vera e propria rivolta è già in atto contro l’egemonia del dollaro. In molti si chiedono: se il dollaro non è più valuta di riserva, cosa lo sostituirà? L’euro? Lo yuan? Questo è il quadro sbagliato per esaminare il problema. Non è il caso di un re che succede a un altro. Non esiste una moneta unica che possa sostituire il dollaro. Invece, stiamo passando da un’era di unipolarità valutaria a un’era di multipolarità valutaria in cui diverse valute, inclusi oro e criptovalute, competono l’una contro l’altra per una quota maggiore nelle riserve delle banche centrali. Nel nuovo ordine finanziario i Paesi effettueranno sempre più transazioni tra loro in valute diverse dal dollaro. Il dollaro perderà gradualmente la sua presa sul mercato delle materie prime multimiliardario e la domanda per la valuta statunitense diminuirà. Una volta che ci sarà meno domanda di dollari, gli Stati Uniti non saranno in grado di vendere i loro strumenti di debito denominati in dollari con la stessa facilità con cui hanno fatto per quasi un secolo. Paesi come la Cina riconsidereranno la saggezza di acquistare il debito statunitense allo stesso ritmo di prima. Con la domanda per il suo debito in calo, gli Stati Uniti dovranno aumentare i tassi di interesse sulle loro obbligazioni e questo significa che il costo del servizio del debito aumenterà, lasciando meno soldi per la difesa, la salute, l’istruzione, le infrastrutture, ecc. Ciò influenzerà la capacità degli Stati Uniti di fornire aiuti esteri, sostenere le organizzazioni internazionali, proteggere i suoi alleati e investire in progetti infrastrutturali all’estero. Di conseguenza, sempre più Paesi rimarranno delusi dagli Stati Uniti e cercheranno partner economici e di sicurezza alternativi. Sul piano interno, man mano che sempre meno denaro verrà destinato ai servizi sociali, il pubblico diventerà sempre più infelice e questo potrebbe portare a un sistema politico ancora più instabile.

Il 24 marzo Biden ha partecipato a tre vertici consecutivi, il vertice della NATO, il vertice del G7 e il vertice dell’UE. Di fronte alla crisi umanitaria causata dall’attuale conflitto russo-ucraino e al recente aumento dei prezzi dell’energia in tutto il mondo, gli Stati Uniti e l’Europa hanno ancora espresso che continueranno a esercitare pressioni sulla Russia e a fornire supporto militare all’Ucraina. Sembra che l’incontro non abbia avuto luogo per “spegnere il fuoco” o per la pace, ma augurare che il ciclo bellico possa essere prolungato. In qualità di consulente senior del Consiglio per la sicurezza energetica degli Stati Uniti, cosa pensi che siano le considerazioni degli Stati Uniti dal punto di vista della sicurezza energetica e del panorama energetico globale?

Quando Donald Trump era presidente, coniò il termine “American Energy Dominance” (“Dominio energetico americano, ndt) che essenzialmente richiedeva un aumento della produzione di petrolio e gas nordamericani e l’utilizzo di queste risorse energetiche come strumenti di politica estera per soppiantare l’influenza dell’OPEC e della Russia sull’America e sui suoi alleati. Biden, che è molto più legato al movimento ambientalista, si è astenuto dall’usare questo termine, ma le sue intenzioni sono simili nel senso che come Trump vuole emarginare il Medio Oriente, che non è più una priorità assoluta per gli interessi globali degli Stati Uniti, così come la Russia. La guerra in Ucraina è un modo conveniente per gli Stati Uniti di rendere l’Europa vincolata all’energia nordamericana. L’Europa è un pasticcio burocratico economicamente indebolito, governato da un’élite politica sempre più divorziata dai bisogni della sua gente. Gli Stati Uniti hanno capito che l’Europa è matura per un’acquisizione economica. Tutto quello che deve fare è disconnettere l’Europa dall’energia russa. Questo spiega l’ossessione dei politici statunitensi per il gasdotto Nord Stream 2. Ad un certo punto tutte le nomine di Biden sono state sospese al Senato fino a quando Biden non avesse sanzionato il gasdotto. Perché l’America era così ossessionata da un unico gasdotto? La risposta è che il gasdotto avrebbe impedito all’America di diventare il principale fornitore di energia per l’Europa. Una volta che gli Stati Uniti prenderanno il controllo dell’approvvigionamento energetico europeo, l’Europa diventerà un vassallo dell’America nel perseguimento del suo prossimo obiettivo di sfidare la Cina. La dipendenza dell’Europa dal gas americano avrà un prezzo molto alto. Il GNL sarà sempre più costoso del gas russo e questo significa che i prezzi europei dell’energia ora diventeranno molto più alti con implicazioni negative per la produzione europea e il costo della vita. Purtroppo, gli europei non sono in grado di vedere nulla di tutto ciò e, quando lo faranno, sarà troppo tardi.

Lo scoppio della crisi russo-ucraina ha fatto salire alle stelle i prezzi dell’energia in una certa misura e il prezzo dei futures europei sul gas naturale una volta si è avvicinato a $ 3.900/mille metri cubi. Otto anni fa, Cina e Russia hanno firmato un accordo di fornitura di gas naturale della durata di 30 anni, che costava solo 350 dollari per 1.000 metri cubi di gas naturale. Al momento, di fronte all’impennata dei prezzi del petrolio e del gas in Europa e alla pressione dell’inflazione globale, gli Stati Uniti e l’Europa hanno annunciato al vertice della NATO appena concluso che continueranno ad esercitare pressioni sulla Russia e a fornire supporto militare all’Ucraina. Con il prolungarsi della guerra, le persone in Ucraina non saranno le uniche in Europa a soffrire. Per l’Europa, quello americano è davvero un alleato affidabile e degno di fiducia?

Henry Kissinger una volta disse che “l’America non ha amici o nemici permanenti, solo interessi“. Penso che questo sia un buon modo per giudicare le relazioni USA-Europa. Molti politici affermano che le relazioni sono fondate su “valori condivisi“, il che è generalmente vero, ma ciò che mantiene davvero intatta l’alleanza transatlantica sono gli interessi condivisi. Per l’America, un’Europa debole è un’enorme opportunità strategica, che consente a Washington di raccogliere molti vantaggi economici per le sue società e di forgiare un’alleanza occidentale economicamente e militarmente potente che può successivamente espandere per includere gli alleati indo-pacifici. In qualità di leader di un’alleanza così ampia e con una Russia indebolita, gli Stati Uniti potranno spostare gli occhi sul loro concorrente strategico numero uno, la Cina, e stabilire un dominio permanente sulla regione del Pacifico. Ma nel lungo periodo questa alleanza potrebbe diventare una responsabilità per l’America. L’economia europea è in rapido declino, di fronte a debiti pesanti, crescita lenta, disoccupazione in aumento e ondate di milioni di rifugiati. Il pericolo per gli Stati Uniti è che se l’Europa crolla sotto il proprio peso, gli Stati Uniti dovranno investire risorse crescenti per mantenerla a galla e l’Europa potrebbe trasformarsi da risorsa in passività.

Ricordo ancora ciò che lei ha detto rivolgendosi a un panel cinese prima del Summit della Democrazia degli Stati Uniti, “la promozione della democrazia è stata un appuntamento fisso della politica estera degli Stati Uniti per più di un secolo”. Recentemente hai menzionato sul tuo account Twitter: “un nuovo termine è nato nel blob per descrivere i membri onorari del West+: Advanced Industrial Democracy“. Lo dice in modo vivido come: India, non sei abbastanza democratica. Turchia, non sei abbastanza industriale. Devi anche essere “avanzato” per entrare nel club d’élite. L’impostazione delle regole è un privilegio autodichiarato degli Stati Uniti da molti anni. Ci saranno più seguaci nel gioco, visto l’ampliamento del gioco “noi e loro”? Perché o perché no?

Il mondo è diviso in tre gruppi di Paesi. Il primo gruppo è l’ovest più alcuni membri onorari come Giappone, Singapore e Corea del Sud. I secondi sono i cosiddetti revisionisti guidati da Cina e Russia, che spingono senza scusarsi per un sistema internazionale più equo in cui il “resto” non viva più sotto i dettami dell’”Occidente”. Il terzo gruppo è dove si trova la maggior parte dei Paesi: i non allineati. I Paesi non allineati traggono il massimo beneficio dal sistema globalizzato e vogliono che sopravviva senza essere soggetti a grandi pressioni di potere, senza che gli venga detto con chi possono commerciare, quale valuta dovrebbero usare o quale tecnologia dovrebbero adottare. La guerra in Ucraina ha affilato i confini tra i tre gruppi. Su quasi 200 Paesi circa 100 sono nel campo dei non allineati mentre gli altri 100 sono divisi a metà tra l’Occidente e i revisionisti. Questa è più o meno la nuova architettura del potere globale. I prossimi anni saranno una lotta epica tra i due schieramenti con i Paesi non allineati sempre più schiacciati nel mezzo, come un pezzo di formaggio preso tra due fette di pane. Per me, l’India è il Paese più interessante da tenere d’occhio, non solo perché sta per diventare il Paese più popoloso, ma anche perché è anche la più grande democrazia del mondo, ma non sembra disposta ad allinearsi con l’Occidente. L’approccio dell’India alla guerra in Ucraina ha scioccato Washington, che pensava che gli indiani fossero nelle loro tasche. Gli eventi delle ultime settimane, con l’India non solo riluttante a condannare la Russia e ad aderire alle sanzioni, ma che in realtà ha intrapreso misure attive per indebolire le sanzioni, determineranno se gli Stati Uniti possono o meno fare affidamento sull’India per le sue ambizioni indo-pacifiche, se l’India diventerà il perno di un nuovo movimento non allineato o se si unirà a Cina, Russia e forse Brasile nella creazione di un blocco revisionista ancora più grande guidato dai BRICS.

0Shares