Lun. Ott 3rd, 2022

Yevgeny Primakov: l’uomo che ha inventato il multipolarismo

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Rakesh Krishnan Simha

Yevgeni Primakov è colui che ha elaborato il concetto di triangolo strategico Russia, India e Cina come contrappeso all’alleanza occidentale. In questa sede proponiamo un articolo del 2015 a firma di Rakesh Krishnan Simha che aiuta a comprendere il pensiero che informa l’azione estera della Federazione Russa.

Il 24 marzo 1999, Yevgeni Maximovich Primakov si stava recando negli Stati Uniti per una visita ufficiale. A metà dell’Oceano Atlantico, il Primo Ministro russo apprese che le forze combinate della NATO avevano iniziato a bombardare la Serbia, uno stretto alleato della Russia. Primakov ordinò immediatamente all’aereo di fare dietro front e tornò a Mosca con una manovra soprannominata “Primakov’s Loop“.

La decisione di Primakov era in sintonia con ciò che si era prefissato di ottenere. Nel 1996, in qualità di ministro degli Esteri, aveva presentato alle élite del Cremlino un piano per sviluppare un perno strategico a tre vie tra Russia, India e Cina. Questa dottrina del multipolarismo avrebbe rappresentato un’alternativa concreta all’unipolarità imposta dagli Stati Uniti nel periodo successivo alla Guerra Fredda.

All’epoca il Cremlino brulicava di moscoviti filo-occidentali. Marci fino al midollo, molti erano al soldo di eterogenei think tank americani (leggi: agenzie di spionaggio). Non era il momento o il luogo per vendere un’idea così radicale come unire tre Paesi tanto diversi in un abbraccio strategico.

Ma come la maggior parte delle grandi idee, quella di Primakov era semplice: in primo luogo, la Russia doveva porre fine alla sua politica estera sottomessa guidata dagli Stati Uniti; in secondo luogo, sottolineava la necessità di rinnovare i vecchi legami con l’India e di favorire l’amicizia appena scoperta con la Cina.

Primakov sosteneva che una troika Russia-India-Cina (RIC) in un mondo multipolare avrebbe consentito una certa protezione per le Nazioni dalla mentalità libera non alleate con l’Occidente; Primakov diceva anche che la crisi economica in Russia ha presentato una rara convergenza di condizioni nel RIC.

Leonid Fituni, Direttore del Center for Strategic and Global Studies con sede a Mosca, spiega: “la Cina è praticamente l’unica nazione nel mondo contemporaneo che gode di oltre 3000 anni di Stato ininterrotto. Ha le sue ricche tradizioni di governo statale, non identiche a quelle esistenti oggi (in Occidente), ma non inferiori. Nel corso dei millenni, la Cina ha accumulato un’esperienza senza precedenti nell’organizzazione e nello sviluppo sociale e politico“. Aggiunge, inoltre che “l’India, essendo per molti aspetti diversa, gode di un simile bagaglio di esperienze storiche, spesso incomprensibili per gli occidentali. Gli ultimi due secoli sono stati un periodo di degrado e umiliazione per queste due grandi NazioniAgli occhi dei cinesi e degli indiani, questo era indissolubilmente legato all’espansione europeo/occidentale: colonialismo e dominio imperiale, compresa l’imposizione di una servitù normativa ed economica che rimane poi intrappolata nella semiperiferia anche dopo l’era del colonialismo.”

La Russia si è trovata in uno stato simile.

Era un periodo, quello in cui operava Primakov, in cui le ex economie pianificate venivano “spietatamente saccheggiate dalle democrazie vittoriose con il pretesto di riforme economiche o liberalizzazione. I pensatori sociali e storici russi hanno notato somiglianze con il periodo storico della distruzione e del saccheggio della Cina e dell’India nel 19° e all’inizio del XX secolo”, scrive il Prof Li Xing in The BRICS and Beyond.

Primakov – un ex giornalista, orientalista e spymaster – aveva previsto un inevitabile degrado dell’economia russa, la riduzione allo status di Paese del “terzo mondo” e il continuo drenaggio di risorse (naturali, finanziarie, tecnologiche e umane) verso l’Occidente vittorioso nel suo tentativo di rimandare l’imminente crisi nel (centro occidentale) indebolito da decenni di competizione della Guerra Fredda. (Questo ha un inquietante parallelo con il drenaggio delle risorse dell’India – denaro nero e talento high tech – verso l’Occidente).

Partenza lenta

Nel 1998, Primakov ha visitato l’India e ha promosso la proposta di creare il triangolo strategico RIC. La nuova leadership russa sotto Vladimir Putin ha invertito la deriva dell’era Boris Eltsin nei legami Russia-India, firmando un importante trattato di partenariato strategico e istituendo una serie di riunioni annuali al vertice. Quattordici anni dopo che la Russia aveva abbandonato il suo vecchio alleato, gli indiani udirono voci amichevoli provenire da Mosca. “L’India è la numero uno“, ha detto Putin, riferendosi al primato dell’India nel subcontinente.

A dire il vero, la troika ha impiegato molto tempo per raggiungere un accordo di base. Una delle ragioni principali per cui il RIC non ha avuto successo è la disputa sul confine tra India e Cina, che ha dato vita a una versione asiatica della corsa agli armamenti tra i due giganti.

Avendo inglobato sempre più paesi, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico si è avvicinata ai nostri confini e questo non può non metterci a disagio

— Yevgeny Primakov

In secondo luogo, come in qualsiasi partenariato trilaterale, il membro più debole – in questo caso l’India – acquisisce prestigio e potere sproporzionati rispetto alla sua forza effettiva. Pechino – che tradizionalmente vedeva l’India come debole, divisa, servilmente filo-occidentale e soprattutto come un potenziale rivale strategico – chiaramente non voleva aiutare l’India a raggiungere tale status.

Inizialmente, i leader del RIC si sono incontrati solo a margine dei vertici globali. “Una volta che il formato è stato avviato nel 2003, ampliarlo per includere il Brasile non ha presentato sfide insormontabili“, scrivono Nikolas K. Gvosdev e Christopher Marsh in “Russian Foreign Policy: Interests, Vectors, and Sectors“.

(Il termine dell’economista di Goldman Sachs Jim O’Neill – adottato rapidamente dagli analisti finanziari e dei mercati emergenti di tutto il mondo – è stato rilasciato proprio nel momento opportuno. O’Neill o no, i BRICS sarebbero stati una realtà, meno quel nome goffo.)

Nel 2012 – in coincidenza con il successo indiano nei test dei missili balistici a lungo raggio in grado di raggiungere la costa orientale della Cina – i colloqui RIC sono decollati. Infine, l’incontro del febbraio 2015 a Pechino ha dato un nuovo slancio al progetto, con la Cina che ha approvato la mossa della Russia di includere l’India nella Shanghai Cooperation Organization (SCO).

Impronta più ampia

Per quanto ampio fosse il suo scopo, Primakov è andato oltre il RIC.

La dottrina di Primakov è progettata principalmente per diluire la forza e l’influenza dell’America, aumentando al contempo l’influenza e la posizione della Russia in Medio Oriente ed Eurasia“, scrive l’analista politico Ariel Cohen della Heritage Foundation con sede negli Stati Uniti in un rapporto intitolato “The Primakov Doctrine: Russia’s Zero -Sum Game con gli Stati Uniti“.

Primakov ha dimostrato di essere un maestro nello sfruttare i sentimenti antiamericani dell’establishment sciita iraniano, dei nazionalisti arabi e persino dell’élite della politica estera francese. Durante le visite in Giappone e in America Latina, Primakov ha promesso il sostegno della Russia ai loro sforzi per assicurarsi seggi permanenti nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite“.

Ma Primakov non stava lasciando che i falchi americani rimanessero incontrastati. In un discorso del 2006 tuonò: “Il crollo delle politiche statunitensi perseguite in Iraq ha inferto un colpo fatale alla dottrina americana dell’unilateralismo“.

Avendo inglobato sempre più Paesi, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico si è avvicinata ai nostri confini e questo non può non metterci a disagio“, ha aggiunto Primakov. “Tanto di più l’estensione della NATO è accompagnata da una retorica anti-russa, così come da politiche aggressive perseguite dagli Stati Uniti nelle ex repubbliche sovietiche. Mosca non può non considerare tutto questo come un’attività alimentata dal dispiacere di alcuni ambienti occidentali per il fatto che ripristinando il suo enorme potenziale potenziale, la Russia sta riguadagnando il suo status di superpotenza“.

La nuova era nella diplomazia russa

Un altro contributo chiave di Primakov è il fatto che pose fine all’innocenza post-sovietica della Russia. Approfittando della natura conciliante – ed eccessivamente fiduciosa di Mosca – gli americani avevano ingannato Mosca in diversi teatri, tra cui Iraq, Libia, espansione della NATO e Trattato ABM.

Siamo troppo onesti in queste questioni e tale ingenuità nell’arena politica non porta a buoni risultati“, disse in un’intervista. “Spero che la nostra politica cambi“. Primakov affermò inoltre che la Russia non accetterebbe la divisione del mondo basata su principi religiosi e legati alla civiltà, ma perseguirà invece le proprie politiche, “raffreddando le teste calde che non imparano la lezione in Iraq ma sono quasi pronti a ripetere perniciose tecniche di combattimento contro regimi indesiderati”. In effetti, il suo credo definitivo era: “Coloro che fanno del bene saranno premiati. La vita si vendica con chi fa del male“.

L’eredità lasciata da Primakov è stata riassunta al meglio dall’attuale ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov: “Nel momento in cui è subentrato, il ministero degli Esteri russo ha annunciato una svolta drammatica nella politica estera russa. La Russia ha lasciato il percorso che i nostri partner occidentali avevano cercato di far seguire dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica e ha intrapreso una propria strada“.

Indicando il successo dei BRICS, emerso dal RIC, Lavrov ha affermato che la linea di Paesi desiderosi di unirsi al gruppo di cinque membri “continua ad allungarsi“. Tra decenni – o forse pochi anni – a partire da ora, tempi in cui si racconta il “Declino e caduta dell’Occidente“, un merito sostanziale sarebbe andato all’uomo che è venuto dalla Guerra Fredda – e ha cambiato la mappa del Nuovo Ordine Mondiale.

0Shares