Mar. Ago 16th, 2022

IN KAZAKISTAN TOKAYEV PROMETTE RAPIDE INDAGINI SUI RECENTI DISORDINI E ASSICURA PROSECUZIONE DELL’AZIONE RIFORMATRICE

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

ARTICOLO ORIGINALE tradotto da Paolo Marcenaro

Il Presidente Kassym-Jomart Tokayev ha descritto i recenti violenti disordini in Kazakistan come un tentativo pianificato di prendere il potere, con il coinvolgimento di militanti professionisti formati all’estero, ha sottolineato un’equa indagine nazionale su quanto accaduto, nonché le preoccupazioni per presunti maltrattamenti dei detenuti sarebbero stati accuratamente controllati. Ha anche sottolineato che ricoprirà la carica di presidente per un massimo di due mandati, come previsto dalla Costituzione del Kazakistan, aggiungendo che non ci saranno modifiche alla legislazione al riguardo.

Questa e altre dichiarazioni sono state rilasciate in un’intervista a un canale di notizie kazako, “Khabar 24”.
Rispondendo alla domanda su chi si dovesse considerare realmente responsabile delle violenze, Tokayev ha affermato che l’indagine in corso dovrebbe fornire risposte. Ha detto: “Non voglio prevedere l’esito delle indagini, sarebbe sbagliato. Molti dei militanti, compresi i loro leader, hanno lasciato Almaty, alcuni sono fuggiti nelle campagne, altri sono fuggiti attraverso il confine verso i Paesi vicini”. In relazione alle prime proteste pacifiche iniziate il 2 gennaio, ha affermato: “Per quanto riguarda le manifestazioni pacifiche, ovviamente hanno avuto luogo. Non c’era uso della forza contro i manifestanti”.

Commentando la sua decisione del 7 gennaio di dare l’ordine di sparare contro i terroristi armati, il Capo dello Stato ha chiarito che le forze dell’ordine non avevano un piano d’azione durante i disordini. Era, quindi, necessario che lui stesso si assumesse la responsabilità necessaria. Ha spiegato che quando ha dato l’ordine, i manifestanti pacifici avevano da tempo lasciato le strade e ad affrontare la reazione delle forze dell’ordine erano rimasti solo i banditi.

Commentando la reazione negativa che il suo ordine ha ricevuto in alcuni circoli internazionali, Tokayev ha detto: “Sono un diplomatico di carriera, sapevo che ci sarebbe stata una reazione del genere, ma gli interessi dello Stato e la sicurezza dei cittadini sono della massima importanza per me. Mi stavo concentrando sul ripristino dell’ordine nel Paese, la reazione [all’estero] è stata una minore preoccupazione”.
Al riguardo, il Presidente ha affermato che il Kazakistan non cerca assistenza internazionale per indagare sui disordini, come suggerisce la risoluzione del Parlamento europeo adottata il 20 gennaio, che Tokayev ha definito “di parte e prematura”. Allo stesso tempo, il Kazakistan continuerà a sviluppare la sua cooperazione con tutti i suoi partner internazionali, inclusi Stati Uniti e Cina, ha affermato.
Il Presidente ha inoltre informato che la questione della sua assunzione alla guida del Consiglio di sicurezza il 5 gennaio è stata sollevata con il primo Presidente del Kazakistan, Nursultan Nazarbayev, aggiungendo che “non c’è stata alcuna contrattazione sulla divisione dei poteri con Nazarbayev e nessuna discussione su privilegi”.

Commentando le affermazioni secondo cui il Kazakistan deve alla Russia un favore per il sostegno temporaneo che il Kazakistan ha ricevuto dall’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva (CSTO), il Presidente Tokayev ha dichiarato categoricamente che non c’erano precondizioni da parte del Cremlino e nessuna discussione sul fatto che il Kazakistan dovesse restituire alcun favore. Ha chiarito che oltre alle forze russe, il contingente di mantenimento della pace della CSTO comprendeva anche personale militare dalla Bielorussia, dal Tagikistan, dall’Armenia e dal Kirghizistan.

Passando al tema delle riforme politiche nel Paese, il Presidente ha osservato che il Kazakistan ha bisogno di riformare il proprio sistema parlamentare e partitico. Ha sottolineato che in parlamento dovrebbero esserci diversi partiti forti in grado di sviluppare leader politici. Ha detto: “Sto seriamente deliberando di riformare il sistema parlamentare nel nostro Paese e, naturalmente, il sistema dei partiti”.
Ha confermato che il Kazakistan continuerà a seguire il corso della modernizzazione politica, descrivendolo come “la sua posizione di principio”.

“Non so per quanto tempo sarò Presidente del Kazakistan. Ma so assolutamente esattamente che, in linea con la Costituzione, non ricoprirò tale carica per più di due mandati. Non ci sarà alcuna riscrittura delle leggi, tantomeno della Costituzione”, ha detto Tokayev.

Per quanto riguarda le riforme giudiziarie, il Presidente ha rilevato che si sta rafforzando lo status del Consiglio superiore della magistratura e si sta creando un collegio per le cause amministrative. Anche le forze dell’ordine del Kazakistan saranno sostanzialmente modernizzate nell’ambito delle future riforme.

0Shares