Dom. Apr 18th, 2021

L’Ufficio dell’Ayatullah Sistani sull’incontro con Papa Francesco

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

| Articolo pubblicato su ISLAMSHIA.ORG

Il Grande Ayatullah Sistani ha incontrato questa mattina nella città santa di Najaf Papa Francesco, Pontefice della Chiesa Cattolica e Capo dello Stato Vaticano. In questo incontro sono state discusse le grandi sfide che l’umanità sta affrontando in questo periodo e il ruolo della fede in Dio Onnipotente e dei sublimi valori etici per superarle.

L’Ayatullah Sistani in questo incontro ha parlato dell’ingiustizia, dell’oppressione, della povertà, della persecuzione religiosa e ideologica, della soppressione delle libertà fondamentali e dell’assenza di giustizia sociale di cui soffrono diversi paesi, soprattutto in riferimento alla guerra e agli atti di violenza, in particolar modo la nazione palestinese che vive nei territori occupati.

Il Grande Ayatullah Sistani ha proseguito sottolineando il ruolo che le grandi guide religiose e spirituali dovrebbero svolgere nel porre fine alle grandi tragedie e ha ricordato che ci si aspetta che coinvolgano le parti interessate, specialmente le grandi potenze, nel dare priorità alla ragione e alla saggezza rinunciando al linguaggio della guerra, evitando di anteporre i propri interessi a discapito dei diritti dei popoli di vivere in libertà e con dignità. L’Ayatullah Sistani ha inoltre enfatizzato l’importanza di raddoppiare gli sforzi per rafforzare i valori di convivenza pacifica e solidarietà umana in tutte le società, sottolineando l’osservanza dei diritti e del rispetto reciproco tra i seguaci delle differenti religioni e correnti intellettuali.

L’eminente autorità religiosa islamica ha poi parlato della posizione dell’Iraq, della sua gloriosa storia e delle caratteristiche virtuose delle sue diverse componenti, esprimendo speranza che in un futuro non troppo lontano possa superare l’attuale calamità e i cittadini cristiani, insieme agli altri iracheni, possano vivere in sicurezza e pace e godere dei loro pieni diritti garantiti dalla Costituzione.

Il Grande Ayatullah Sistani ha inoltre fatto riferimento al ruolo svolto dalla Marjayyah (autorità religiosa sciita) nel sostenere i cristiani e altre minoranze che negli ultimi anni sono state perseguitate, specialmente durante l’occupazione da parte dei terroristi di un vasta area di alcune regioni irachene, dove hanno commesso atti criminali vergognosi.

21 Rajab 1442 (06/03/2021)

Ufficio dell’Ayatullah Sistani – Najaf