Dom. Apr 18th, 2021

L’ACCUSA DEL DIPARTIMENTO DI STATO DEGLI STATI UNITI ALLA CINA DI “GENOCIDIO” SI BASA SULL’ABUSO DI DATI E SU AFFERMAZIONI INFONDATE DI IDEOLOGI DI ESTREMA DESTRA

Iscriviti alla newsletter del CeSEM

Le amministrazioni di Trump e di Biden si sono affidate al lavoro di un estremista religioso di destra, Adrian Zenz, per la loro accusa di “genocidio” contro la Cina. Un attento esame della ricerca di Zenz rivela un flagrante abuso di dati e vere e proprie falsità.

Sia il presidente Joe Biden che il suo segretario di Stato Anthony Blinken hanno appoggiato l’accusa dell’ultimo minuto dell’ex segretario di Stato Mike Pompeo di “genocidio” contro la popolazione uigura musulmana nella provincia cinese dello Xinjiang. Ma un’indagine sul lavoro pubblicato dal ricercatore Pompeo su cui ha fatto affidamento per livellare la sua accusa di genocidio rivela un modello di abuso di dati e affermazioni fraudolente che mina sostanzialmente l’accusa incendiaria.

L’accusa di genocidio contro la Cina da parte del governo degli Stati Uniti deriva da un’unica fonte: un documento del giugno 2020 di Adrian Zenz, un ricercatore tedesco di destra, affiliato alla Victims of Communism Memorial Foundation e alla Jamestown Foundation neoconservatrice di Washington, DC.

Anche gli articoli di Associated Press, CNN e BBC si sono basati sull’articolo di Zenz per affermare che il crollo dei tassi di natalità uiguri e l’applicazione di misure di controllo delle nascite nelle contee uiguri della regione dello Xinjiang sono la prova di una politica di “genocidio demografico”.

Pochi giorni dopo la pubblicazione del documento di Zenz, Pompeo ha rilasciato una dichiarazione in cui denunciava la presunta politica cinese di “sterilizzazione forzata, aborto forzato e pianificazione familiare coercitiva”, accreditando personalmente “le rivelazioni scioccanti di Adrian Zenz”.

Biden ha appoggiato l’accusa di genocidio lo scorso agosto quando è apparsa per la prima volta in una raffica di notizie dei media. Il portavoce della sua campagna ha detto a Politico: “L’indicibile oppressione che gli uiguri e altre minoranze etniche hanno subito per mano del governo autoritario cinese è un genocidio e Joe Biden vi si oppone con la massima fermezza”. Blinken, da parte sua, ha dichiarato alla sua prima conferenza stampa come segretario di Stato di essere d’accordo sul genocidio commesso contro gli uiguri.

Mentre i datori di lavoro di Zenz lo descrivono come “uno dei principali studiosi mondiali sulle politiche del governo della Repubblica popolare cinese nei confronti delle regioni occidentali del paese, Tibet e Xinjiang”, questi è, in effetti, un fondamentalista cristiano di estrema destra che dice di essere “guidato da Dio” contro il governo cinese, deplora l’omosessualità e l’uguaglianza di genere e ha insegnato esclusivamente in istituzioni teologiche evangeliche.

Lyle Goldstein, uno specialista in Cina e ricercatore presso il Dipartimento di ricerca strategica e operativa del Naval War College, ha detto a The Grayzone che l’etichettatura di Zenz dell’approccio cinese agli uiguri come “genocidio demografico” è “ridicolo al punto da essere offensivo per coloro che hanno perso i parenti durante l’Olocausto”.

Goldstein ha detto che l’approccio cinese allo Xinjiang “è un atteggiamento più repressiva di quanto vorremmo, ma di certo non è genocidio”.

Inoltre, un’attenta revisione della ricerca di Zenz mostra che la sua affermazione di genocidio è contraddetta da un flagrante abuso di dati, affermazioni fraudolente, selezione di materiali originali e false dichiarazioni propagandistiche.

Adrian Zenz testimonia davanti al Congresso il 10 dicembre 2019

Genocidio o parità di trattamento nella politica di pianificazione familiare?

Nel documento del 2020 di Adrian Zenz per la Jamestown Foundation, si è vantato che le sue scoperte “forniscano la prova più evidente che le politiche di Pechino nello Xinjiang soddisfano uno dei criteri di genocidio citati nella Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio”.

Zenz si riferiva all’articolo 2 (d) di quella Convenzione: “Imporre misure intese a prevenire le nascite all’interno del gruppo”. Ma l’Articolo II qualifica gli atti rilevanti come quelli “commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso, in quanto tale”.

Ma “prevenire le nascite” di per sé non può essere la prova di un presunto genocidio senza la prova dell’intenzione di distruggere il gruppo in questione. Altrimenti, qualsiasi programma di controllo delle nascite fornito a un gruppo etnico sarebbe la prova prima facie di una politica di genocidio contro il gruppo.

Zenz ha sostenuto che le misure di controllo della popolazione applicate agli uiguri potrebbero essere etichettate come “genocidi” perché i tassi di crescita della popolazione sono diminuiti dell’84% nelle due maggiori prefetture uiguri tra il 2015 e il 2018 e sono ulteriormente diminuiti in diverse regioni minoritarie nel 2019. Ma statistiche più complete che Zenz ha citato nella sua relazione, e i dati che ha opportunamente omesso, contraddicevano la sua conclusione.

Zenz ha fornito statistiche che rivelano che tra il 2005 e il 2015, la crescita della popolazione uigura nello Xinjiang è stata 2,6 volte superiore a quella dei cinesi Han nella regione dello Xinjiang. (Il grafico visualizzato nel suo rapporto è sotto).

Sia i dati ufficiali cinesi che Zenz concordano sul fatto che la popolazione uigura nello Xinjiang è aumentata in modo significativo tra il 2010 e il 2018.

I dati di Zenz mostrano un aumento della popolazione uigura da 10,1 milioni a 11,8 milioni durante il 2010 e il 2018, mentre i dati del governo cinese dimostrano un aumento ancora maggiore da 10,1 a 12,7 milioni. Ciò significa che la popolazione uigura nello Xinjiang è cresciuta di un incredibile 25,04%.

Zenz mostra che la popolazione cinese Han è aumentata da 8,5 a 9,8 milioni durante il periodo di otto anni, mentre i dati del governo cinese mostrano un aumento minore della popolazione Han da 8,8 milioni a 9 milioni.

Sia il rapido aumento dei tassi di crescita della popolazione uigura sia l’aumento del margine della maggioranza uigura sulla popolazione Han dello Xinjiang negli ultimi anni sono il risultato della politica del figlio unico imposta alle coppie cinesi Han dal governo cinese nel 1979.

Secondo lo specialista cinese Martin King Whyte, la politica del figlio unico è stata accompagnata da un modello di abusi a lungo termine nella sua attuazione, tra cui “monitoraggio mestruale intrusivo, sterilizzazioni forzate e aborti, ammende monetarie sconcertanti per nascite ‘fuori quota’, distruzione di mobili e di alloggi di coloro che resistono e rifiutano la registrazione per i bambini nati al di fuori del piano”.

Le famiglie uiguri, tuttavia, sono state esentate dalla politica del figlio unico. Le coppie uiguri urbane potevano avere due figli e le coppie uiguri rurali tre. In pratica, inoltre, gli uiguri rurali avevano spesso famiglie numerose, fino a nove o dieci figli in alcuni casi, come riconosceva anche Zenz.

Nel 2015, il governo cinese ha annunciato un allentamento del limite decennale di un figlio per le coppie Han urbane, consentendo alle coppie urbane di avere due figli e alle famiglie rurali di averne tre. Nello Xinjiang, dove i tassi di natalità superavano abitualmente i limiti stabiliti in precedenza, i funzionari locali hanno sollecitato l’applicazione equa della politica di pianificazione familiare tra le coppie han e quelle uiguri.

Nel luglio 2017, il governo regionale dello Xinjiang ha posto fine all’esenzione dai limiti per i bambini anziani per gli uiguri. Ci si aspettava quindi che le coppie uiguri seguissero le stesse limitazioni imposte di recente alle coppie han: due bambini nelle aree urbane e tre nelle regioni rurali.

Come il governo cinese ha liberamente riconosciuto, una diminuzione del 5% del tasso di natalità nello Xinjiang tra il 2017 e il 2018 è stata il risultato dell’applicazione paritaria della politica di pianificazione familiare attraverso le linee etniche.

Pur eludendo questo punto, Zenz ha anche trascurato il fatto che il tasso di natalità complessivo della Cina è diminuito precipitosamente negli ultimi anni in tutto lo spettro demografico man mano che la popolazione invecchia e i contraccettivi diventano più ampiamente disponibili attraverso programmi come la distribuzione gratuita annuale del governo di un miliardo di preservativi. Ad esempio, nella città di Guangzhou, lontana dallo Xinjiang, il tasso di neonati è precipitato al punto più basso degli ultimi dieci anni.

Raccolte a ciliegia e distorsione del materiale originale, inquadrando l’assistenza sanitaria gratuita come un genocidio

Sempre nel 2017, la Commissione nazionale cinese per la salute e la pianificazione familiare ha annunciato un investimento sanitario da 5,2 miliardi di dollari nello Xinjiang, affermando la sua intenzione di rafforzare una fragile infrastruttura sanitaria nelle aree rurali povere della regione.

Secondo le statistiche del governo cinese, i tassi di mortalità materna e infantile nello Xinjiang sono stati quasi dimezzati prima del 2018, mentre l’aspettativa di vita media è aumentata a seguito di maggiori investimenti nella sanità pubblica. Uno studio di Lancet del 2019 ha descritto il miglioramento della salute materna da parte della Cina e la riduzione della mortalità infantile come una “straordinaria storia di successo”. Un altro studio di quell’anno dell’Accademia cinese delle scienze mediche è arrivato a una conclusione simile. Il modo in cui questi indicatori di salute positivi potessero servire come prova del genocidio è rimasto inspiegato da parte di Zenz, che ha semplicemente omesso i numeri dal suo rapporto.

In tutto il suo articolo, Zenz ha inquadrato l’espansione dei servizi sanitari pubblici nello Xinjiang come prova di un genocidio in atto. Ad esempio, Zenz ha indicato una fotografia di residenti uiguri delle regioni rurali dello Xinjiang che ricevono un consulto medico in una clinica sanitaria gratuita come parte di uno “sforzo per imporre l’attuazione completa di crescenti sforzi intrusivi di controllo delle nascite”.

In un altro punto del suo articolo, Zenz ha citato un documento dell’agosto 2019 dell’ufficio governativo della contea di Wenquan nello Xinjiang come prova di “maggiore pressione per implementare metodi di controllo delle nascite intrusivi”. Ha fatto riferimento a una singola menzione di 468 “interventi chirurgici per il controllo delle nascite”, che potrebbe essere tradotta alternativamente come “operazioni di pianificazione familiare”, ma non ha fornito alcuna prova che le operazioni fossero coercitive. In modo rivelatore, Zenz ha omesso la riga successiva, che esprimeva soddisfazione per un tasso di natalità dell’8,11%.

Tuttavia, la fotografia raffigurava una coppia di anziani che era troppo vecchia per avere figli ed era datata maggio 2017, mesi prima che il governo cinese annunciasse la fine dell’esenzione del limite dei bambini per gli uiguri.

A sinistra: l’interpretazione creativa di Adrian Zenz di una foto che mostra una coppia di anziani che riceve un controllo sanitario gratuito. A destra: la fonte originale della foto.

Secondo la fonte originale della fotografia, un articolo di China News, raffigurava un reggimento del Corpo di produzione e costruzione dello Xinjiang che si schierava in una provincia rurale come parte del programma governativo di eradicazione della povertà. Lì, i medici “misuravano la pressione sanguigna, l’elettrocardiogramma, la glicemia, l’altezza e il peso per i poveri abitanti dei villaggi, venuti gratuitamente dal medico… Più di 200 persone povere sono state diagnosticate e curate e più di 100 farmaci comuni sono stati distribuiti sul posto”.

In un altro punto del suo articolo, Zenz ha citato un documento dell’agosto 2019 dell’ufficio governativo della contea di Wenquan nello Xinjiang come prova di “accresciuta pressione per implementare metodi intrusivi di controllo delle nascite”. Ha fatto riferimento a una singola menzione di 468 “interventi chirurgici per il controllo delle nascite”, che potrebbe essere tradotta alternativamente come “operazioni di pianificazione familiare”, ma non ha fornito alcuna prova che le operazioni fossero coercitive. In modo rivelatore, Zenz ha omesso la riga successiva, che esprimeva soddisfazione per un tasso di natalità dell’8,11%.

Zenz ha continuato a ignorare il resto del documento, che pubblicizzava la maggiore fornitura di servizi di salute mentale gratuiti, vaccinazioni antipolio e trattamenti di prevenzione dell’AIDS, nonché misure di riduzione della povertà e la costruzione di nuovi ospedali e cliniche mediche per la popolazione dello Xinjiang.

In che modo un massiccio investimento per migliorare la salute di comunità rurali precedentemente trascurate si è inserito nel quadro di una politica di genocidio? Ancora una volta, Zenz ha eluso completamente il problema.

Invenzione di statistiche, narrazione di storie per inquadrare il nemico ufficiale

Tra le “principali scoperte” di Zenz c’era l’affermazione che “l’80% di tutti i posizionamenti IUD aggiunti netti in Cina… siano stati eseguiti nello Xinjiang, nonostante il fatto che la regione costituisca solo l’1,8% della popolazione della nazione”.

Secondo il China Health Statistics Yearbook 2019 pubblicato dalla National Health Commission – la fonte originale dell’affermazione di Zenz – il numero di nuove procedure di inserimento di IUD nello Xinjiang nel 2018 ha rappresentato solo l’8,7% del totale della Cina. Quindi la “scoperta principale” di Zenz sembrava essere sbagliata di un fattore 10, un errore sconcertante che ha sostanzialmente minato la qualità esplosiva della sua argomentazione. Le sezioni pertinenti dell’annuario statistico su cui si è fatto affidamento Zenz sono state tradotte da un madrelingua cinese e sono visualizzate di seguito. Una traduzione completa del grafico può essere visualizzata qui e un archivio dell’intero annuario statistico è qui.

GARETH PORTER,

Traduzione per il CeSEM di Guido Benni

Fonte: