Mar. Mag 24th, 2022

La determinazione del genocidio nello Xinjiang come agenda

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

La determinazione del genocidio nello Xinjiang come agenda

Pubblicato l’8 maggio 2021 da EDS

Analisi critica di un rapporto del Newlines Institute e del Raoul Wallenberg Center

L’8 marzo 2021, il Newlines Institute for Strategy and Policy di Washington ha pubblicato un rapporto, The Uyghur Genocide: An Examination of China’s Breaches of the 1948 Genocide Convention, in collaborazione con il Raoul Wallenberg Center for Human Rights di Montreal.

Questo rapporto è la prima applicazione di esperti indipendenti della Convenzione sul genocidio del 1948 al trattamento in corso degli uiguri in Cina. È stato intrapreso dal Newlines Institute for Strategy and Policy, in collaborazione con il Raoul Wallenberg Center for Human Rights, in risposta a nuovi resoconti di gravi e sistematiche atrocità nella provincia dello Xinjiang, in particolare dirette contro gli uiguri, una minoranza etnica, per determinare se la Repubblica popolare cinese sta violando la Convenzione sul genocidio secondo il diritto internazionale.

La relazione è stata redatta con il contributo e la consultazione di numerosi esperti indipendenti, 33 dei quali hanno accettato di essere individuati pubblicamente, come indicato.

Lo scopo di questa analisi TFF è esaminare lo status del Newlines Institute e la cerchia di studiosi e altri che lo hanno prodotto e contribuito e le loro relazioni. Inoltre, esamina più da vicino i metodi e i contenuti del rapporto, nonché le fonti su cui il rapporto basa la sua gravissima conclusione, vale a dire che lo Stato cinese è responsabile del genocidio e viola le disposizioni centrali di detta convenzione nella sua politiche nella Regione autonoma uigura dello Xinjiang (XUAR) intenzionalmente.

TFF vuole chiarire fin dall’inizio che non prendiamo posizione sul fatto che ciò che sta accadendo nello Xinjiang sia o meno un genocidio. In linea di principio, non formuleremmo tale opinione a meno che non fossimo anche sul campo nello Xinjiang. L’unico scopo è quello di esaminare su cosa si basa questa prima letteratura scientifica indipendente, che è stata immediatamente coperta da un’ampia gamma di media mainstream occidentali.

Presentiamo prima la sintesi dei nostri risultati, poi sviluppiamo una serie di temi e prospettive più specifici.

SINTESI

1. La relazione dei due istituti sottostanti non è “indipendente” e la relazione non presenta nuovo materiale. Co-prodotto con il Raoul Wallenberg Center for Human Rights, è il risultato della cooperazione tra individui provenienti da almeno sei gruppi di interesse o contesti più o meno interconnessi, più vicini – che non governativi – e cioè:

Fondamentalismo cristiano + circoli di politica estera americana conservatori falchi + circoli dei Fratelli musulmani + anticomunismo estremo + circoli di lobby pro-Israele + il meccanismo di politicizzazione dei diritti umani (in cui i diritti umani tendono a servire vari tipi di interventi degli Stati Uniti d’America).

Per un rapporto pubblicato da accademici indipendenti di un istituto indipendente, questo è problematico.

2. Il rapporto modificato in qualche modo a casaccio potrebbe essere stato pubblicato per sostenere la “determinazione” dell’ex Segretario di Stato Mike Pompeo il 19 gennaio 2021 che ciò che sta accadendo nello Xinjiang è un genocidio in corso. Nessuna prova lo accompagnava. Pompeo è noto, nella sua qualità di direttore della CIA e nelle sue stesse parole (2019), per essere orgoglioso del fatto che “abbiamo mentito, imbrogliato e rubato – abbiamo avuto intere formazioni – e ciò ti ricorda la gloria dell’esperienza americana”. Mike Pompeo è anche conosciuto come un cristiano conservatore che, mentre era all’Accademia militare di West Point, è stato “portato a Gesù Cristo” ed è noto per essere estremamente critico nei confronti della Cina.

3. Il rapporto sembra contenere scelte di fonti sia false che discutibili, ma anche significativamente e sistematicamente distorte e deliberatamente ignorando prospettive, teorie, concetti e fatti di fondamentale importanza.

Per un istituto che pretende di basarsi su solide conoscenze e valori, questo è problematico.

4. Il rapporto sembra, consapevolmente o intenzionalmente o meno, sostenere la rigorosa politica estera degli Stati Uniti e sfruttare le preoccupazioni sui diritti umani per promuovere una politica di confronto.

Certamente non è conforme ai valori di comprensione reciproca e di pace su cui il Newlines Institute dice di basarsi.

5. Il rapporto trasmette propaganda nel senso specifico di trattare la Cina come il soggetto di tutti i mali, ma omettendo che una comprensione della politica cinese deve includere anche le sue relazioni, comprese le relazioni conflittuali che mantiene con gli Stati Uniti. La Cina è considerata una variabile indipendente e quindi il rapporto non può produrre alcuna prospettiva comparativa. Per dirla senza mezzi termini: se ciò che la Cina sta facendo nello Xinjiang è un genocidio, ci sono altri attori/governi che dovrebbero essere determinati a perseguire politiche genocide? O come si confronta la “guerra al terrore” della Cina nello Xinjiang e i suoi costi umani con la guerra globale al terrore condotta dagli Stati Uniti, GWOT (Guerra globale al terrorismo), e i suoi costi umani?

6. In considerazione dei problemi che segnaliamo in questa analisi, bisogna essere profondamente preoccupati per la ricezione e la copertura sistematicamente acritiche da parte dei media occidentali del rapporto Newlines-Wallenberg. Gli hanno prestato un’attenzione immediata e prominente, ma non abbiamo trovato media che verificassero le fonti del Rapporto o mettessero in dubbio che si trattasse di un istituto “indipendente” e di una prima applicazione esperta “indipendente” per esperti “della Convenzione sul genocidio del 1948”.

Ciò che abbiamo trovato nel rapporto ci fa credere che mentre questa è la documentazione di più alta qualità disponibile sul genocidio nello Xinjiang, è seriamente dubbio che ciò che sta accadendo nello Xinjiang sia genocidio. E, molto probabilmente, determinarlo come tale avrà solo conseguenze negative per le relazioni USA-Cina e persino per gli stessi Stati Uniti.

Ciò che abbiamo anche scoperto è che il rapporto è un esempio abbastanza illustrativo del discorso e dei circoli di interesse che caratterizzano ciò che chiamiamo MIMAC, il complesso militare-industriale-media-accademico – che costruisce e sviluppa il concetto utilizzato per la prima volta dal presidente Dwight D. Eisenhower, che lo chiamò un complesso militare-industriale, MIC, nel suo discorso di addio nel 1961.

L’indipendenza delle due organizzazioni, il loro background e la loro relazione

L’Istituto Newlines

Newlines è stata fondata nel 2019 dal dott. Ahmed Alwani ed è una sussidiaria di FXUA, Fairfax University of America, un istituto di istruzione superiore privato orientato al business con legami personali con le imprese e varie istituzioni del Governo degli Stati Uniti. Il suo fondatore e presidente è anche il dottor Alwani, ma non è menzionato nella seconda home page dell’università di cui sopra. L’università ha però un’altra homepage, dove viene presentato come suo presidente.

Il suo comitato consultivo aziendale comprende, tra gli altri, Ken Logerwell, che è anche vicepresidente senior di National Security and Innovative Solutions (NSIS), che “è una rete senza precedenti per la risoluzione dei problemi che si adatta alle esigenze emergenti di coloro che prestano servizio nella difesa della nostra sicurezza nazionale. Ci impegniamo a riunire innovatori, accademici e imprenditori della difesa per risolvere le sfide alla sicurezza nazionale in modi nuovi.

Non è chiaro il motivo per cui la Fairfax University of America abbia due homepage con contenuti diversi e perché una delle homepage presenti un organo decisionale, il Board of Trustees, che includeva il dottor Alwani come presidente, che non esiste sull’altra. Va sottolineato che tre dei suoi sei membri fondatori sono anche o sono alla guida dell’Istituto Internazionale di Pensiero Islamico (IIIT), un’organizzazione affiliata ai Fratelli Musulmani.

Il Newlines Institute ha istituito una task force sugli accademici uiguri nel 2020. Gli ha affidato “la ricerca e l’analisi su come il Governo degli Stati Uniti e i suoi alleati e partner possano gestire al meglio gli sforzi di Pechino per cancellare l’identità e la cultura uigura”. Quindi, già prima di questo nuovo rapporto, l’Istituto aveva deciso che questo era ciò che la Cina stava facendo. Uno dei membri principali di questo gruppo è il dottor Adrian Zenz, sul cui ruolo centrale in tutto questo torneremo.

La FXUA è un piccolo college con circa 150 studenti. Secondo la sua pagina di Wikipedia, aveva problemi con gli standard di qualità dell’istruzione; è interessante notare che la maggior parte delle note riguarda i risultati del rapporto Newlines/Wallenberg, e non l’istituto in quanto tale.

E chi è il dottor Alwani che è – o forse è stato – al centro di entrambe le organizzazioni?

Il Newlines Institute la risolve così.

Il dott. Ahmed Alwani è il fondatore e presidente del Newlines Institute for Strategy and Policy e della sua istituzione madre, la Fairfax University of America (FXUA). È un uomo d’affari con sede nel nord della Virginia con investimenti in pollame, proprietà immobiliari e istruzione/formazione.

È quindi il fondatore di entrambi, sebbene non esista nell’ultima homepage di FXUA. La presentazione di Newlines su di lui manca di dettagli. Si dice che sia guidato dal “desiderio di aiutare a migliorare la condizione umana”, ed è stato anche membro dell’Africa Command Advisory Board dell’esercito americano ed è collegato a una serie di altri istituti di istruzione e società di investimento.

Suo padre, Taha Jabir al-Alwani, è stato una figura fondatrice dei Fratelli musulmani americani e la sua morte è stata annunciata dal già citato IIIT – di cui il dottor Alwani è attualmente vicepresidente.

I finanziamenti per il Newlines Institute – che una volta era (ed è tuttora) il Center for Global Policy, CGP – sono forniti dalla FXUA, ma nella sua pagina “Informazioni” viene evidenziato che è indipendente e accetta anche borse di studio, donazioni, ma esplicitamente non “da un Governo o un’entità straniera ed è uno dei pochi think tank a Washington senza un programma straniero o locale”. Ciò che implica questa menzione della mancanza di finanziamenti esteri e di “agende” rimane inspiegabile.

Non c’è alcuna spiegazione del perché il Center for Global Policy sia stato sostituito dal Newlines Institute; molti dei suoi video e la sua pagina Facebook utilizzano ancora l’identità del CGP e solo il 23 marzo di quest’anno i suoi visitatori sono stati accolti al Newlines Institute.

Il Newlines Institute non è un istituto indipendente. E con i tanti cambiamenti di identità e relazioni sopra ricordati, viene spontaneo chiedersi: che cos’è veramente?

Passiamo ora al co-editore di The Report: The Raoul Wallenberg Center for Human Rights.

Ecco la sua home page, ed ecco la voce di Wikipedia. La dichiarazione di intenti del Centro è un PDF di 7 pagine. Tuttavia, si capisce subito il tipo di diritti umani in cui è impegnato il Centro: la memoria dell’Olocausto, la lotta all’antisemitismo, i problemi dei diritti umani in Russia, in Cina, in Iran, in Corea del Nord, Arabia Saudita e Venezuela e nessuna sensibilizzazione o campagna sulle violazioni dei diritti umani commesse dai Paesi occidentali e dai loro alleati. In breve, le questioni “giuste” sui diritti umani negli Stati Uniti.

Il Centro è stato fondato nel 2015 da un avvocato internazionale per i diritti umani ed ex ministro della Giustizia canadese, Irwin Cotler – Wikipedia e homepage – che ne è anche il presidente. Tra i suoi numerosi contatti, è anche membro dell’organizzazione molto faziosa United Against Nuclear Iran. È un difensore a tutto campo di Israele e non ha scrupoli ad attaccare illustri colleghi professionisti come Richard Goldstone e Richard Falk che sono impegnati nella difficile situazione del popolo palestinese.

Cotler è un convinto sostenitore della Responsabilità di proteggere (R2P) e l’ha sostenuto in Libia, ha criticato il Canada per non essere intervenuto in Siria e ha nominato i caschi bianchi affiliati al terrorismo per il Premio Nobel per la pace. Già due settimane prima della pubblicazione del Rapporto, aveva cercato di fare pressione sul primo ministro canadese Trudeau perché usasse la parola “genocidio”, sostenendo che le sterilizzazioni e gli aborti forzati e la detenzione di oltre un milione di uiguri in quelli che ha definito “campi di concentramento”, violano la Convenzione.

Puoi scoprire di più su chi è il signor Cotler in questa analisi critica ben studiata di Yves Engler in The Palestine Chronicle, che illustra anche i suoi stretti legami con le élite più potenti di Israele. Inoltre, la figlia di Cotler è un membro della Knesset e sua moglie lavorava per ed era amica del primo ministro Menachim Begin. The Jewish Insider ha condotto questa interessante intervista con lo stesso Cotler il 15 marzo 2021.

Sebbene chiunque abbia il diritto di avere opinioni politiche, simpatie e antipatie, dovrebbero essere dichiarate apertamente e non coperte da parole come “studioso indipendente”. Il dottor Cotler è chiaramente una figura molto politicizzata dei diritti umani.

Fonti e visioni del mondo del rapporto

Il rapporto è presentato in questo video come basato sulla consultazione di cinquanta esperti di alto livello in tutti i campi pertinenti in tutto il mondo e sull’ “esame di oltre 10.000 testimonianze di testimoni uiguri e resoconti di detenuti”.

Yonah Diamond è l’autore principale del rapporto. È un prolifico scrittore di risorse umane. Il 15 luglio 2020, ha co-scritto un articolo su Foreign Policy e Genocide Watch, che, senza indicare alcuna fonte o prova, ha rivelato ciò che il rapporto Newlines ora afferma 8 mesi dopo. Genocide Watch è fondato e presieduto dal Dr. Gregory Stanton, un ex funzionario del Dipartimento di Stato USA. Contiene un avviso di emergenza per il genocidio dello Xinjiang – Livello 9: sterminio datato novembre 2020; questo avviso implica che gli uiguri sono già “sterminati”.

A rivelare le intenzioni politiche di Diamond è un altro articolo scritto insieme a Rayhan Asat in Foreign Policy del 21 gennaio 2021, in cui si sostiene che gli Stati Uniti devono ripensare alla loro fallita politica di impegno e ora “affrontare prima possibile il genocidio in Xinjiang”. (Cominciano con la storia di Ekpar Asat, il fratello di Rayhan Asat, che era un imprenditore dei media, filantropo e attivista per la pace, ma secondo quanto riferito è scomparso al suo ritorno da una visita negli Stati Uniti nel 2016 e da allora non è stato più visto… “una vittima tra milioni di atrocità governative che gli Stati Uniti hanno appena descritto come genocidio”).

Erano passati solo due giorni dalla dichiarazione di Pompeo. Gli obiettivi politici delle preoccupazioni espresse sui diritti umani sono ovvi.

Nel video introduttivo di Newlines del 31 marzo, Diamond (e altri partecipanti) sottolineano l’enorme quantità di materiale che viene raccolto e analizzato. Tuttavia, nessuna delle affermazioni fatte dai relatori è qui documentata. I riferimenti sono semplicemente citati come fatti. Inoltre, non vengono discussi i metodi, le fonti di dati o il modo in cui è stata compilata e organizzata la base di prove per il rapporto.

Un argomento centrale è quello del professor John Packer il quale afferma che il problema è che la Cina sostiene che la questione della repressione/genocidio è una questione interna e che se questo viene accettato, di quante altre parti del diritto internazionale avremo bisogno? Indirizzate a?

Un’altra partecipante alla video chat su The Report, Bethany Allen-Ebrahim, ha lavorato con il progetto China Cables e ora è una giornalista cinese di Axios che ha pubblicato solo report negativi sulla Cina a cui dà un contributo sostanziale. Sebbene abbia vissuto in Cina quattro anni e parli fluentemente la lingua, si presenta come una persona che crede che la Cina non capisca cosa sia meglio per sè.

I quattro partecipanti alla discussione parlano della Cina come se non fosse una parte in conflitto con gli Stati Uniti. Nessuno menziona la politica statunitense-cinese e il suo carattere sempre più conflittuale negli ultimi anni. Allen-Ebrahim usa frasi come “l’autoritarismo cinese contro le democrazie liberali occidentali, le convenzioni sui diritti umani che cercano di rendere il mondo un posto migliore per tutti”.

La colpevole Cina “nera” e gli innocenti Stati Uniti / Occidente bianchi sembrano essere una ripetuta figura di pensiero sottostante – una dicotomia semplificatrice a malapena efficace nel convincerti di una borsa di studio indipendente o solida.

La scelta, dice, sono i diritti umani o il denaro, e pensa che troppo poche persone si battano per i primi. Il PCC, il Partito Comunista Cinese, non capisce l’Occidente, non capisce che i campi di internamento, agli occhi delle democrazie di tutto il mondo, sono “cattivi, quello che semplicemente non fate” e crede alla sua stessa propaganda, alle sue affermazioni. E, in più, Xi Jinping è diventato così potente che la gente ha paura, la dirigenza gli fa da cassa di risonanza e crede che le cose vadano così bene da così tanto tempo che nulla potrà fermare lui e i suoi “insulti senza fine” a una serie di Paesi come India e Stati Uniti.

Azeem Ibrahim, direttore delle iniziative speciali di Newlines e autore della prefazione del rapporto e anche assistente professore presso l’US Army War College, sembra credere che i cinesi pensino – come dice lui – che forse se la Cina vuole Hong Kong, può prenderlo; se vuole Taiwan, la prenderà e se lo vuole, dominerà anche il Mar Cinese Meridionale.

In breve, il rapporto omette qualsiasi approccio analitico ai conflitti e tratta la Cina come un attore solitario motivato da desideri perversi. Mentre tutti – anche gli accademici – hanno diritto alle opinioni personali, il sistematico pregiudizio sul valore e gli atteggiamenti negativi in ​​Cina di tutti i contributori fanno sorgere la domanda su come siano stati selezionati la maggior parte degli autori e dei contributori. Un pregiudizio “ideologico” così uniforme e sistematico potrebbe molto probabilmente influenzare la scelta dei dati e delle fonti per il rapporto.

Infine, i CV degli autori e dei collaboratori alla fine del Rapporto omettono in gran parte di menzionare quelle affiliazioni extra-accademiche e legami politici che sono chiari quando si guarda un po’ più in profondità.

Il contenuto del rapporto

Passando ora al rapporto stesso, 55 pagine in cui si nota che il suddetto diamante è l’autore principale mentre Cotler, Stanton, Packer e altri 29 “esperti indipendenti” sono stati consultati e/o hanno contribuito direttamente e “hanno accettato di essere pubblicamente identificati”. Logicamente, questo deve significare che c’erano studiosi che non volevano che i loro nomi venissero menzionati; questo va contro gli standard accademici normali e aperti (mentre è comprensibile che, ad esempio, testimoni o vittime uiguri non volessero comparire con i loro nomi).

Tutti i contributori sono occidentali o con sede in istituzioni occidentali, ben più di 20 provenienti da Stati Uniti e Canada, una coppia nel Regno Unito e altrove. Secondo il rapporto, molti di loro hanno posizioni di governo e sono sostenitori della responsabilità di proteggere e/o dell’interventismo. E molti sono legati alla ricerca e alla prevenzione dell’Olocausto e del genocidio.

Il rapporto non utilizza un metodo sistematico per strutturare i principali capitoli e sottocapitoli/sezioni e sembra essere stato messo insieme frettolosamente (vedi lo strano sommario sotto) – forse nel breve lasso di tempo tra il 19 gennaio 2021, quando il Segretario di Stato Mike Pompeo ha annunciato di aver “determinato” che la Cina aveva commesso crimini contro l’umanità e il genocidio, e il rapporto che è stato pubblicato l’8 marzo?

I vari capitoli supportano le conclusioni esposte nel sommario: che studiosi indipendenti concludono che i governanti cinesi sono responsabili del genocidio; che l’intenzione è quella di distruggere il gruppo uiguro in quanto tale, in tutto o in parte sostanziale; che questa intenzione è documentata dalle azioni e dalle parole di leader di alto livello, compreso lo stesso presidente Xi Jinping. Poi viene la documentazione dei metodi con cui si suppone che questa intenzione si realizzi, come l’internamento di massa, la prevenzione di massa delle nascite, gli omicidi, il trasferimento forzato dei bambini, ecc.

Il rapporto contiene 317 note, quindi gli autori volevano chiaramente supportare le loro conclusioni con fatti aperti, disponibili e verificabili. Naturalmente, alcune fonti sono testi legali sul genocidio, la Convenzione di Vienna, riviste accademiche, documenti delle Nazioni Unite e analisi di altri genocidi e, naturalmente, la storia degli uiguri. E ci sono riferimenti ad altri rapporti sui diritti umani, in particolare Amnesty e Human Rights Watch.

Più interessante è l’analisi di: quali sono le principali fonti del rapporto che vengono utilizzate per dimostrare il genocidio?

Interessante anche? Uno scorcio della facciata politica della Cina occidentale.

Da pagina 17 si ottiene risposta: The New York Times, The Guardian, BBC News, The Brookings Institution, Center for Strategic and International Studies (CSIS), the Jamestown Foundation (avviata dalla CIA), Financial Times, Associated Press, Wall Street Journal, International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), The China Files, The Hudson Institute, rivista Bitter Winter (per la libertà religiosa e i diritti umani in Cina), The New Yorker, Foreign Policy, Journal of Political Risk, The Uyghur Human Rights Project (UHRP) e Radio Free Asia.

Alcune importanti fonti risaltano davvero.

La fonte delle vittime dello Xinjiang che appare su un indirizzo Internet chiamato “shahit.biz” è importante perché molte dichiarazioni sull’impatto delle vittime nel rapporto sono tratte da essa, ad esempio la vittima n. 124 (“così tante persone sono morte per percosse e torture”). Tuttavia, non ci sono “informazioni” disponibili su “shahit.biz”, nessuna informazione su metodi, fonti, come è stato costruito o cosa significa che ha molti brevi video, come fa il canale YouTube di Uyghur Pulse. collegamenti a – in cui le persone presentano e riportano “testimonianze video per le vittime del genocidio lento ma di fatto nella regione nord-occidentale dello Xinjiang in Cina”.

Le home page completamente anonime sarebbero normalmente viste come prive di credibilità o altro valore come fonte di documentazione – accademica o politica – e avrebbero dovuto essere omesse.

Il “Giornale del rischio politico”, più volte citato, copre rischi e opportunità politiche. “Le questioni locali e il loro impatto sul mondo sono analizzate e presentate da una prospettiva neutrale e imparziale. La recensione è pubblicata da Corr Analytics, una società di consulenza e analisi del rischio politico internazionale. Il suo editore è il dottor Anders Corr, che indica di aver lavorato per esempio per l’esercito degli Stati Uniti, il comando del Pacifico degli Stati Uniti (USPACOM), il comando delle operazioni speciali degli Stati Uniti del Pacifico (USSOCPAC), la Defense Intelligence Agency (DIA), la Defense Threat Reduction Agency (DTRA) e l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO). E il suo caporedattore è Neil Siviter, che attualmente sta studiando per il suo Master in War Studies al King’s College di Londra e ha fatto un tirocinio con l’Associazione NATO e il Governo del Canada.

Hai un’idea dal dottor Corr, in un discorso su YouTube per il Committee on Current Danger: China, quando sostiene 5 strategie per “sconfiggere il Partito Comunista Cinese”, una delle quali è raddoppiare il budget per difendere gli Stati Uniti e ottenere che gli alleati facciano lo stesso (il vicepresidente del comitato Frank Gaffney ha sostenuto poco prima che Trump lasciasse la Casa Bianca che Trump “deve dichiarare il Partito comunista cinese un gruppo criminale transnazionale”).

Perché questi dettagli? Perché The Report fa riferimento a questo Journal che contiene un articolo del Dr Adrian Zenz su cui torneremo presto per la sua posizione centrale in tutta la questione. La domanda è se il dottor Zenz abbia scelto sbocchi politici più o meno estremi per le sue ricerche o se i suoi manoscritti non abbiano superato le revisioni tra pari di riviste accademiche più rilevanti.

La fonte più utilizzata (22 volte) merita una menzione speciale, ovvero Radio Free Asia. Si pubblicizza come una “società di stampa multimediale privata e senza fini di lucro”, ma questo è un linguaggio discutibile. È uno dei numerosi media del Governo degli Stati Uniti con un budget annuale di 43 milioni di dollari, con 253 dipendenti, con sede a Washington DC e riporta alla United States Agency for Global Media (USAGM).

Come Radio Free Europe / Radio Liberty, si impegna a promuovere i valori e le prospettive americane nei confronti dei suoi avversari. L’USAGM è stato contrassegnato da controversie politiche e le sue origini possono essere fatte risalire alle operazioni speciali segrete della CIA nel 1948.

Questo non vuol dire che queste fonti stiano tutte raccontando bugie o esagerando la brutalità degli eventi. Alcuni potrebbero, altri no – noi come autori non abbiamo modo di saperlo-.

Il punto principale è che le fonti utilizzate nel rapporto – letteralmente senza eccezioni – puntano nella stessa direzione politico-ideologica, quasi governativa e che non è stata utilizzata alcuna fonte che potrebbe, per dirla senza mezzi termini, dare loro una prospettiva diversa, o altrimenti esaminare la validità e l’affidabilità degli articoli di stampa presentati che sono metodi standard nella ricerca accademica indipendente.

In sintesi, la maggior parte delle fonti su cui si basa il rapporto provengono dall’Occidente, in particolare dagli Stati Uniti, dai media mainstream e dal materiale proveniente da organizzazioni che, senza dubbio e senza eccezioni, sono di tipo sinofobico (“Anti- China”), vedendo il mondo (e le relazioni sino-americane) in termini bianchi e neri, più quelli legati al Dipartimento di Stato USA/Pentagono con atteggiamenti che favoriscono il dominio mondiale e l’intervento politico degli USA.

Che sia intenzionale, consapevolmente o meno – il rapporto e il suo tentativo di documentare il genocidio nello Xinjiang sono perfettamente adatti per essere utilizzati per tali politiche americane piuttosto che per una vera campagna per i diritti umani e una loro difesa affidabile. Il rapporto non contiene alcun invito all’azione rivolto alle organizzazioni per i diritti umani; invece, alcuni dei suoi autori hanno tentato di influenzare direttamente le politiche del Governo.

Il rapporto non tenta di prendere le distanze dalle élite dietro queste politiche di dominio globale. Ne fa un uso eccellente, direttamente o indirettamente (come hanno documentato le connessioni di personalità sopra).

Passiamo ora al dottor Adrian Zenz (1974), citato ovunque come l’esperto dello Xinjiang.

Dr Adrian Zenz – L’esperto mondiale dello Xinjiang guidato da Dio

Zenz compare non meno di 41 volte nelle 317 note del rapporto, la maggior parte delle altre una o due volte. Non c’è dubbio che la documentazione del Rapporto si basi molto più sui suoi studi che su qualsiasi altro esperto. Allora chi è?

Da ottobre 2019 è Senior Fellow in Chinese Studies presso la Victims of Communism Memorial Foundation (VOC) di Washington DC, ed ecco una sua presentazione unitamente ad un suo articolo di ampia diffusione pubblicato nel 2018 dalla Jamestown Foundation di cui si dice che sia un analista. È stata creata su iniziativa della CIA e rimane una fondazione arciconservatrice con un consiglio di amministrazione composto da uomini d’affari, società e investitori, ex funzionari del Governo degli Stati Uniti, ex dirigenti e militari della CIA e alcuni esperti di terrorismo.

Non sembra ovvio il motivo per cui un rapporto sui diritti umani del dottor Zenz finirebbe per essere pubblicato da una tale organizzazione (e, come accennato in precedenza, Zenz ha pubblicato con altri gruppi “guerriglieri” come Corr Analytics) piuttosto che su una rivista scientifica o un documento di una vera organizzazione per i diritti umani.

Il VOC è stato creato da un atto unanime del Congresso degli Stati Uniti e George W. Bush è stato il suo presidente onorario 2003-2009, vale a dire durante l’invasione e l’occupazione dell’Iraq. VOC afferma con orgoglio nel suo rapporto del 2019 che “da quando è entrato in VOC, il dottor Zenz è stato menzionato oltre 240 volte in oltre 120 media, tra cui il Wall Street Journal, il New York Times e la BBC, e ha condotto interviste radiofoniche con NPR, Bloomberg e CNN, così come i principali telegiornali tedeschi Deutsche Welle e Tagesschau”, cioè entro soli tre mesi.

Questo la dice lunga sul tipo di esperienza uniformante ricercata da questi media, il che è confermato dalla presentazione di cui sopra delle fonti dei media alla base del rapporto. La domanda è: non c’erano esperti di diritti umani nello Xinjiang oltre al dottor Zenz? I media ne hanno già cercati altri? Ha solo un obiettivo specifico? O semplicemente non conoscono l’importanza della diversità e dell’obiettività?

La VOC – che ha un patrimonio di circa 16 milioni di dollari USA – sta chiaramente lavorando per superare l’Olocausto nazista quando, in prima pagina, dichiara che “il comunismo ha ucciso oltre 100 milioni di persone”. Raccontiamo le loro storie “e, secondo Wikipedia,” nell’aprile 2020, l’organizzazione ha annunciato che avrebbe aggiunto le vittime globali della pandemia di COVID-19 al bilancio del comunismo, incolpando il Governo cinese per l’epidemia e ogni morte causata da esso. Alla faccia del suo atteggiamento nei confronti della Cina.

Ecco la voce di Wikipedia per Adrian Zenz. È un antropologo tedesco che ha lavorato alla European School of Culture and Theology, che è collegata alla Columbia International University, un college biblico da non confondere con la Columbia University. Il dottor Zenz è un cristiano rinato e ha detto che pensa che Dio gli abbia detto di continuare questa ricerca, 17 ore dopo l’inizio di questa intervista del Washington Watch sui musulmani cinesi e su altri gruppi minoritari in Cina.

Zenz ha scritto un libro sulla fine dei tempi nel 2012 con il suo patrigno, Marlon L. Sias, intitolato Worthy of Escape: Why Not All Believers Will Be Raptured Before the Tribulation; sul link del libro, vedrai che sono entrambi uomini dotti e che Adrian “studia il greco del Nuovo Testamento oltre a insegnare (all’epoca) e predicare nella sua chiesa locale”.

Ecco una breve video intervista del gennaio 2021 in cui il dottor Zenz presenta anche la sua opinione su ciò che gli Stati Uniti dovrebbero fare con la Cina. E Jerry Gray, un australiano che vive in Cina da 16 anni, ha scritto questo ritratto del dottor Zenz.

Il dottor Zenz è stato criticato dai media critici e dai giornalisti investigativi. Una recensione particolarmente ben documentata è stata prodotta da Gareth Porter e Max Blumenthal e pubblicata da The Grayzone con la didascalia “L’accusa di genocidio cinese da parte del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti era basata sull’uso improprio di dati e affermazioni infondate di un ideologo di estrema destra con tanta negligenza statistica”. Ecco altre analisi di Grayzone relative alla questione in generale e ad Adrian Zenz in particolare. Blumenthal spiega la sua posizione qui al Global Times, quotidiano cinese ufficiale.

Adrian Zenz – che sembra aver visitato la Cina solo una volta e come turista nel 2007, è stato pesantemente criticato dalla Cina e anche dagli accademici dell’Università dello Xinjiang. Almeno una società dello Xinjiang ha fatto causa a Zenz perché crede che la sua ricerca sia falsa e basata su voci e quindi dannosa per loro – motivo per cui chiedono che si scusi e paghi un risarcimento. Il Governo cinese gli ha recentemente imposto sanzioni, quindi non può entrare in Cina.

Naturalmente, ci sono rapporti e analisi che spiegano in termini diversi cosa sta succedendo, almeno dal loro punto di vista, in Cina. Un esempio è il proprietario di una fabbrica di birra canadese e Vlogger a Shenzhen, Daniel Dumbrill, di cui puoi saperne di più in questo rapporto del South China Morning Post, SCMP ha 148.000 iscritti al suo canale YouTube.

La homepage del professor Graham Perry e questo video forniscono anche fatti, interpretazioni e prospettive molto diversi.

È ragionevole presumere che la critica, i metodi, la raccolta dei dati, le interpretazioni e le conclusioni di Adrian Zenz – insieme al suo background alquanto peculiare e al mandato divino – abbiano un enorme impatto sul rapporto e sulla sua credibilità. Ma non è chiaro perché gli autori del Rapporto lo abbiano scelto come testimone principale invece di presentare analisi diverse e soppesarle l’una contro l’altra.

Il Dipartimento di Stato USA sembra non sapere quello che sa

Come ultima cosa che ha fatto in carica il 19 gennaio 2021, il segretario di Stato Mike Pompeo ha “determinato” (qui il testo ufficiale) che ciò che sta accadendo nello Xinjiang è un genocidio. Lo ha anche paragonato all’Olocausto nazista, dando così alla Cina e a Xi Jinping il ruolo della Germania nazista e di Hitler.

Tuttavia, “l’Ufficio del Consulente Legale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha concluso all’inizio di quest’anno che l’imprigionamento di massa e il lavoro forzato in Cina dell’etnia uigura nello Xinjiang costituiscono crimini contro l’umanità, ma le prove erano insufficienti per dimostrare il genocidio. Ciò ha messo i migliori avvocati diplomatici americani in contrasto con le amministrazioni Trump e Biden, secondo tre ex e attuali funzionari statunitensi “, ha scritto Colum Lynch in Foreign Policy.

L’Amministrazione Biden ha riaffermato la posizione di Pompeo e ha ribaltato una recente affermazione sulla selezione dell’inviato di Biden alle Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield, durante la sua udienza di conferma che il Dipartimento di Stato, sotto l’amministrazione Biden, stava riesaminando la designazione.

Ecco cosa ha detto Linda Thomas-Greenfield secondo Reuters: “Il Dipartimento di Stato lo sta esaminando ora perché tutte le procedure non sono state seguite”, ha detto Linda Thomas-Greenfield alla Commissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti.

Cercano di assicurarsi che siano seguiti per garantire che questa designazione sia mantenuta.

Ad esempio, l’ufficio del consulente legale del Dipartimento di Stato è dell’opinione che non ci fossero prove sufficienti e ci fossero invece problemi procedurali per designare lo Xinjiang come “genocidio”. Ma l’Amministrazione Biden – e gli interessi dietro The Report – hanno deciso di cementare l’Amministrazione Trump/Pompeo e l’amministrazione Biden/Blinken e ignorare questo parere legale: è genocidio!

Vale la pena ricordare che la Cina ha dichiarato ufficialmente che accoglierà una visita del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite nello Xinjiang.

Il rapporto dimostra in modo convincente che si tratta di genocidio?

Il rapporto prova che la designazione/determinazione di “genocidio” è valida secondo la definizione classica di genocidio come una serie di atti commessi con l’intenzione di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso? Le parole “intenzione” e “distruggere” sono essenzialmente importanti qui.

In quattro punti, il rapporto menziona che le autorità cinesi hanno usato frasi come “eliminali completamente – distruggili alla radice” e “devi ucciderli tutti” e “spezzare il loro lignaggio, spezzare le loro radici, spezzare le loro radici, legami e frantumare le loro origini” e “sradicare i tumori” e equiparare i campi di internamento di massa a “sradicare i tumori”.

Queste frasi – che sono attribuite alla leadership del PCC – provengono da un’unica fonte, vale a dire Austin Ramzy e Chris Buckley in Absolutely No Mercy: i file trapelati espongono come la Cina abbia “organizzato le detenzioni di massa dei musulmani” sul New York Times, 16 novembre 2019. Il loro rapporto presenta 403 pagine di documenti interni cinesi trapelati.

Come si è generata questa perdita estremamente grande?

Il New York Times afferma che “anche se non è noto come i documenti siano stati raccolti e selezionati, la fuga di notizie suggerisce un maggiore malcontento all’interno dell’apparato del partito alla repressione rispetto a quanto noto in precedenza. I documenti sono stati rivelati da un membro dell’establishment politico cinese che ha chiesto l’anonimato e ha espresso la speranza che la loro divulgazione impedisse ai leader del partito, incluso Xi, di sfuggire al senso di colpa per le detenzioni di massa”.

Il rapporto del New York Times afferma inoltre che “i documenti trapelati consistono in 24 documenti, alcuni dei quali contengono duplicati. Includono quasi 200 pagine di discorsi interni di Xi e altri leader e più di 150 pagine di linee guida e rapporti sulla sorveglianza e il controllo della popolazione uigura nello Xinjiang. Ci sono anche riferimenti a piani per estendere le restrizioni sull’Islam ad altre parti della Cina.”

Quindi, se abbiamo capito bene: c’era un membro dell’establishment politico cinese che nel 2019 ha fatto trapelare questi documenti per collegare il presidente Xi Jinping e altri leader del PCC e della Cina ai presunti crimini e sfatare le accuse e le spiegazioni ufficiali cinesi e, quindi, questa persona – che The Guardian definisce anche un “insider politico” – ha chiesto l’anonimato.

Non è ancora chiaro come un insider dell’establishment politico cinese abbia inoltrato 403 pagine A4 al New York Times e come gli editori abbiano verificato la validità di questi documenti. Ad esempio: ha ricevuto queste pagine direttamente dall’insider stesso o tramite una posta a catena? In quest’ultimo caso, come ha verificato l’identità e il ruolo di questo insider e l’autenticità di queste pagine prima della pubblicazione? L’insider era qualcuno che aveva precedentemente disertato negli Stati Uniti, o è ancora in Cina e fa ancora parte del suo establishment politico?

Questo punto merita di essere sottolineato per la ragione fondamentale che il rapporto fonda la sua determinazione/conclusione/appello che si tratta di un genocidio di cui la massima leadership cinese è responsabile esclusivamente su questa serie di documenti pubblicati dal New York Times, ma dicui i lettori non possono conoscere il contesto.

Inoltre, va anche notato che il rapporto afferma (p. 3) che “nel 2014, il Capo di Stato cinese, il presidente Xi Jinping, ha lanciato la Guerra popolare al terrorismo nella Regione autonoma dello Xinjiang, rendendo le aree in cui gli uiguri costituiscono quasi il 90% della popolazione una prima linea”. Questa dicitura seguita dalle citate espressioni dispregiative/umilianti potrebbe dare l’impressione che Xi Jinping fosse lì per chiamare terroristi tutti gli uiguri e quindi distruggerli tutti, partendo razionalmente dalle zone dove vive la maggior parte di loro.

Tuttavia, ecco cosa ha affermato la BBC il 23 maggio 2014, quando un attentato a Urumqi ha ucciso 31 persone e ne ha ferite 90: “Durante una visita nello Xinjiang il mese scorso, il presidente Xi Jinping ha promesso una maggiore integrazione e ha avvertito che i terroristi sarebbero stati isolati come topi che corrono per la strada”. Xi Jinping parla ovviamente nello specifico dei terroristi uiguri e non di tutti gli uiguri.

Quindi la domanda è, se la leadership cinese sta prendendo di mira solo quelli che chiamano terroristi – come anche i Paesi occidentali stanno prendendo di mira nella Guerra globale al terrorismo – e non il popolo uiguro in quanto tale, allora cosa resta della determinazione che si tratta di genocidio, cioè la distruzione di un’etnia/nazione “in tutto o in parte”?

E il terrorismo nello Xinjiang e altrove?

Il rapporto fa un’altra cosa interessante: minimizza completamente il fatto che ci siano stati problemi di terrorismo nello Xinjiang. Afferma che “restrizioni simili sono aumentate nei primi anni 2000, periodo durante il quale le autorità cinesi hanno iniziato a etichettare più frequentemente il dissenso uiguro come ‘terrorismo’, nonostante una quasi totale assenza di attacchi terroristici” (il corsivo è mio). La fonte di questa affermazione è Sean Roberts, The War on the Uyghurs: China’s Internal Campaign against a Muslim Minority (Princeton, NJ: Princeton University Press, 2020) e Pablo A. Rodríguez-Merino, Old ‘counter-revolution, new Terrorism: storicizzare l’inquadratura della violenza nello Xinjiang da parte dello Stato cinese, “Sondaggio dell’Asia centrale”, vol. 38, n° 1 (2019), pp 27-45.

Queste due pubblicazioni sono – fin dall’inizio – fortemente critiche nei confronti della politica cinese dello Xinjiang e possono essere interpretate come suppliche a favore degli uiguri. Roberts, che è senza dubbio un ricercatore molto competente con grande esperienza nel campo, usa una definizione particolare di terrorismo e l’argomento che essere etichettato come terrorista è negativo e traumatico. È sulla base di ciò afferma che c’è stato relativamente poco terrorismo nello Xinjiang, sebbene riconosca (p. 20 del suo libro) le rivolte di Urumqi del 2009 e altri atti di violenza guidati dagli uiguri. Il 10 febbraio 2021, Roberts ha scritto un articolo su Foreign Affairs a sostegno della dichiarazione di genocidio del Segretario di Stato di Mike Pompeo – “ma qualunque sia il merito del termine [ad esempio genocidio e crimini contro l’umanità], la prova delle atrocità commesse dalla Cina contro gli uiguri è innegabile”.

Da una recensione del suo libro su Foreign Affairs, si capisce che la tesi principale di Roberts è che “le dure politiche della Cina hanno provocato alcune violenze reattive da parte degli uiguri e hanno spinto decine di migliaia di loro a unirsi ai jihadisti in Siria. Roberts fornisce nuovi dettagli affascinanti su questo fenomeno relativamente marginale, rivelando che l’attivismo uiguro organizzato è quasi del tutto illusorio. La politica repressiva di assimilazione di Pechino ha ora raggiunto una fase così intensa che Roberts la chiama “genocidio culturale”.

Questo è il tipo di documentazione e interpretazione utilizzata dagli autori del rapporto: nessuna ulteriore indagine su possibili attività terroristiche nello Xinjiang negli ultimi 20 anni. Invece di ricercare e anche indagare, in tutta onestà, se la Cina ha anche un problema di terrorismo (come il mondo guidato dagli Stati Uniti ha fatto dal 2001 e ha combattuto nella Global War on Terrorism, GWOT), gli autori sembrano semplicemente compilare fonti in cui sostenere ciò che vogliono dimostrare, vale a dire che la Cina sta reprimendo tutti gli uiguri perché sono uiguri e non certo perché sono terroristi uiguri.

Se avessero fatto le loro ricerche – invece di formarsi un’opinione ideologica – avrebbero potuto chiedersi: cosa ha prodotto lo stesso Governo degli Stati Uniti sul terrorismo in Cina/Xinjiang? Si sarebbero poi imbattuti nel rapporto annuale Patterns of Global Terrorism 2001 del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e, a pagina 16, avrebbero scoperto che i presidenti George W. Bush e Jiang Zemin si sono incontrati a Shanghai nel febbraio 2002 (e in altri incontri a Washington, Pechino e Hong Kong) e che i due Paesi hanno cooperato e coordinato le loro concrete politiche antiterrorismo con esplicito riferimento alle attività terroristiche dei gruppi uiguri nello Xinjiang.

In questa analisi del Dipartimento di Stato, troviamo che la Cina sta “aumentando la sua vigilanza nello Xinjiang, nella Cina occidentale, dove i gruppi separatisti uiguri hanno compiuto attacchi violenti negli ultimi anni” e che “diversi articoli di stampa hanno affermato che gli uiguri si sono addestrati e hanno combattuto nell’ex Unione Sovietica, compresa la Cecenia. Preoccupano in particolare due gruppi: il Partito islamico del Turkestan orientale (ETIP) e l’Organizzazione per la liberazione del Turkestan orientale (o Sharki Turkestan Azatlik Tashkilati, noto con l’acronimo SHAT). L’ETIP è stato fondato all’inizio degli anni ’80 con l’obiettivo di stabilire uno Stato indipendente del Turkestan orientale e sostenere la lotta armata. Secondo quanto riferito, i membri della SHAT sono stati coinvolti in vari complotti di bombe e sparatorie. Gli uiguri sono stati trovati a combattere con Al-Qaeda in Afghanistan. Siamo a conoscenza di rapporti credibili secondo cui alcuni uiguri addestrati da Al-Qaeda sono tornati in Cina” (indica anche che le precedenti repressioni della Cina hanno sollevato preoccupazioni sui diritti umani, senza specificare quali).

Come dettaglio pungente, nel 2006, le forze statunitensi hanno catturato 22 militanti uiguri legati ad Al-Qaeda in Afghanistan e Pakistan e li hanno imprigionati per 5-7 anni a Guantanamo e nel 2018 il Pentagono ha annunciato di averli bombardati in quanto legati al Movimento ETIM in Afghanistan. Si scopre di più su questa organizzazione estremista creata dai militanti uiguri nello Xinjiang e che si ritiene sia stata in parte finanziata all’epoca da Osama Bin Laden – qui al Consiglio delle relazioni estere degli Stati Uniti, un’organizzazione di politica estera estremamente importante che difficilmente può essere accusata di essere antiamericana o filocinese. L’ETIM è stato designato dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti nel 2002 come organizzazione terroristica (ed è decollato di nuovo nel 2004. Il documento informativo del consiglio include anche il Partito islamico del Turkestan, TIP, che si è preso il merito degli attacchi violenti in diverse città cinesi e fornisce una panoramica degli uiguri).

I lettori potrebbero anche scoprire che, per esempio, l’analisi del 2002 del segretario di gabinetto del Governo indiano in pensione, B. Raman, Gli Stati Uniti e il terrorismo nello Xinjiang nel South Asia Analysis Group, mette in evidenza la rete estremamente complessa del terrorismo legata agli uiguri e come Stati Uniti e Cina abbiano collaborato nella lotta al terrorismo (il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sembra aver smesso di pubblicare questi rapporti sul terrorismo mondiale dopo l’11 settembre o, piuttosto, dopo che la GWOT ha acquisito slancio e il terrorismo globale è aumentato).

Forse con sorpresa di alcuni, il fatto è – sebbene non menzionato nel rapporto – che la Cina non ha negato che sta adottando misure dure nello Xinjiang. Ecco un rapporto di Reuters in merito a un documento ufficiale del Governo cinese: “Le autorità cinesi hanno arrestato quasi 13.000 ‘terroristi’ nello Xinjiang dal 2014 … Dal 2014, nello Xinjiang ha distrutto 1.588 bande violente e terroristiche, arrestato 12.995 terroristi, sequestrato 2.052 esplosivi dispositivi religiosi, ha punito 30.645 persone per 4.858 attività religiose illegali e ha confiscato 345.229 copie di documenti religiosi illegali”, ha aggiunto… “Ha anche fornito una ripartizione di 30 attacchi dal 1990, l’ultimo registrato nel dicembre 2016, affermando che 458 persone sono morte e almeno 2.540 sono rimaste ferite a causa di attacchi e altri disordini.”

Potresti, ovviamente, aver deciso di non fidarti di nulla proveniente dalla Cina ufficiale. Ma se lo fai, questi sono numeri significativi per quanto riguarda la repressione nello Xinjiang. Ma questi sono anche numeri piccoli rispetto ai costi umani e di altro tipo del GWOT guidato dagli Stati Uniti, che, per assumere una delle molte dimensioni, ha deportato almeno 37 milioni di persone secondo il progetto Cost of War guidato dagli Stati Uniti, dell’Università Brown con sede negli Stati Uniti. Mentre se tale deportazione di civili innocenti non è una grave violazione dei diritti umani, non è facile capire di cosa si tratti.

Per riassumere questo punto, il rapporto rilascia importanti informazioni non raccontate sulle attività terroristiche nello Xinjiang. Questo dà l’impressione che la Cina stia commettendo un genocidio in corso sull’intero gruppo uiguro di 10-12 milioni di cittadini. Sopra, abbiamo evidenziato solo alcune delle moltissime fonti su questo argomento. Il punto è che la voce di Wikipedia su “Terrorismo in Cina” fornisce un contesto molto più sobrio, equilibrato e fattuale per questa domanda essenziale.

Gli autori difficilmente possono ignorare questi fatti. Eppure hanno scelto di ometterli, insieme a qualsiasi altra fonte e discussione sulle possibili ragioni della dura repressione della Cina sul terrorismo o sui terroristi uiguri.

Sintesi

Rapporto Newlines/Wallenberg sul genocidio dello Xinjiang inaffidabile

1. Il rapporto non è “indipendente” e non introduce nuovo materiale. È il prodotto della cooperazione di almeno sei gruppi di interesse, più o meno interconnessi:

Fondamentalismo cristiano + politica estera americana aggressiva + circoli dei Fratelli Musulmani (Ahmed Alwani) + anticomunismo estremo + circoli pro-Israele + meccanismo di politica dei diritti umani (a favore dell’intervento pro-guerra / umanitario). Sono tutti quasi-governativi piuttosto che non governativi.

Ciò che li unisce è un atteggiamento negativo, al confine con l’odio, per la Russia, l’Iran, la Cina e un’ideologia sinofobica (non solo qui ma in molti altri casi precedenti) da un lato e un dominio/interventismo globale filoamericano (produzione di immagini nemiche) dall’altro.

In breve, sei gruppi di interesse sovrapposti che condividono alcuni valori fondamentali presentati come preoccupazioni per i diritti umani.

2. Il rapporto modificato in qualche modo a casaccio potrebbe essere stato pubblicato per sostenere la “determinazione” dell’ex Segretario di Stato Mike Pompeo il 19 gennaio 2021 che ciò che sta accadendo nello Xinjiang è un genocidio in corso e si usa il riferimento. Pompeo è noto per, come direttore della CIA e usando le sue stesse parole, essere orgoglioso del fatto che “abbiamo mentito, imbrogliato e rubato – noi abbiamo seguito corsi di formazione completi – e ciò ti ricorda la gloria dell’esperienza americana”. Mike Pompeo è anche conosciuto come un cristiano conservatore che, mentre era all’Accademia militare di West Point, è stato “portato a Gesù Cristo”, ed è estremamente critico nei confronti della Cina.

3. Il rapporto contiene dati sia falsi che discutibili e una scelta di fonti ampia e sistematicamente distorta. Ignora o omette deliberatamente prospettive, teorie, concetti e fatti di fondamentale importanza. Almeno una parte di esso difficilmente passerebbe come un articolo per un corso di master; lascia molto a desiderare in termini di rigore accademico, metodi, conoscenze e valutazioni per testare la validità e l’affidabilità dei materiali che utilizza. Ciò è notevole perché il Newlines Institute afferma di differire dagli altri think tank in quanto “a differenza della maggior parte dei think tank, abbiamo stabilito un metodo istituzionale di ricerca e analisi”. Il rapporto non rivela alcun metodo di questo tipo, né esplicitamente né implicitamente.

4. Il rapporto sembra – consapevolmente, intenzionalmente o meno – sostenere la rigorosa politica estera degli Stati Uniti e (abusare) dei diritti umani per promuovere una politica di confronto nei confronti della Cina. Come notato sopra, una serie di persone legate a The Report ha esortato il Governo degli Stati Uniti a prendere una linea molto più dura con la Cina per impedirle di fare ciò che vuole (come afferma uno di loro nel video di presentazione). Pertanto, il rapporto può essere ragionevolmente interpretato come una produzione ideologica pro-conflitto o pro-Guerra Fredda che (mal) utilizza argomenti sui diritti umani per promuovere politiche da falco. Questo è davvero fonte di seria preoccupazione poiché anche il Newlines Institute sostiene di essere guidato dai 5 Principi di pace, sviluppo, comunità e cittadinanza, carattere e amministrazione. Il rapporto è caratterizzato, grosso modo, dall’opposto.

Sotto la dicitura “informazioni” afferma anche che il suo obiettivo è “modellare la politica estera degli Stati Uniti sulla base di una profonda comprensione della geopolitica regionale e dei sistemi di valori di quelle regioni”.

Il rapporto non contiene alcuna analisi geopolitica e non mostra alcuna comprensione del sistema di valori cinese. Al contrario, lo demonizza sistematicamente.

5. Il rapporto trasmette propaganda nel senso specifico di trattare la Cina come il soggetto di tutti i mali, ma omettendo che una comprensione della politica cinese deve includere anche le sue relazioni, compresi i conflitti di cui la Cina è parte, come quello con il Stati Uniti, considerata come una variabile indipendente e, pertanto, il report non può produrre una prospettiva comparativa. Per dirla senza mezzi termini: se ciò che la Cina sta facendo nello Xinjiang è un genocidio, ci sono altri governi che dovrebbero essere determinati a perseguire politiche genocide? In che modo la “guerra al terrore” della Cina all’interno dello Xinjiang e i suoi costi umani sono paragonabili alla guerra globale al terrore guidata dagli Stati Uniti e ai suoi costi umani?

Naturalmente, una relazione sui diritti umani non può affrontare tutte le questioni relative ai diritti umani. Ma dato che il rapporto e gli interessi ad esso associati trovano urgente caratterizzare la Cina come genocida, ci si potrebbe chiedere, nel senso comune: come opera l’attore geopolitico che usa questo termine estremo? E il rapporto funziona (ovviamente in modo modesto) come una proiezione psicopolitica che rafforza l’immagine di un nemico con l’intenzione di legittimare le proprie azioni e politiche, ancora più distruttive?

6. In considerazione dei problemi che abbiamo evidenziato in questa analisi, bisogna essere profondamente preoccupati per la ricezione sistematicamente acritica da parte dei principali media occidentali del rapporto Newlines/Wallenberg. Non abbiamo trovato nessuno che verificasse le fonti del Rapporto o mettesse in dubbio l’avvincente relazione pubblica del Rapporto che indica che si tratta di un istituto “indipendente” e la primissima documentazione, o prova, che la Cina sia responsabile del genocidio.

Dovrebbe essere il primo dovere dei rapporti professionali verificare e incrociare le fonti piuttosto che ripetere senza sforzo ciò che i comunicati stampa di autocelebrazione possono indicare. Ecco alcuni esempi di servizi di CNN, The Guardian, Aljazeera, Danish Broadcasting Corporation, Radio Free Europe / Radio Liberty e AFP senza alcuna supervisione.

È ragionevole presumere che la narrativa politica del genocidio nello Xinjiang finirà come altre importanti narrazioni precedenti – per esempio l’imminente genocidio degli albanesi kosovari in Jugoslavia, i terroristi afgani che hanno commesso il crimine dell’11 settembre, le armi nucleari di Saddam, l’omicidio pianificato di massa di Gheddafi a Bengasi, il quasi-status dell’Iran come potenza nucleare (per circa 25 anni) e Bashar al-Assad come l’unica ragione dietro la violenza in Siria – da conoscere come guerra psicopolitica, inganni di opinione o bugie al servizio della politica della guerra fredda, dell’intervento militare, dell’accaparramento di risorse o delle guerre distruttive.

Qualunque sia la verità sulla determinazione del genocidio nello Xinjiang, tali accuse non servono né ai buoni rapporti con la Cina occidentale né agli stessi Stati Uniti. La domanda rimane – e nessuno negli Stati Uniti sembra avere la risposta: come costruire fiducia, cooperazione vantaggiosa per tutti e pace con la Cina? E se siamo veramente preoccupati, come possiamo esprimere nel modo più efficace queste preoccupazioni?

Note di chiusura – invece di concludere

A causa della fondamentale interdipendenza del mondo, il rapporto sempre più in stile Guerra Fredda tra Occidente e Cina sta avendo conseguenze negative per entrambi i sistemi e per il resto del mondo.

Di tutti i conflitti nel nostro mondo, il conflitto Occidente/Cina influenzerà il futuro ordine mondiale più di qualsiasi altro conflitto. È quindi della massima importanza analizzare ciò che le parti in conflitto dicono e fanno – specialmente quando una o entrambe adottano misure che tendono ad aumentare sia la tensione che la probabilità di un utilizzo futuro del dispositivo di violenza in una forma o nell’altra. Una tale tensione accresciuta danneggerà sia loro che noi. Danneggerà anche gli sforzi concertati per risolvere tutti gli altri problemi che l’umanità deve affrontare e che sono molto più difficili.

Se accusi un altro Paese di aver commesso un genocidio in corso, il mondo ha il diritto di aspettarsi che le prove siano forti.

Abbiamo scritto questa analisi per mostrare che la base empirica per accusare la Cina di “genocidio” è sorprendentemente debole, e che il rapporto del Newlines Institute e del Raoul Wallenberg Center – che pretende di fornire la prova definitiva del genocidio – poggia su materiale che, quando messo insieme, invita ad altre politiche di confronto invece che di risoluzione cooperativa dei problemi – per non parlare dei confronti occidentali o dell’autoriflessione sui diritti umani.

Il rapporto è politicizzato e riflette gli interessi di quello che chiamiamo il complesso militare-industriale-media-accademico, MIMAC. Contiene gravi lacune investigative, nonché una selezione parziale di fonti e competenze. Inoltre, abbiamo fatto l’osservazione estremamente seria che il rapporto non è stato messo in discussione o verificato da nessun media occidentale mainstream. Nonostante le sue caratteristiche politicizzate e ideologiche e le accuse estremamente gravi, è stato semplicemente diffuso.

Pertanto, non riteniamo che la relazione sia utile da un punto di vista razionale.

Inoltre, da un punto di vista finale, non crediamo nella somma zero o nel win-lose, ma quel win-win è possibile e dovrebbe essere provato per il bene comune dell’Occidente stesso, della Cina e del mondo. Crediamo anche – forse in modo non convenzionale per la ricerca occidentale – che siano auspicabili la multipolarità e il rispetto di codici diversi di culture diverse. Al contrario, l’unipolarismo basato sull’universalizzazione e l’imposizione delle proprie norme e valori ideologici su altri sistemi è controproducente e indesiderabile.

Riteniamo inoltre che sia utile – anche e soprattutto in una situazione di conflitto – cercare il dialogo e la cooperazione piuttosto che l’offesa e il confronto.

La cooperazione non si basa su somiglianze o su identità e obiettivi comuni. Può avvenire nel quadro dell’unità/cooperazione nella diversità. È chiaro che, per il momento, è la Cina a sostenere la cooperazione e il dialogo poiché gli Stati Uniti, in particolare e l’Occidente in generale, perseguono politiche negative e conflittuali con una serie di altri Paesi e culture – che gli Stati Uniti hanno anche individuato da soli, con oltre 600 installazioni militari in tutto il mondo che rappresentano oltre il 40% della spesa militare globale.

Il multipolarismo e la cooperazione reciprocamente vantaggiosa, così come il dialogo anziché la demonizzazione, contribuiscono a ridurre il rischio di violenza e a rafforzare la fiducia. Accuse, sanzioni, demonizzazione, insulti e caratterizzazioni conflittuali dei sistemi politici e della cultura altrui non possono, per definizione, produrre sicurezza, stabilità o pace. Questo fa terminare il dialogo.

E più a breve termine, ci meno saranno sicurezza, cooperazione e pace a lungo termine.

APPENDICE

Materiale essenziale per l’accusa/determinazione di genocidio.

Poiché sono tante le fonti che raggiungono le masse con l’accusa di genocidio, ne segnaliamo alcune che sostengono e documentano che ci sono ragioni per mettere in discussione la “determinazione” del genocidio nello Xinjiang – fonti che non negano la possibilità che si verificano vari tipi di rieducazione involontaria, sepoltura e altre violazioni dei diritti umani e da fonti che non sono risorse cinesi ufficiali e non sembrano essere motivate da alcun motivo o da un particolare programma politico. E alcune fonti che hanno una visione diversa della Cina in generale.

TFF non avalla nessuna di esse né sostiene, direttamente o indirettamente, che siano più vicine alla verità. In linea di principio, non formuleremmo tale opinione se non fossimo stati sul campo nello Xinjiang. Si prega di considerarli come una guida alla lettura e all’osservazione per lettori particolarmente interessati.

Stiamo solo fornendo ai lettori qui l’opportunità di vedere altre prospettive e le abbiamo trovate nella nostra ricerca, le abbiamo trovate utili anche nell’illustrare materiali a cui gli autori del Rapporto hanno scelto di non fare riferimento e di non appoggiarsi.

Jerry Gray, risultati inconcludenti portano a prove inammissibili sullo Xinjiang e qui e sulla sua storia di vita in Cina e di ciclismo nello Xinjiang (video).

Maxime Vivas, The End of Uygur Fake News (in francese)

Graham Perry su Cina e Xinjiang

Il canale YouTube di Daniel Dumbrill

The Grayzone – Giornalismo indipendente e investigativo sull’Impero. Con un analista investigativo come Max Blumenthal (editor), Aron Maté, Gareth Porter, Ben Norton, Danny Haiphong, Ajit Singh e altri.

Chas Freeman, diplomatico americano veterano su Grayzone qui e su The Transnational qui.

Il collettivo Qiao – generalmente qui e nello Xinjiang qui.

Carlos Martinez e la campagna contro la guerra fredda, Londra.

Cyrus Janssen, espatriato americano, investitore, il suo canale YouTube.

Henry A. Kissinger – ex Segretario di Stato e centrale per il riavvicinamento USA-Cina 50 anni fa, avverte oggi che se le parti non riescono a trovare una base per un’azione cooperativa, il mondo cadrà in una catastrofe paragonabile alla Prima Guerra Mondiale

Pubblicato originariamente da: The Transnational Foundation for Peace & Future Research, TFF, Lund, Svezia da Gordon Dumoulin, Jan Oberg e Thore Vestby (27 aprile 2021) |

Analisi critica di un rapporto del Newlines Institute e del Raoul Wallenberg Center

Traduzione dall’inglese di Albert Ettinger

Traduzione dal francese per il CeSEM di Stefano Vernole

0Shares