L’ultimo degli uiguri e l’ultimo dei giornalisti

di Maxime Vivas

 

Vuoi suscitare un’ondata globale di indignazione contro un Paese? Sostieni che gli uomini vengono imprigionati e torturati su vasta scala lì, persino giustiziati di nascosto, che le donne vengono sterilizzate con la forza e che i bambini vengono torturati lì. Questo è ciò che la stampa mondiale ha appena fatto, sta facendo e continuerà a fare, fungendo da megafono per alcuni giornali americani, segretamente ispirati dalle industrie della Casa Bianca.

 

Che non ci sia una parola di verità nella campagna anti-cinese contro gli uiguri non importa. Basta fingere, affermare. Le informazioni circolano, i giornali si leggono, i politici vengono coinvolti. È falso ma plausibile: la Cina insondabile, la Cina impenetrabile dietro le fessure dei loro occhi. Mi segui bene, tu che sei per la maggior parte normale, scusa: bianco?

 

Bruno Le Maire e Clémentine Autain sono indignati e virtualmente lo fanno sapere.

 

È tutta una bugia, ma il danno è fatto. Fu solo dopo la distruzione dell’Iraq e dopo centinaia di migliaia di morti innocenti che tutta la stampa ammise che le informazioni sugli incubatori scollegati in Kuwait dai soldati di Saddam Hussein furono inventate, che la fiala marchiata da Colin Powell alle Nazioni Unite conteneva la pipì o la sabbia del suo gatto dalla sua lettiera o polvere di perlimpina e non “Armi di Distruzione di Massa” che rischiavano di ottenere la meglio sugli Stati Uniti, la Gran Bretagna e (orrore!) sulla Francia.

 

Ho scritto sopra che “non c’è una parola di verità nella campagna anti-cinese contro gli uiguri”. La prudenza vorrebbe che io mi esprimessi così: “Molte cose sono imprecise nella campagna anti-cinese sugli Uiguri”. Oppure: “Certo, i cinesi non sono bambini dal cuore d’oro, ma dovremmo prendere alla lettera gli articoli di “Liberation”?” O addirittura: “Il problema che il regime cinese chiama “le tre piaghe” (terrorismo, separatismo, fondamentalismo) è una realtà che non può essere negata, ma ciò giustifica una repressione di tale portata? “.

 

Ma, tenete duro,  io insisto: “Non c’è una parola di verità nella campagna anti-cinese contro gli uiguri”. No tre volte no, uno o due milioni di uiguri maschi (tre secondo “Radio Free Asia”) non sono internati, le donne non sono sterilizzate con la forza per estinguere il gruppo etnico, i bambini non vengono uccisi per la raccolta di organi venduti in Arabia Saudita, Pechino non è in guerra contro questa regione autonoma che, d’altra parte, è oggetto di tutte le sue attenzioni e di tutti i suoi favori.

 

Ho scritto che “questa regione autonoma è al contrario oggetto di ogni attenzione, di tutti i favori di Pechino?” La prudenza vorrebbe che io mi esprimessi così: “Pechino gestisce le sue regioni con l’autorità naturale dei comunisti e lo Xinjiang non fa eccezione”, oppure: “Anche se Pechino ha messo lo Xinjiang sotto sorveglianza, degli sforzi finanziari innegabili sono stati consentiti per sviluppare questa regione, il punto di partenza della “Nuova via della Seta”.

 

Ma, continuo a tenere duro, insisto: “Questa regione autonoma è oggetto di ogni attenzione, di tutti i favori di Pechino.”

 

Lo dico oggi, nel luglio 2020, con la stessa fiducia (incoscienza?) che mi ha fatto scrivere un libro nel 2007 su un idolo, quindi inattaccabile, come Nelson Mandela. Sto parlando di un ragazzo che è ora sindaco di Béziers, eletto con il sostegno del Front National.

 

Lo dico oggi, nel luglio 2020, con la stessa certezza con cui nel 2011 ho scritto un libro su un idolo intoccabile, come Ghandi all’epoca. Sto parlando dell’ex torturatore del Tibet: il Dalai Lama.

 

Questo è per il passato. Posso esibirmi anche in futuro. Ad esempio, ho una piccola idea del passaggio di Yannick Jadot e Julien Bayou nei ranghi dei nemici dell’ecologia, che hanno sempre un piatto di lenticchie da offrire all’ambizioso dipinto di verde. Ma non è questo il punto (sto parlando da solo per un appuntamento, per trionfare in un attimo: “Chi sa chi l’aveva detto?”).

 

Un popolo che dimentica il proprio passato è condannato a riviverlo (Marx), un giornalista che non rilegge le notizie dei suoi colleghi è condannato a usare sempre le stesse versioni, ignaro del fatto che il trucco sia già stato usato, in modo identico.

 

I giornalisti leggono tra loro (“La Circolazione circolare dell’Informazione”. Bourdieu). Ma a volte lo psittacismo non funziona, spiccano i giornalisti che hanno un’opinione su se’ stessi che li costringe a sfuggire allo scherno dei pappagalli.

 

Guarda, nel 2010, ero in Tibet con due importanti giornalisti dei due maggiori quotidiani francesi (per diffusione): “Le Monde” e “Le Figaro”. Ne ho parlato spesso in queste colonne perché si è verificato un fenomeno sorprendente. Noi tre sapevamo (perché leggiamo la stampa e abbiamo un’autoradio e una TV) che il governo di Pechino stava compiendo un genocidio in Tibet, che la cultura era stata sradicata e la religione combattuta ferocemente.

Non dirmi che non lo sapevi anche tu. “Tibet libero”, non lo scopri leggendomi lì.

 

Robert Ménard (ora sindaco della città natale di Jean Moulin) ci ha spiegato il dramma tibetano interrompendo il passaggio della fiamma olimpica a Parigi per le Olimpiadi di Pechino del 2008. Il ragazzo che vediamo con lui nei video dell’epoca, in una maglietta nera con 5 manette che simboleggiano i 5 anelli olimpici in serigrafia, è Jean-François Julliard che è succeduto a Ménard alla guida di RSF (Reporter senza frontiere, n.d.r.) prima diventare Amministratore delegato di Greenpeace France, una funzione che lo rende ospite abituale delle lezioni estive di LFI (La France Insoumise, ndr).

Comprende che potrà.

 

Quindi siamo in Tibet, i miei due amici si scambiano cazzate divertenti, uno chiede all’altro come ci si senta ad appartenere ai banchieri, l’altro risponde che la sensazione è probabilmente la stessa di quella del giornalisti di proprietà di un trafficante d’armi. Sono andati su Internet per scoprire chi sono io. Mi risparmiano. Sono qui, incoronato dal prestigio bellicoso de “Le Grand Soir”, un media rigoroso, affidabile e incisivo. E su chi se lo merita. Messaggio ricevuto anche nelle montagne tibetane.

 

In breve, tutti e tre insieme, ciascuno sotto lo sguardo degli altri, vediamo il Tibet con la sua religione onnipresente, i templi pieni, i monasteri brulicanti di passeri, le preghiere di strada, le montagne sporche di grossolani dipinti buddisti, di rosari, di bandiere di preghiera che sbattono al vento. Un fanatico della nausea per l’ateo che sono.

 

Tutti e tre, insieme, ciascuno sotto lo sguardo degli altri, vediamo le scuole in cui si insegna in tibetano (fino all’università), vediamo i segnali, i cartelli, i nomi delle strade scritte in tibetano, così come i giornali, le TV e le radio trasmettono in tibetano. Il preside dell’Università di Lahsa ci mostra una stanza che contiene decine di migliaia di libri in tibetano. Partecipiamo anche a spettacoli tibetani (balli, canzoni).

 

Tutti e tre, insieme, ciascuno sotto lo sguardo degli altri, vediamo coppie tibetane con bambini (non un figlio). La politica del figlio unico non è mai stata imposta al Tibet. Quindi un’esplosione demografica favorita dal quasi raddoppio dell’aspettativa di vita dopo la fuga del Dalai Lama.

 

Di ritorno in Francia, noi tre, sapendo ciascuno che gli altri lo leggeranno, scriviamo ciò che abbiamo visto. Ci crederai, nessuno ha scritto che “il regime di Pechino” era impegnato in un genocidio, ha sradicato la cultura tibetana e represso i buddisti? E dato che sono in confidenza, ti dirò che il giornalista di “Le Figaro” mi ha inviato il suo articolo e mi ha chiesto cosa ne pensassi (bene, a proposito). Ci crederesti, le persone con cui ho l’opportunità di parlare della Cina oggi devono sicuramente leggere tutti “Liberation” perché mi spiegano in silenzio che i buddisti vengono perseguitati in un infelice genocidio del Tibet dove parlare tibetano e pregare è esporsi alla prigione?

 

E ora, continuando a resistere bene, sostengo che se andassi nello Xinjiang con i due grandi reporter di “Le Monde” e “Le Figaro”, ognuno dei quali marcando l’altro “a uomo”, nessuno scriverà al ritorno che Pechino è impegnata in un genocidio contro gli uiguri, opprimendo la loro religione, sradicando la loro cultura, massacrando i bambini.

Perché non è vero.

Un po’ però?

Affatto.

Le fosse comuni di Timisoara non erano “un po’” vere. I giubbotti gialli non invasero “un po’” l’ospedale Pitié-Salpétrière, Nicolas Maduro non fu “un po’” eletto contro Juan Guaido (che non era un candidato, ricordo ai distratti) , eccetera.

 

Se andassi nello Xinjiang (ci andrei due volte) con Renaud Girard e Rémy Ourdan, se essi si liberassero degli informatori yankee e di altri bugiardi professionisti, si distinguerebbero dai loro colleghi che scrivono articoli di tale debolezza che sono insulti ai lettori, sputando sulla carta dei giornalisti. Farebbero il loro lavoro rispettandosi l’un l’altro.

 

Pechino odia i bambini uiguri al punto di ucciderli per il prelievo di organi? Goebbels te lo dice. Può anche far testimoniare un chirurgo mascherato (da dietro) il cui nome è stato cambiato e la sua voce è cambiata. Goebbels può mettere un articolo terrificante con condizionalità, “secondo i testimoni …”, “alcune fonti dicono …”, “sembra che …. “, da “un diplomatico avrebbe notato “, “Gli uiguri sarebbero scomparsi … ” da “organizzazioni che difendono i diritti umani … “. Un condizionale ripetuto dieci volte diventa un nominativo certificato.

 

La cassa in cui il felino Goebbels si alleva felicemente si chiama “Liberation”.

 

Qualche anno fa, “Le Grand Soir” ha dimostrato che un articolo di “Liberation” truccato aveva trasformato Hugo Chavez in un antisemita (“Le Credo antisémite de Hugo Chavez”).

 

Uno scambio vigoroso e pubblico ha avuto luogo tra “Le Grand Soir” e “Liberation”. Avevamo le prove, le abbiamo fornite. Inconfutabili. Abbiamo confrontato la frase di Chavez e la stessa, dopo il troncamento di “Liberation”. “Liberation” ergo (4). Per i suoi lettori, Chavez è quindi rimasto un antisemita. Anche per i lettori di altri media, che hanno scelto di tacere per non rinnegare  “Liberation”. Il clan, la mafia …

 

Il giornalista colpevole di questa malvagità è Jean-Hébert Armengaud, da quando è stato promosso caporedattore di “Courrier International” e il suo N + 1 in “Libé”, che lo ha coperto fino alla fine, è Pierre Haski, oggi editorialista ogni mattina su “France Inter”. Promozioni al merito.

Quindi, lo dico di nuovo qui invitando i miei lettori a controllare: gli uiguri e i tibetani sono sempre più (e in modo spettacolare) numerosi, la loro cultura viene preservata e promossa come mai nella loro storia, la loro religione è (troppo) libera, l’istruzione sta compiendo notevoli progressi, le due repubbliche autonome dello Xinjiang e del Tibet approvano leggi, nessuna delle quali consente ai cittadini di essere ingabbiati per il semplice motivo della loro convinzione, di sterilizzare forzatamente le donne o di amputare i bambini.

 

Per rispondere ulteriormente al diluvio di menzogne ​​sullo Xinjiang, dovrei citare intere pagine del mio libro “Il Dalai Lama non è così zen”. Penseresti che gli istigatori delle campagne globali mentono hanno un software unico con caselle su cui fare clic per avviarlo.

 

“Sterilizzazione? Interi villaggi” (Vedi le memorie del Dalai Lama, citate a lungo in “Il Dalai Lama, non è così zen”).

Il genocidio? Un osservatore critico della politica cinese, il britannico Patrick French, direttore della “Free Tibet Campaign”, è stato in grado di consultare gli archivi del governo del Dalai Lama in esilio. Scoprì che l’evidenza del genocidio era falsa e si dimise dal suo incarico (“Il Dalai Lama, non è così Zen”).

 

Tuttavia, la pubblicità data in Occidente a questa questione dello sterminio (attraverso la sterilizzazione e i massacri) della popolazione tibetana, ieri ha ampiamente contribuito a un’ondata di compassione per il Tibet e il buddismo. Oggi le menzogne ​​”enormi” sullo Xinjiang fanno gemere i gogos, improvvisamente innamorati di questa regione di cui sarebbe difficile trovare la citazione della capitale (5).

Non saranno Laurent Joffrin, Pierre Haski, Jean-Hébert Armengaud a deplorarlo.

 

Non so a chi stia pensando l’eccellente comico Blanche Gardin quando dice (un po’ troppo rozzamente per essere citata da un sito di bell’aspetto come “Le Grand Soir)” che “Viviamo in un paese in cui i giornalisti succhiano più cazzi delle prostitute”.

 

 

Maxime Vivas ha scritto questo articolo per il giornale francese “Le Grand Soir”: https://www.legrandsoir.info/le-dernier-des-ouighours-et-les-derniers-des-journalistes.html

 

In italiano dello stesso autore è disponibile il libro “Dietro il sorriso. Il lato nascosto del Dalai Lama”, Anteo edizioni, Cavriago, 2015.