Bilancio geopolitico del conflitto in Alto-Karabakh. Il grande gioco delle potenze

di Pierre – Emmanuel Thomann

Nuova configurazione geopolitica e crollo dell’ordinamento giuridico derivante dal mondo unipolare.Come dare un senso a questo conflitto? Deve essere inserito nella configurazione geopolitica globale emergente, cioè nell’evoluzione dell’ordine geopolitico. Il diritto internazionale è di scarsa utilità per comprendere la situazione a parte il modo in cui è strumentalizzato dalle potenze rivali.

La guerra in Nagorno-Karabakh conferma che i confini in Eurasia stanno cambiando e si spostano di nuovo, perché dalla fine del mondo bipolare, con l’emergere del mondo multipolare si è avviato un processo di disgelo dei territori. Stiamo assistendo al ritorno di guerre di conquista territoriale, legate alle questioni di rivalità tra potenze su scala mondiale, con aggiustamento tra aree di influenza attraverso la guerra per procura.

Il mondo si sta frammentando e si apre la strada ad una ricomposizione dei territori. La frammentazione geopolitica del mondo con il nuovo corso di fronti mobili e linee rosse tra grandi potenze si sta inesorabilmente rafforzando. Assomiglia sempre di più al mondo come funzionava prima della Seconda guerra mondiale.

Il diritto internazionale non può essere legittimo senza un ordine spaziale (riferimento a Carl Schmitt). Ciò significa che le risoluzioni dell’ONU sul Nagorno-Karabakh, così come quelle del gruppo di Minsk, riflessi del periodo unipolare segnato dall’indebolimento della Russia dopo la caduta dell’URSS, sono da tempo obsolete. Ciò è stato appena confermato dalla nuova situazione geopolitica, vale a dire un nuovo ordine spaziale, che apre la strada a un nuovo regime giuridico ancora sconosciuto.

La guerra nel Nagorno-Karabakh era stata a lungo preparata da Azerbaigian e Turchia, e tutte le potenze lo sapevano. Ma ognuno pensava che alla fine avrebbe potuto trarre un vantaggio geopolitico.

Secondo l’accordo del 9 novembre tra i militari belligeranti, Armenia e Azerbaigian sotto il patrocinio della Russia, gli effetti sono asimmetrici. Nella loro impresa di conquista, gli azeri non ottengono l’intero Nagorno-Karabakh ma i territori adiacenti tutt’intorno. Il Nagorno-Karabakh viene smembrato di più della metà dei suoi possedimenti territoriali prima del conflitto a beneficio dell’Azerbaigian, territori che fanno tutti parte dell’Armenia storica. Le popolazioni di questi territori sono fuggite, il che equivale a una definitiva pulizia etnica perché è dubbio che torneranno. D’altra parte, gli azeri che hanno subito anche la pulizia etnica dagli armeni dopo la guerra del 1994 dovrebbero reinvestire in queste aree.

Probabilmente stiamo tornando al conflitto congelato sulla porzione più piccola del Nagorno-Karabakh che rimarrà con gli armeni. Il suo status futuro non è ancora specificato. Gli azeri controllano Shushi, una storica città armena.

Al di là della posta in gioco del conflitto regionale tra Azerbaigian e Armenia, il conflitto costituisce una tappa importante nel confronto tra le grandi potenze ei loro progetti geopolitici antagonistici, principalmente Turchia, Russia e, meno esplicitamente, Stati Uniti, UE e NATO per la creazione di zone di influenza nel continente eurasiatico.

È il momento della valutazione provvisoria.

La Russia estende la sua presa territoriale.

Prima lezione, la Russia ha ristabilito il suo primato sul Caucaso meridionale, che fa parte del suo estero vicino. La Russia impone un accordo di cui è l’unico garante, esclude la Turchia da un ruolo esplicito, si accorda con osservatori militari sul territorio strategico del Nagorno-Karabakh, e il presidente armeno rischia di cadere a favore di un governo più favorevole alla Russia.

Da un lungo periodo di tempo, dopo aver vinto la guerra in Cecenia (1999-2000) che ne minacciò l’integrità territoriale, la Russia continua il suo inesorabile ritorno ai suoi ex territori della Russia zarista, dopo l’Ossezia meridionale e l’Abkhazia ( Guerra Russia-Georgia 2008), la Crimea si è riunita con la Russia in seguito al colpo di stato di Kiev (2014) e ora con l’arrivo delle truppe russe in Nagorno-Karabakh, (i russi hanno proposto questa soluzione in diverse fasi storiche del conflitto) su territorio armeno de facto, ma legalmente in Azerbaigian.

La Russia, a causa del suo riconoscimento de jure o de facto dei territori separatisti e della sua impronta territoriale militare in questi territori, blocca la possibile adesione alla NATO di Georgia, Ucraina, Armenia e dall’Azerbaijan (non all’ordine del giorno, ma a lungo termine è meglio stare attenti).

La Russia ha impedito una sconfitta totale dell’Armenia nel Nagorno-Karabakh. I russi non potevano accettare una completa invasione del Nagorno-Karabakh. Questo sarebbe stato interpretato come un indebolimento della Russia, e de facto della CSTO, (anche se legalmente, è solo il territorio dell’Armenia stricto sensu che era interessato dagli accordi di difesa) e un guadagno per la Turchia.

Questa evoluzione sarebbe in seguito proseguita nella guerra di comunicazione che gli avversari atlantisti conducono permanentemente contro la Russia. Ciò avrebbe anche aperto la strada ad altre destabilizzazioni e rivendicazioni turche, con la compiacenza, per non dire col semaforo verde, degli Stati Uniti e della NATO.

Di fronte al rifiuto degli Armeni di accettare le proposte russe sul tavolo dei negoziati da anni, i Russi non hanno voluto implicarsi direttamente. La prudenza era la sola postura realista. Se avesse scelto il loro campo in maniera chiara, i Russi avrebbero l’Azerbaigian a favore dei Turchi, se non a favore della NATO sul lungo periodo. Quando gli azeri erano sul punto di conquistare tutto il Nagorno-Karabakh, e dopo la perdita di un elicottero russo in condizioni oscure, i russi hanno spinto per un accordo quando la situazione era matura dopo il fallimento dei tre cessate il fuoco precedenti.

Di conseguenza, secondo l’accordo approvato il 9 novembre, la Russia può ora schierare truppe di interposizione in Nagorno-Karabakh, oltre alle sue basi in Armenia, avamposti nei confronti della Turchia e il corridoio energetico strategico promosso dagli Stati Uniti sull’asse Baku-Tbilisi-Ceyhan.

Essa si stabilisce quindi anche nel territorio legale dell’Azerbaigian. L’Armenia soprattutto, ma anche l’Azerbaigian diventerà più dipendente dalla Russia, e la Georgia rimarrà limitata nel suo riavvicinamento alla NATO e all’UE.

In base all’accordo del 9 novembre, un corridoio di trasporto che collega l’Azerbaigian all’enclave di Nakhitchevan (con estensione alla Turchia), rivendicazione di Baku per avere una continuità territoriale ma anche di Ankara per avere accesso al Mar Caspio, sarà stabilito. Per la continuità territoriale tra Armenia e Nagorno-Karabakh, verrà mantenuto il corridoio di Latchin ma spostato a causa della perdita della città di Shushi da parte degli armeni. Questi due corridoi saranno sorvegliati dalle forze di interposizione russe. I russi controlleranno quindi tutti i reciproci percorsi strategici.

La Turchia si è rafforzata nel Caucaso meridionale ma contenuta dalla Russia.

La nuova configurazione geopolitica non implica chiaramente un nuovo condominio russo-turco nel Caucaso come in Siria, anche se la Turchia ha aumentato la sua influenza in Azerbaijan.

La Turchia, sostegno politico e militare dell’Azerbaigian, e quindi in espansione geopolitica dopo le sue operazioni militari in territorio libico e siriano, rafforza il suo status di potenza regionale ineludibile. Tuttavia, è stata (temporaneamente?) contenuta dalla Russia.

Lo stato maggiore turco fu comandante in capo delle operazioni (condotte da dietro) per l’offensiva turco-azera in Alto-Karabakh, così come per il rifornimento di mercenari islamisti provenienti dalla Siria. La Turchia rivendicava un condominio russo-turco per il Caucaso. Essa, tuttavia, è stata formalmente esclusa dall’accordo firmato tra Russia, Armenia e Azerbaigian, in quanto non firmataria, anche se probabilmente è in corso una trattativa dietro le quinte tra Russia e Turchia.

Poiché la Turchia è un membro della NATO e il Nagorno-Karabakh fa parte dell’estero vicino della Russia, quest’ultima non potrebbe concederle lo status di partner alla pari per inaugurare un condominio russo-turco sul Caucaso meridionale, sul modello della Siria e del processo di Astana. Non ci saranno quindi forze di intervento turche in Nagorno-Karabakh, a parte gli osservatori in un centro di osservazione del cessate il fuoco. Tuttavia, l’interpretazione degli accordi differisce tra russi e turchi che cercano di continuare a negoziare per massimizzare la loro presenza. La Russia ha anche fatto pressione sulla Turchia bombardando gli islamisti filo-turchi che hanno subito pesanti perdite, per mostrare alla Turchia le linee rosse russe, in particolare per quanto riguarda il flusso di mercenari islamisti.

La cosiddetta alleanza russo-turca spesso invocata, o la tesi di una connivenza russo-turca per ritagliarsi e condividere aree di influenza a scapito di europei e Stati Uniti dovrebbe essere messa relativizzata.

La regionalizzazione delle questioni geopolitiche è rivelatrice dell’evoluzione della configurazione geopolitica globale. È soprattutto a causa del rifiuto da parte degli Stati Uniti e di altri membri europei della NATO di concedere un posto alla Russia in un nuovo concerto europeo e mondiale, e del proseguimento del suo accerchiamento da parte dell’espansionismo euro-atlantico che costringe la Russia ad avvicinarsi a Paesi che possono anche rappresentare una minaccia nell’immediato (Turchia e la sua espansione pan-turca e islamista) o a lungo termine (Cina). Non c’è alleanza tra Russia e Turchia, ma rivalità, confronto e identificazione di interessi tattici comuni come risultato di negoziati permanenti per tracciare le linee del fronte in movimento, senza lasciarsi trascinare in una guerra frontale. Mentre la Russia ha silurato l’espansione turca in Siria, la Turchia cerca di silurare l’espansione russa in Libia e ora sta tentando di spingere la Russia nel Caucaso. D’altra parte, in un mondo multipolare, è logico il processo di regionalizzazione delle crisi, dove gli attori regionali che hanno interessi diretti formano un direttorio per gestire le loro diverse convergenze geopolitiche. Questa nuova configurazione esclude i contendenti per il mondo unipolare come gli Stati Uniti e i suoi stretti alleati, che si arrogano il diritto di essere coinvolti in tutte le crisi su scala globale.

L’evoluzione della postura degli Stati Uniti, che si sta ritirando dalle linee del fronte, ma privilegia gli Stati perno, in questo caso la Turchia e gli Stati di fronte, qui, l’Azerbaijan, accelera questo sviluppo.

Gli Stati Uniti mirano a sfruttare le tensioni nel Caucaso meridionale.

Il consenso implicito degli Stati Uniti all’offensiva turco-azera era inteso a riorientare le priorità geopolitiche della Turchia verso il Caucaso per arginare la screpolatura della NATO nel Mediterraneo orientale e rafforzare il corridoio energetico meridionale che bypassa la Russia con gli oleodotti e gasdotti Azerbaigian-Georgia-Turchia, ma anche la funzione di hub dell’Azerbaigian per i trasferimenti di armi al Medio Oriente. Ciò ha permesso di creare un nuovo centro di attrazione per tutti i mercenari islamisti al fine di indebolire in modo durevole la Russia sul suo fianco meridionale. Era una risposta all’impegno russo in Siria, un territorio che era diventato anche teatro di raduni islamici e terroristi e che la Russia aveva fermato grazie al suo intervento.

Gli Stati Uniti, che di solito sono coinvolti in molti conflitti in tutto il mondo, sono rimasti stranamente silenziosi. L’argomento della campagna elettorale che avrebbe distolto l’attenzione da questo conflitto si scontra con il seguente elemento; durante questo periodo elettorale, la diplomazia degli Stati Uniti ha portato il suo sostegno a Grecia e Cipro per contenere la Turchia ma anche la Russia, e ha incoraggiato la Turchia a contrastare la Russia in Siria.

Gli Stati Uniti non sono neutrali rispetto alla posizione sempre più aggressiva della Turchia. O la incoraggiano quando è diretta contro la Russia, o pongono dei limiti quando minaccia la coesione della NATO. La neutralità non esiste. Il silenzio in geopolitica equivale ad approvazione.

La Turchia è il garante dell’asse energetico Baku-Tbilisi-Ceyhan con il sostegno implicito degli Stati Uniti, della NATO e dell’UE. La Turchia sta cercando di aprire un nuovo asse Turchia-Azerbaigian attraverso il Nakhitchevan e il Nagorno-Karabakh meridionale. Dovrà essere fatto senza tagliare l’asse Armenia-Iran, perché sotto il controllo russo con truppe di interposizione, sull’asse che attraversa il territorio armeno. La Russia non è caduta nella trappola del confronto diretto con la Turchia, e continua il suo rapporto di rivalità permanente ma punteggiato da accordi provvisori e precari per cercare di staccare la Turchia dalla NATO al fine di rompere l’alleanza, nonostante il suo doppio gioco.

Gli Stati Uniti sono in apparente ritiro, ma in un sostegno non esplicito alla Turchia per indebolire la Russia.

Nel Caucaso meridionale, la Turchia sta facendo il lavoro che gli Stati Uniti non vogliono più fare in prima linea.

Gli Stati Uniti dalla presidenza Trump stanno operando un apparente ritiro dal teatro europeo ed eurasiatico. Si stanno ritirando dalle linee del fronte, ma in realtà stanno supportando Stati cardine come la Polonia nel nord e la Turchia nel sud-est per rivoltare la Turchia contro la Russia in Siria e durante il conflitto del Nagorno-Karabakh, nel Caucaso. D’altra parte, gli Stati Uniti si stanno rafforzando in prima linea nel Mediterraneo orientale con Grecia (nuova base) e Cipro (nuova base, armamenti) per contenere Russia, Turchia, ma anche Francia ed evitare un crack della NATO.

Gli americani cercano di mantenere il ruolo di membro della NATO della Turchia come guardiano dello stretto e contrappeso turco nel Caucaso, nel Mar Nero e nel Medio Oriente. È un elemento essenziale della loro posizione geopolitica.

Essi hanno lasciato fare alla Turchia nel conflitto contro il Nagorno-Karabakh, al fine di indebolire la Russia (nel contesto delle pressioni in Ucraina, Bielorussia, affare Navalny). Questo compiacimento è stato accompagnato dall’emergere di una nuova internazionale jihadista nel Caucaso dopo la sconfitta in Siria contro la Russia. L’obiettivo principale di questa manovra è di respingere la Russia in queste terre continentali, grazie alla Turchia, da qui la compiacenza nei confronti dell’espansionismo turco.

Con il rafforzamento dell’Azerbaigian, l’obiettivo è anche quello di indebolire ed eventualmente frammentare l’Iran, che ha minoranze azere, in sinergia con Israele per il quale l’Azerbaigian è l’alleanza inversa e a cui ha fornito delle armi. La debolezza e l’allineamento degli europei sulla visione atlantista lascia anche un enorme margine di manovra alla Turchia e facilita la sua espansione. Il tentativo della Francia di opporsi non ha suscitato molto consenso nella UE e nella NATO.

Ma la Russia ha ribaltato la situazione e alla fine la Turchia ha un ruolo più limitato del previsto. La Turchia rimarrà comunque un partner degli Stati Uniti per il controllo dello stretto e del corridoio energetico BTC con l’obiettivo di una sua estensione in Asia centrale, per bypassare la Russia, qualunque sia il nuovo presidente.

L’Iran per il contenimento della Turchia.

L’Iran non vuole neppure le truppe turche a nord del suo territorio e il corridoio di trasporto Nakhichevan-Azerbaigian non deve tagliare il corridoio Armenia-Iran. Questa linea rossa degli iraniani chiede ancora di dare il controllo di questi corridoi ai russi. L’Iran ha sottolineato di sostenere la conquista dei territori intorno al Nagorno-Karabakh da parte degli azeri; ma che il territorio diminuito nel Nagorno-Karabakh dovrebbe rimanere armeno.

Le conseguenze per l’UE: regressione geopolitica.

Questa nuova situazione segnata dal rafforzamento della Russia, ma anche della Turchia, indebolirà anche l’UE. I suoi tentativi di estendere la sua influenza nel Caucaso attraverso il partenariato orientale, un programma dell’UE di cui Armenia e Azerbaigian sono membri, saranno limitati. C’è un rafforzamento della presa russa in questi due paesi e della Turchia in Azerbaigian. È probabile che l’Armenia perda il suo governo filo-occidentale a causa della rabbia armena nei confronti del presidente armeno Pashinyan, il grande perdente nei negoziati. L’Armenia potrebbe muoversi più saldamente verso l’Unione economica eurasiatica (EAEU) guidata dalla Russia. La spinta euro-atlantica (UE e NATO sono complementari) sta raggiungendo i suoi limiti in generale e il tentativo di cambio di regime sostenuto dall’UE e dagli Stati Uniti è finora fallito in Bielorussia.

È abbastanza logico che in un mondo sempre più multipolare, la logica geopolitica regionale abbia sempre più la precedenza. L’UE, i cui paradigmi obsoleti si basano sul mondo unipolare in sinergia con gli Stati Uniti, inizia a ritirarsi. L’UE, come la NATO, è troppo estesa.

La Francia viene rimossa dal Caucaso.

La diplomazia francese sta perdendo terreno poiché il gruppo di Minsk sta perdendo la sua importanza. Il Caucaso, comunque, non ha mai fatto parte del giardino di casa francese e non lo sarà mai più in futuro. Finché la Francia non opererà un perno verso la Russia, che si sta rafforzando nella circonferenza geografica dell’UE, sarà esclusa non solo dal Caucaso, ma dalle aree più vicine e strategiche per i suoi interessi in Siria e Libia.

L’unico modo per i francesi e gli europei di rafforzare il loro peso nella loro vicinanza geografica è avvicinarsi bilateralmente alla Russia, in particolare per contenere la Turchia. La Russia sarebbe quindi meno sola nel suo obiettivo di contenere la Turchia. Finché gli europei occidentali non considereranno il riavvicinamento continentale con la Russia, la Russia sarà tentata di raggiungere un accordo con la Turchia per indebolire la NATO e l’UE.

A lungo termine, una nuova architettura di sicurezza europea ed eurasiatica resta rilevante, per una risoluzione dei vari conflitti congelati. È illusorio credere nella loro risoluzione caso per caso, poiché fanno parte di una questione sistemica più ampia, la rivalità tra Russia, Turchia e Stati Uniti fintanto che la minaccia di un allargamento della NATO peserà sull’estero vicino della Russia, e l’UE si vedrà come un’entità complementare alla NATO, non ci saranno progressi significativi.

Articolo originale: Bilan géopolitique du conflit au Haut Karabagh: le grand jeu des puissances

12/11/2020. Publié par Pierre-Emmanuel Thomann, eurocontinent.eu.

Traduzione di Stefano Vernole per il CeSEM.