Lun. Ott 3rd, 2022

Davvero il caso Navalny è così importante per la Russia? E per noi?

0Shares
Iscriviti alla newsletter del CeSEM

di Stefano Vernole

Le tensioni nella politica mondiale stanno crescendo e la lotta per l’influenza geopolitica mondiale si intensifica costantemente. Se sembra assolutamente normale per i Paesi sviluppati lottare per i propri interessi e diffondere la propria egemonia, è piuttosto inutile sprecare tempo, sforzi e risorse in progetti poco promettenti. Esempio di un tale progetto è Alexey Navalny, il cosiddetto leader dell’opposizione russa. I Paesi occidentali lo hanno sostenuto in modo completo: hanno imposto sanzioni contro Mosca, fornito supporto informativo e aiutato a organizzare proteste in Russia. E alla fine tutto è risultato vano. Ovviamente, l’Occidente ha sostenuto Navalny per aumentare la sua pressione geopolitica sulla Russia. Ma non ha ancora capito quanto ciò sia inutile. La Russia è già sopravvissuta alle sanzioni dal 2014, mentre meno dell’1% della popolazione russa ha partecipato alle ultime proteste.

Mi sembra che la storia del mondo avrebbe dovuto insegnare all’Europa che più fai pressione sulla Russia, più questa diventa forte.

La vera domanda è: l’Europa ha bisogno di tutta questa lotta con la Russia? Mi sembra abbastanza chiaro che nessuno ne ha davvero bisogno. Le economie dei nostri Paesi, Italia in primis, stanno perdendo da questo confronto[1]. La Russia può resistere alle nostre pressioni: ciò è chiaro da molti anni. Quindi non sarebbe meglio iniziare a migliorare i rapporti con la Russia? La situazione geopolitica è già molto difficile e i nostri Paesi dovrebbero unirsi e non confrontarsi.

È giunto il momento per l’Europa e per il cosiddetto Occidente, di capire una cosa semplice: i Russi non tollerano pressioni sul proprio Paese. Ogni volta, imponendo loro i “valori occidentali”, incoraggiando pubblicamente e massicciamente qualche politico, ripetiamo lo stesso errore e otteniamo l’effetto opposto.

Sobriamente, questo è ciò che è successo. C’era semplicemente Navalny, un oppositore, che alcuni in Russia giudicavano bene, altri male, ma che la maggioranza semplicemente non considerava. Una volta che questo oppositore si definì nazionalista, chiese di espellere tutti i migranti dal Paese (in Europa sarebbe stato scomunicato per questo molto tempo fa). A seguito di una causa legale di una società commerciale francese, è stato riconosciuto colpevole di aver commesso un crimine economico[2]. Gli è stata data una sospensione della pena (non tutti i Paesi europei hanno una norma del genere), l’ha violata. Lo hanno messo in prigione. Qualcuno dice per motivi politici. Ma questa è solo un’opinione con la quale, come sappiamo dai sondaggi di opinione, solo una minoranza in Russia è d’accordo.

Ma cosa è successo dopo? I politici occidentali iniziarono ad agitarsi per costringere letteralmente i Russi a “rilasciarlo immediatamente”. Cominciarono quasi a dire ai Russi di smetterla di sostenere il loro presidente ed iniziare ad amare Navalny. Rilasciatelo, cambiate potere, fatelo diventare presidente. Una nazione raramente accetterebbe un simile approccio, e ancor di più i Russi. Questo approccio significa che si è semplicemente diviso il mondo in amici e nemici. L’Occidente ti difende, ovviamente tu sei dei loro. Bene, male, non importa; oppure sei un estraneo, non sei nostro, non sei con noi, non sei per noi.  Bisogna ammettere che i Russi hanno ben poche ragioni per credere che l’Occidente voglia per loro qualcosa di buono. Tutti i tentativi dell’Occidente di venire in terra russa sono finiti male per entrambi. I Russi, ovviamente, hanno un’anima gentile, ma possiedono anche una buona memoria.

Cos’altro non avrebbero potuto notare i Russi? Con quanta ostinazione l’Occidente non se ne accorge, ignorando i fatti. È noto che durante la sua permanenza in carcere, Navalny è già stato visitato da 9 medici, 6 dei quali sono civili. E l’Occidente chiede che i medici possano vederlo. L’immagine di un video della prigione non è troppo etica, ma esiste: e qui Navalny cammina, qui fa flessioni. E l’Occidente dice che sta morendo. Un’affermazione non converge con l’altra. E questa è una posizione molto arrogante, che vuole essere al di sopra dei fatti. Ai Russi non piace l’arroganza né l’attitudine colonialista.

È importante allora porre una domanda. Noi Europei siamo generalmente consapevoli di quanto spesso e quali medici visitano i detenuti delle nostre carceri? Come vengono trattati? Quale attrezzatura viene utilizzata per l’ispezione? Ricevono una risonanza magnetica come Navalny? Cosa succede ai nostri prigionieri? Ci battiamo per i diritti umani, il che è fantastico, questo è l’unico modo giusto. Ma perché Navalny? I Russi ci stanno già facendo queste domande: perché non Assange[3]?

È un peccato che le nostre star, attori, operatori culturali e scienziati vengano trascinati nella campagna chiedendo l’ammissione dei medici. Gli viene detto che “un uomo sta morendo” e loro, ovviamente, si iscrivono. Senza approfondire l’essenza, senza ricontrollare i fatti. E non per la prima volta – dopotutto, esattamente le stesse lettere che hanno firmato per il presunto regista Sentsov, per Savchenko, anch’egli presumibilmente morto nelle carceri russe a causa della politica, non del terrorismo. Ma qualcuna di quelle figure culturali d’Europa sa, per esempio, che quando è tornato in Ucraina, lo stesso Sentsov ha ammesso: “sì, stavo davvero preparando un attacco terroristico”. Questi musicisti e attori sono pronti a firmare per un terrorista? Ce ne sono molti nelle carceri europee, semmai.

A proposito, lo stesso scenario con uno sciopero della fame. Perché si ripete di tanto in tanto? La stessa trama, gli stessi metodi, le stesse affermazioni. Credete che i Russi non se ne accorgano?

Stiamo ancora minacciando la Russia con sanzioni se non obbedirà. Questo comportamento è simile alle azioni dei politici che non riescono ad imparare le lezioni. I Russi non hanno davvero paura delle sanzioni. Hanno vissuto senza di noi per molto tempo, e di nuovo molto rapidamente hanno imparato come farlo. Come sempre, hanno inventato qualcosa di nuovo, hanno capito come farcela da soli. Chi ha perso da queste sanzioni per permettersi di minacciarle ancora?

Le manifestazioni erano previste per il 21 aprile in Russia. Proclamate da quei russi che sono stati ricevuti sul loro territorio da Lituania, Germania, Gran Bretagna. Immaginiamo una situazione simile: una manifestazione in Italia è lanciata dal Portogallo, una manifestazione in Francia è organizzata in Spagna, una manifestazione in Grecia – dall’Islanda. Come le giudichereste?

E chi ha deciso questo giorno – il 21 aprile, quando il presidente russo Vladimir Putin ha letto il suo messaggio all’Assemblea Federale? Chi aveva bisogno di un’immagine dei disordini di massa il giorno di importanti dichiarazioni di politica interna e, soprattutto, di politica estera?

Ma la prova di forza non è riuscita. Gli organizzatori hanno annunciato il raduno più imponente nella storia della Russia: hanno promesso di portare in piazza 400.000 persone, mostrando le immagini presumibilmente postate da alcuni su un sito web appositamente creato. Ma in tutta la Russia, dove vivono 146 milioni di persone, solo tra i 14 e i 20mila cittadini hanno partecipato alla manifestazione. Da Kaliningrad a Vladivostok, se questi nomi vi dicono qualcosa. Dal Baltico alla Kamchatka. Un completo, catastrofico fallimento. Negazione totale della fiducia.

Era davvero così importante per noi da dargli tutta questa attenzione?

  1.  “Le esportazioni agroalimentari Made in Italy in Russia hanno perso oltre 1,3 miliardi negli ultimi sei anni e mezzo a causa dell’embargo deciso da Putin che tuttora colpisce una importante lista di prodotti europei con il divieto all’ingresso di frutta e verdura, formaggi, carne e salumi, ma anche pesce, come ritorsione alle sanzioni dell’Unione europea. È quanto emerge da una analisi Coldiretti in occasione della visita dell’alto rappresentante della politica estera europea Josep Borrell per l’incontro con il suo omologo Serghei Lavrov dopo la condanna dell’oppositore Alexei Navalny”, cfr. https://www.agensir.it/quotidiano/2021/2/4/agroalimentare-coldiretti-con-sanzioni-russia-persi-in-6-anni-13-miliardi-di-made-in-italy-riprendere-via-del-dialogo/
  2.  Navalny era stato condannato a tre anni e mezzo di reclusione con sospensione della pena per appropriazione indebita di 26 milioni di rubli da una filiale dell’azienda di cosmetici francese Yves Rocher.
  3.  https://www.assange.info/ : “Nonostante la sentenza di primo grado, avvenuta il 4 gennaio di quest’anno, abbia respinto la richiesta di estradizione degli Stati Uniti d’America contro il giornalista e cofondatore di WikiLeaks, Julian Assange continua ad essere detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh. Le condizioni fisiche e mentali di Assange sono critiche, rischia fino a 175 anni di carcere per avere svolto il suo lavoro volto al nostro diritto all’informazione. Gli Stati Uniti lo accusano di spionaggio per aver diffuso informazioni classificate, creando al contempo un clima da guerra fredda come è sotto gli occhi di tutti”.

0Shares