Lun. Ott 3rd, 2022

Le repubbliche popolari del Donbass si preparano all’attacco dell’Ucraina

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Giulio Chinappi

La situazione nel Donbass sta precipitando proprio in queste ore, mentre le repubbliche popolari stanno evacuando la popolazione civile verso la Russia.

Mentre gli Stati Uniti continuano ad accusare la Russia di voler invadere l’Ucraina, le forze di Kiev e i battaglioni paramilitari sostenuti di fatto dal governo ucraino proseguono le proprie incursioni nei territori delle repubbliche popolari del Donbass. Secondo quanto riportato dall’agenzia stampa russa TASSLeonid Pasečnik, presidente della Repubblica Popolare di Lugansk (RPL), e Denis Pušilin, presidente della Repubblica Popolare di Doneck (RPD), hanno invitato la popolazione alla mobilitazione generale, chiamando il popolo alle armi per difendere le due repubbliche autoproclamatesi indipendenti nel 2014.

Il ministero delle emergenze della RPD ha inoltre annunciato venerdì che prevede di evacuare circa 700.000 persone nella regione russa di Rostov. Anche la RPL ha annunciato l’evacuazione dei civili dalla regione verso il confine con la Russia. Come dichiarato da Denis Pušilin, la situazione lungo la linea di contatto nell’Ucraina orientale è peggiorata giovedì mattina, quando le autoproclamate repubbliche hanno riportato i più intensi bombardamenti da parte delle truppe ucraine. Un civile è rimasto ferito e diverse infrastrutture civili sono state danneggiate.

Non dobbiamo dimenticare che centinaia di migliaia di persone nelle regioni di Lugansk e Doneck hanno chiesto di ottenere la cittadinanza russa dopo il colpo di Stato ucraino del 2014, possibilità accordata da Mosca. Per questo, molte delle persone coinvolte nelle evacuazioni sono di fatto cittadini della Federazione Russa. Vjačeslav Volodin, presidente della Duma di Stato russa, ha scritto attraverso i social network che la Russia è pronta a proteggere i propri cittadini del Donbass: “La Russia non vuole la guerra. Il nostro presidente Vladimir Putin lo ha ripetutamente affermato in precedenza e lo sta dicendo in questi giorni“, ha detto Volodin. “Ma se dovesse sorgere un pericolo per la vita dei russi e dei compatrioti che vivono nella TPD e nella RPL, il nostro Paese li difenderà“.

A tal proposito, il presidente Vladimir Putin ha ordinato che i rifugiati che arrivano nella regione ottengano 10.000 rubli ciascuno, ed ha inviato nella regione di Rostov assistenti sanitari ed altro personale specializzato per sostenere i profughi del Donbass, secondo quanto richiesto anche dal governatore locale Vasilij Golubev.

Secondo quanto affermato in queste ore dal ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, Mosca starebbe verificando anche le voci secondo le quali l’Ucraina, sostenuta dalle potenze occidentali della NATO, avrebbe reclutato numerosi mercenari nella regione dei Balcani, in particolare da Kosovo, Albania e Bosnia-Erzegovina. Lavrov ha anche ricordato che la situazione difficile dei Balcani è peggiorata dopo l’intervento imperialista della NATO nel 1999 contro Belgrado: “La NATO è intervenuta per prevenire il genocidio degli albanesi del Kosovo, e l’ha fatto così bene che la regione ora sta prosperando“, ha detto ironicamente il ministro russo, parafrasando ad alcune affermazioni del cancelliere tedesco Olaf Scholz. “Il Kosovo e alcune altre parti dei Balcani occidentali stanno diventando un terreno fertile per la criminalità. Ci sono terroristi e spacciatori di droga“, ha aggiunto. “Dire che la NATO ha invaso la Jugoslavia con nobili obiettivi è quantomeno scorretto e immorale“, ha concluso il massimo diplomatico russo.

Lavrov ha inoltre accusato il governo ucraino di rifiutare il dialogo diretto con le repubbliche popolari del Donbass, e dunque di violare gli accordi di Minsk. “Abbiamo sottolineato che non ci sono alternative all’attuazione degli accordi di Minsk nella loro interezza e in tutta la loro coerenza. E, naturalmente, abbiamo sottolineato le continue dichiarazioni ufficiali di Kiev secondo cui non si impegneranno in un dialogo diretto con Doneck e Lugansk. Questo rappresenta un sfida diretta e un rifiuto diretto dell’attuazione gli accordi di Minsk“, ha affermato venerdì il ministro in una conferenza stampa dopo i colloqui con il suo omologo greco Nikos Dendias.

Anche il presidente russo Vladimir Putin e quello bielorusso Aljaksandr Lukašėnka hanno esortato Kiev a sedersi al tavolo dei negoziati con le repubbliche autoproclamate, dopo aver tenuto un colloquio venerdì. “Il presidente bielorusso ed io abbiamo accertato che la chiave per ristabilire la pace civile in Ucraina e per alleviare le tensioni in quel Paese è l’attuazione degli accordi di Minsk. Tutto ciò che Kiev deve fare è sedersi al tavolo dei negoziati con i rappresentanti del Donbass e concordare sulle misure politiche, militari, economiche e umanitarie per porre fine a questo conflitto“, ha detto Putin dopo il dialogo con il suo omologo.

Purtroppo, in questo momento stiamo assistendo, al contrario, a un’escalation nel Donbass“, ha detto ancora il presidente russo. “Kiev non attua gli accordi di Minsk. In particolare, rifiuta categoricamente il dialogo diretto con Doneck e Lugansk, sabotando così l’attuazione degli accordi sulla modifica della Costituzione, sullo status speciale del Donbass, sulle elezioni locali e sull’amnistia – su tutte le questioni chiave degli accordi di Minsk“, ha sottolineato. Il presidente russo ha sottolineato che i diritti umani vengono violati su vasta e sistematica scala in Ucraina e che la discriminazione contro la popolazione di lingua russa è sancita a livello legislativo.

0Shares