LA GUERRA FREDDA VERDE | Fondazione dell’Alleanza parlamentare transatlantica contro la Cina. Con la partecipazione attiva di un uomo politico dei Verdi tedeschi.

Berlino/Washington. Resoconto della Redazione di German-Foreign-Policy.com

 

I politici di transatlantici. All’interno dell’ “Alleanza Interparlamentare sulla Cina” (IPAC), che è stata fondata venerdì e che conta fino a questo momento membri di dodici parlamenti, i partigiani della linea dura americana anticinese – Marco Rubio, Bob Menendez – sono considerati come le forze motrici. L’obiettivo ufficiale dell’organizzazione è di promuovere lo sviluppo di una politica occidentale comune nei confronti della Cina. Un obiettivo concreto è di fare applicare la politica americana di sanzioni Bundnis 90/Die Grunen giocano un ruolo di primo piano in una nuova alleanza anticinese di parlamentari contro Pechino anche in Europa. A tal fine, l’IPAC mobilita parlamentari in cui i governi nazionali continuano a rifiutare di imporre sanzioni. L’eurodeputato verde Reinhard Bütikofer aveva già proposto la creazione di un tale gruppo di stampa parlamentare a margine della Conferenza sulla sicurezza di Monaco di febbraio; ora è copresidente. L’organizzazione, che chiede anche lo sviluppo di “strategie di sicurezza” contro la Cina, ha un ex specialista della CIA nel suo comitato consultivo.

 

L’IPAC.

L’Alleanza interparlamentare sulla Cina (IPAC), fondata venerdì scorso da parlamentari di otto parlamenti, comprende ora politici di dodici parlamenti, tra cui undici nazionali [1] e il Parlamento europeo. Comprende in particolare gli Stati che hanno attirato l’attenzione nel recente passato per le loro azioni particolarmente aggressive contro la Cina: Stati Uniti, Australia e Giappone. I deputati americani che da tempo si sono distinti come sostenitori della linea dura anti-cinese svolgono un ruolo di primo piano all’interno dell’IPAC: il repubblicano Marco Rubio e il democratico Bob Menendez. I copresidenti dell’IPAC sono Margarete Bause e Reinhard Bütikofer, due rappresentanti di Bündnis 90 / Die Grünen; Bause è presente come membro del Bundestag, Bütikofer come membro del Parlamento europeo. Oltre a Bause, è coinvolto anche Michael Brand, portavoce dei diritti umani del gruppo parlamentare CDU / CSU.

 

Doppi pesi, due misure tipiche dell’Occidente (I)

L’obiettivo esplicito dell’IPAC è di promuovere una “risposta coordinata” all’ascesa della Cina [2]. In questo contesto, la nuova alleanza – formata dagli Stati transatlantici e dai loro stretti alleati, Giappone e Australia – chiede alla Cina di rispettare gli standard che le potenze occidentali hanno ripetutamente infranto. Si dice che sia necessario garantire che la Repubblica popolare “sia conforme alle norme dell’ordine legale internazionale”. Non si fa menzione delle guerre contro la Jugoslavia (1999), l’Iraq (2003) o la Libia (2011), che erano contrarie al diritto internazionale e che le potenze occidentali intrapresero in diverse costellazioni [- si potrebbe aggiungere la politica di occupazione e colonizzazione dello Stato sionista sostenuta dall’Occidente, le sue ripetute aggressioni nei confronti dei vicini e gli omicidi del Mossad, AE]; il membro fondatore dell’IPAC, il sig. Bütikofer, per esempio, sostenne la guerra contro la Jugoslavia (1999) come direttore politico del partito al potere all’epoca, Bündnis 90 / Die Grünen. L’IPAC afferma inoltre che è necessario garantire che la Cina rispetti le norme dell’OMC. Le pratiche incompatibili dell’OMC dell’Amministrazione Trump non sono menzionate.

 

Finalmente, un meccanismo di sanzioni

Più specificamente, diventa chiaro che l’IPAC mira ad applicare la politica americana di sanzioni contro la Cina in Europa. I senatori americani Rubio e Menendez sono i principali motori dell’introduzione delle leggi americane che, con il pretesto di voler intervenire contro le azioni di Pechino a Hong Kong e nello Xinjiang, ad esempio, consentono di imporre sanzioni contro la Repubblica Popolare. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump firmerà presto la legge dello Xinjiang; La legge di Hong Kong è in vigore dallo scorso novembre. Bütikofer si è recentemente pronunciato a favore “dell’istituzione definitiva di un meccanismo di sanzioni globali concordato a livello UE”, “in modo che in caso di dubbio si possano imporre sanzioni “ai Funzionari cinesi per violazioni dei diritti umani” [3].

Un esempio di questo approccio è stato dato da tempo dalla Gran Bretagna, dove i parlamentari conservatori con sede negli Stati Uniti si oppongono amaramente al proprio governo per rivedere la decisione sulla partecipazione limitata di Huawei alla costruzione di reti britanniche 5G. IPAC sta ora rendendo possibile estendere queste pratiche.

 

L’ex governatore coloniale e i Verdi

In Germania, Bündnis 90 / Die Grünen è un pilastro di questa politica. Ciò è già stato dimostrato di recente quando l’ultimo governatore coloniale britannico di Hong Kong, l’ex commissario europeo per le relazioni esterne Chris Patten, ha lanciato un appello con cui – usando la nuova legge sulla sicurezza cinese a Hong Kong come un’opportunità – ha chiamato all’azione congiunta degli Stati occidentali e dei loro alleati contro la Repubblica popolare. Questo invito mira anche a mobilitare il maggior numero possibile di parlamentari, aggirando i rispettivi governi nazionali, per una politica aggressiva di confronto contro Pechino. È stato firmato da 853 politici provenienti da Europa, Nord America, Australia e Giappone, principalmente membri dei parlamenti nazionali e del Parlamento europeo. La chiamata dell’ex governatore coloniale ha ricevuto un sostegno particolarmente forte dai Verdi tedeschi, che compaiono nella lista dei firmatari insieme ai sostenitori della destra americana come Marco Rubio o Ted Cruz [4]. Il capo della delegazione del Parlamento europeo per la Cina aveva già discusso a febbraio, insieme alla politica di sicurezza di Monaco, per la creazione di un Caucus transatlantico per la Cina: l’obiettivo è riunire i membri del Congresso americano e del Parlamento europeo [5]. L’IPAC ora coinvolge anche vari parlamenti nazionali.

 

Due pesi, due misure tipiche dell’Occidente (II)

La stretta collaborazione, sorprendente a prima vista, tra i Verdi tedeschi e gli eserciti della linea dura dell’ala destra dei repubblicani americani nella lotta contro la Cina ha una lunga tradizione. Da molti anni ormai, i Verdi tedeschi e i Repubblicani americani sostengono i circoli tibetani intorno al Dalai Lama, alcuni dei quali sono violentemente contrari a Pechino, comprese le richieste di secessione del Tibet dalla Repubblica popolare [6]. Repubblicani americani e verdi tedeschi stanno anche fianco a fianco per protestare contro le azioni di Pechino nello Xinjiang – un altro esempio di doppi standard tipici occidentali: mentre la lotta della Cina contro la Jihad uigura nello Xinjiang (rapporti di German-foreign-policy.com [7]) viene attaccato nei termini più forti possibili, i massicci crimini della “guerra al terrore” occidentale dopo l’11 settembre 2001 – rapimento e tortura di sospetti terroristi – sono passati in silenzio; fu coinvolta anche la coalizione del governo tedesco dell’epoca, composta da SPD e Bündnis 90 / Die Grünen [8]. Come accennato in precedenza, Bütikofer era il direttore politico del partito.

 

Consigliere consultivo con carriera nella CIA

La composizione del comitato consultivo IPAC corrisponde all’agenda tematica sopra menzionata. Comprende diversi attivisti di Hong Kong, tra cui un chirurgo britannico con esperienza nelle zone di guerra e di conflitto [9], e uno dei vicepresidenti del Congresso Uighuro di Monaco (WUC, german-foreign-policy.com lo segnala [10]). Robert L. Suettinger, membro dell’Advisory Board dell’IPAC, a sua volta ha lavorato a lungo nella direzione di intelligence della CIA. [11]

“Strategie di sicurezza”

Ultimo ma non meno importante, i propositi dichiarati dell’IPAC indicano gli obiettivi a lungo termine della coalizione. Le “democrazie”, spiega l’organizzazione, dovrebbero sviluppare “strategie di sicurezza” contro le “sfide” della Repubblica popolare [12], che corrispondono a considerazioni nei circoli transatlantici per mettere la NATO in posizione contro la Cina – esplicitamente anche sul piano militare. German-foreign-policy.com ne renderà conto prossimamente.

 

 

Note

 

  • Gli undici Stati sono l’Australia, il Canada, la Repubblica Ceca, la Germania, la Gran Bretagna, il Giappone, la Lituania, i Paesi Bassi, la Norvegia, la Svezia e gli Stati Uniti.
  • Al proposito cfr. ipac.global
  • Christoph B. Schiltz, Momento di verità per l’UE, “Welt” del 26/05/2020. Cfr. anche german-foreign-policy.com: “I maestri del doppio standard”.
  • anche Fronte allargato contro Pechino.
  • La Cina unisce gli americani e gli europei, “Tagesspiegel” del 15/02/2020. Vedere anche su g-f-p La differenza concernente la politica cinese.
  • anche su g-f-p La campagna di rilancio della fiamma e Le operazioni contro la Cina.
  • anche su g-f-p- Il Turkestan orientale (I)
  • anche 17 anni di guerra contro il Terrore
  • “Equipe”: Dr. Darren Mann, ipac.global.
  • anche: Il Turkestan orientale nel collimatore (II) e Il seggio all’estero dell’opposizione cinese.
  • “Equipe”, Robert L. Suettinger, ipac.global.
  • Al proposito ipac.global.

 

 

 

Traduzione dal francese di Stefano Vernole. Si ringrazia il dr. Albert Ettinger per la gentile collaborazione.