Lun. Dic 6th, 2021

PhotoSource: https://eurocomunicazione.eu/gasdotto-nord-stream-2-nuova-nomina-per-ridurre-i-rischi/

Il nuovo ostacolo per il Nord Stream 2 potrebbe rivelarsi un grande successo!

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Fabrice Beaur – EODE-RUSSIA

Traduzione dal francese di Stefano Vernole per il Centro Studi Eurasia e Mediterraneo

La chiusura da parte del regolatore tedesco della certificazione Nord Stream 2 ha dato adito a teorie complottiste sulle ragioni dell’incidente. Tuttavia, le ipotesi che questa sia la risposta della Germania alla crisi migratoria e alla minaccia della Bielorussia di chiudere la valvola del gas sono chiaramente lontane dalla realtà. Cosa ha spinto Berlino a ritardare il lancio del gasdotto russo? E qual è il lato positivo di questa storia per Gazprom?

Il regolatore tedesco, la German Federal Network Agency, ha sospeso la certificazione di Nord Stream 2 AG come operatore indipendente del gasdotto Nord Stream 2. Ciò ha immediatamente causato il panico nel mercato spot del gas in Europa. I futures sul gas hanno raggiunto di nuovo i 1.000 dollari per la prima volta in quasi un mese, e di notte erano superiori a 1.100 dollari per mille metri cubi. La crescita è stata di quasi il 18% da lunedì.

Alcuni l’hanno vista come la risposta della Germania alla crisi migratoria al confine con la Bielorussia, in cui i critici della Russia vedono un’impronta russa. Alexander Lukashenko ha aggiunto benzina sul fuoco minacciando di recente l’Occidente, in risposta alle loro sanzioni, di tagliare il gasdotto di transito Yamal-Europa senza l’approvazione di Mosca.

“Ciò ha permesso ai detrattori del Nord Stream 2 di affermare che la Russia avrebbe deliberatamente tagliato il gas all’Europa per mano dei bielorussi al fine di peggiorare la crisi energetica in Europa e spingere l’UE a lanciare più velocemente il gasdotto russo. Tale politicizzazione, ovviamente, danneggia il progetto, perché ci consente di affermare che la Russia sta usando questa terribile arma energetica. Pertanto, la notizia della sospensione della certificazione del gasdotto ai tedeschi è stata vista da molti come la risposta della Germania alla crisi migratoria presumibilmente organizzata da Russia e Bielorussia”, spiega Igor Yushkov, esperto del Fondo nazionale per la sicurezza energetica e dell’Università finanziaria sotto il Governo della Federazione Russa.

Tuttavia, gli esperti non credono alle ragioni politiche della decisione del regolatore tedesco. La sospensione della certificazione dell’operatore del gasdotto non è correlata alla politica, ha affermato Dmitry Marinchenko, direttore senior del gruppo risorse naturali e materie prime di Fitch. “Si tratta di questioni più procedurali che politiche. La Germania sostiene costantemente il progetto e probabilmente non vale la pena cercare teorie della cospirazione qui”, ha affermato TASS.

Questa non è una risposta politica dalla Germania, poiché il regolatore tedesco non solo ha annunciato la sospensione della procedura, ma ha anche spiegato i motivi di tale decisione e ha persino detto a Gazprom cosa doveva fare, quali documenti presentare per rettificare la situazione, spiega Yushkov.

Nella decisione del regolatore tedesco, vede sia svantaggi che vantaggi per Gazprom. Da un lato, è una storia spiacevole, poiché implica un ritardo nelle procedure e nel lancio di Nord Stream 2. Il regolatore tedesco ha iniziato a esaminare la candidatura di Gazprom l’8 settembre 2021. La decisione sulla legge doveva essere eseguita prima dell’8 gennaio 2022, ma tutti si aspettavano che accadesse prima. Inoltre, i tedeschi sono tenuti a presentare documenti alla CE, che non può modificare la decisione del regolatore tedesco, ma formalmente ha altri due mesi per prendere in considerazione la certificazione del gasdotto russo. Inoltre, la legge concede alla commissione due mesi aggiuntivi, se necessario. La scadenza massima per Gazprom per ricevere tutti i documenti necessari per avviare il gasdotto era l’8 maggio. Ma tutti se lo aspettavano.

Ora Yushkov è convinto che Nord Stream 2 non verrà lanciato né al culmine della stagione di riscaldamento né alla fine. Gazprom avrà bisogno di un po’ di tempo per modificare nuovamente i documenti, probabilmente almeno un mese. Quando Nord Stream 2 AG consegnerà i documenti necessari al regolatore tedesco, a quanto pare verrà presa in considerazione una nuova domanda di certificazione e il conto alla rovescia del periodo di esame ricomincerà. Cioè, per un massimo di quattro mesi il problema può essere risolto dalla Germania, più lo stesso periodo dalla Commissione europea.

Il programma per il lancio del gasdotto è posticipato all’estate e persino alla seconda metà del 2022, quindi nessuno dovrà affrettarsi, né l’Europa né Gazprom, ha affermato Yushkov. Il lancio potrebbe avvicinarsi ancora di più all’inizio della nuova stagione di riscaldamento (entro settembre 2022).

“Ovviamente Gazprom vorrebbe abbassare un po’ i prezzi del gas, perché prezzi spot così alti uccidono la domanda, inizia una forte concorrenza tra i carburanti e il gas va ai margini. Se i prezzi fossero più bassi, Gazprom potrebbe vendere più volumi. Ma in generale, come fornitore di gas, è soddisfatto del prezzo e gli obblighi di pompare gas attraverso l’Ucraina non sono scomparsi. Pertanto, non ha nessun motivo di affrettare i tempi con Nord Stream 2”, spiega l’esperto FNEB.

Soprattutto, in questa situazione, l’Europa stessa dovrebbe essere preoccupata, perché i suoi cittadini non riceveranno un canale aggiuntivo di approvvigionamento di gas russo al culmine della stagione di riscaldamento. Con ciò, gli stessi europei hanno causato il panico sulle borse del gas, che ha portato a un’ulteriore impennata dei prezzi del gas in Europa.

“Se ci sono gelate e ogni giorno dovrà essere importato molto gas, allora l’Europa non avrà più tale opportunità. Perché Nord Stream 2 ha risolto esattamente questo problema: il forte aumento del consumo giornaliero. Gli stessi europei non hanno molto gas nei depositi sotterranei e Gazprom ha appositamente pompato una quantità record di carburante nei depositi sotterranei russi. Al culmine della stagione di riscaldamento, sperava di pompare parte del gas dagli impianti UGS russi nell’UE tramite il Nord Stream 2, spiega la fonte. Tuttavia, questo non accadrà: gli stessi europei stanno peggiorando la loro posizione nel settore energetico.”

Il deputato di sinistra del Bundestag Klaus Ernst ha chiesto di non ritardare ulteriormente il lancio del gasdotto Nord Stream 2, poiché le famiglie tedesche a basso e medio reddito si lamentano dell’aumento dei prezzi dell’energia.

Qual è il lato positivo di tutta questa storia per Gazprom?

“Il punto è che i revisori di Nord Stream 2 hanno affermato che Nord Stream 2 AG non può assolutamente far funzionare il gasdotto. Perché è una controllata di Gazprom, il che sarebbe in contraddizione con la legislazione antimonopolio dell’UE, secondo la quale un fornitore di gas non può trasportare gas”, ha affermato Yushkov.

In particolare, l’azienda polacca PGNiG, che partecipa alla certificazione in qualità di osservatore, ha indicato che Nord Stream 2 è registrato in Svizzera, che non è membro dell’UE, quindi i tedeschi sono costretti a rifiutare la certificazione.

Tuttavia, il regolatore tedesco ha chiarito la situazione a favore di Gazprom. Deve davvero registrare nuovamente il Nord Stream 2 nella giurisdizione tedesca o creare una filiale tedesca separata in conformità con la legge tedesca per gestire la parte tedesca esclusiva di Nord Stream 2. Stiamo parlando di un pezzo di tubo che attraversa una zona di mare di 12 miglia nelle acque territoriali della Germania.

“Ora il regolatore tedesco, con la sua dichiarazione sulla sospensione della certificazione, indica infatti che Nord Stream 2 AG può gestire il gasdotto, basta risolvere una formalità procedurale: registrare una filiale in Germania. Successivamente, il gasdotto russo riceverà sicuramente la certificazione. Questa è una buona notizia per la Russia”, conclude Yushkov. In altre parole, la Germania ha effettivamente ammesso che Nord Stream 2 riceverà la certificazione se questa semplice condizione sarà soddisfatta e il gasdotto sarà lanciato. L’unica domanda riguarda le tempistiche.

L’appello dell’ucraina Naftogaz negli Stati Uniti per imporre sanzioni alla controllata Nord Stream 2 AG, che sta nascendo in Germania, molto probabilmente resterà un appello. Se gli Stati Uniti lo volessero, avrebbero già imposto sanzioni allo stesso operatore Nord Stream 2 AG. Tuttavia, in precedenza Washington si era rifiutata di entrare in uno scontro diretto con la Germania sul gasdotto russo. Kiev non è chiaramente abbastanza forte per cambiare questa situazione.