Alti ufficiali francesi: “Dobbiamo liberarci dalla presa americana e avvicinarci a Mosca”

Articolo originale pubblicato in francese su Capital.fr

In un articolo che stiamo per pubblicare, una dozzina di ufficiali di alto rango che hanno lasciato il servizio e si sono riuniti nel “Circolo di riflessione congiunto dell’esercito”, sono preoccupati per la partecipazione della Francia alle prossime esercitazioni militari della NATO.

“Defender 2020”, la prossima esercitazione militare della NATO, sta sollevando un grande dibattito. Anche se temevamo le “intrusioni informatiche” russe; anche se, colti di sorpresa dal popolare ritorno della Crimea nell’ovile russo, gli europei governati dall’America furono paralizzati dall’abilità di Putin, resta il fatto che organizzare le manovre della NATO, nel 21 ° secolo, sotto il naso di Mosca, oltre 30 anni dopo la caduta dell’URSS, come se il Patto di Varsavia esistesse ancora, è un errore politico, che sfocia nella provocazione irresponsabile. La partecipazione ad essa rivela un supplemento di impegno cieco, indicando una preoccupante perdita della nostra indipendenza strategica. È possibile che la Francia possa rinunciarvi?

L’emergere di un flagello planetario che confina quasi 4 miliardi di terrestri, illuminando con una luce grezza le grandi fragilità dell’umanità, potrebbe contribuire a sbarazzarsi dei vecchi riflessi della guerra fredda. Improvvisamente una minaccia esistenziale, questo flagello transnazionale dà la precedenza alle priorità strategiche, rivela l’inutilità delle vecchie routine e ricorda il peso della nostra appartenenza al gruppo eurasiatico, di cui la Russia è il perno ancestrale.

 

La più grande esercitazione militare della NATO sarà tagliata a causa del coronavirus

Alcuni potrebbero temere di scioccare i nostri partner dell’Europa orientale ancora sopraffatti dai ricordi della cortina di ferro. Dimenticano, tuttavia, che nel 1966, più di mezzo secolo fa, Charles de Gaulle, a cui tutti sostengono di richiamarsi, ma che nessuno osa imitare – tranne che in postura -, aveva puramente e semplicemente notificato all’Alleato americano al quale l’Europa e la Francia dovevano comunque sopravvivere, che non era più il benvenuto a Fontainebleau. Il “Constable”, dopo aver bloccato l’anima dell’indipendenza del paese, non aveva dimenticato che nel 1944 Roosevelt intendeva mettere la Francia sotto la supervisione amministrativa americana.

Tuttavia, molti soldati in primo luogo, con il pretesto che la NATO fosse uno standard operativo e tecnologico, che forniva nell’occasione un supporto logistico essenziale, non hanno smesso di militare per aggirare l’affermazione dell’indipendenza gaullista, pur senza smettere di richiamarvisi.

Quindi, dal lato politico già nell’aprile 1991, nell’opposizione, sostenendo Philippe Seguin contro Charles Pasqua e Jacques Chirac, anche François Fillon si oppose al Trattato di Maastricht, tentando di far quadrare il cerchio in una tribuna nel mondo. Sosteneva che la difesa dell’Europa era un “sogno irrealizzabile”, mentre proponeva di collocare i suoi alleati ai piedi del muro proponendo una vera e propria europeizzazione dell’alleanza atlantica, in concorrenza con l’attuale progetto di rattoppare la NATO sotto la guida strategica americana. Il suo obiettivo era anche quello di preparare il ritorno della Francia al comando di una NATO riprogettata, secondo il metro di valutazione, ha detto dello “spirito del 1949″ con una “europeizzazione di tutti i comandi” e “cooperazione e interoperabilità delle forze piuttosto che la loro integrazione”.

 

Nicolas Sarkozy decide di “mettersi in fila”

Non appena entrò all’Eliseo nel 1995, Jacques Chirac, sebbene fosse il primo erede del requisito di indipendenza sotto il grande baluardo di Charles de Gaulle, iniziò i negoziati per il ritorno della Francia al comando integrato dell’Alleanza. In cambio, ma senza alcun reale mezzo di pressione, chiese di assegnare a Parigi il posto di comando del fianco meridionale dell’Alleanza a Napoli, lo stesso porto di origine della Sesta Flotta della Marina americana. Un articolo di “Liberation” la cui lettura è edificante dettagliava il 27 febbraio 1997, sotto la penna di Jacques Amalric, ex corrispondente di “Le Monde” a Washington e a Mosca, il sotterfugio di questi mercanteggiamenti. Tutti giudicheranno come le contorsioni semantiche si contrappongano alla rigida fermezza gaullista, di 30 anni prima.
A proposito, è giusto ricordare che fu la sinistra francese che, apparentemente contraddicendosi, si oppose al naufragio dell’eredità gaullista. Nel 1997, Lionel Jospin, che divenne Primo Ministro, affrontò direttamente Jacques Chirac con questa domanda.

Ma colui che ha deciso di “fare un passo indietro” nella struttura militare integrata è stato Nicolas Sarkozy, che è venuto negli Stati Uniti nell’agosto 2007 per incontrare George Bush. Il risultato fu l’annuncio del Presidente francese al Congresso degli Stati Uniti il ​​7 novembre 2007, 41 anni dopo l’affermazione di indipendenza di Charles de Gaulle. La vicenda è stata ratificata dal Parlamento francese approfittando di una mozione di censura, respinta nel 2009. Per il prezzo del suo ritorno, Parigi ha ricevuto il risarcimento del comando non direttamente operativo noto come “Allied Command Transformation” (ACT), con sede a Norfolk, la cui missione è una riflessione tecnologica, strutturale, tattica e strategica allo stesso tempo di un’azione educativa nei confronti dei Paesi membri, che mira sia alla consapevolezza che all’armonizzazione.
Senza negarne l’importanza, non si può fare a meno di pensare che si tratti di una consolazione:

1) Fornire il quadro concettuale per lo svolgimento di future operazioni congiunte combinate.

2) Definire il concetto e le capacità delle future operazioni dell’Alleanza;

3) valutare la pertinenza dei concetti operativi emergenti – specialmente nel campo dell’alta tecnologia – e tradurli in una dottrina occupazionale convalidata dalla ricerca scientifica sia fondamentale che sperimentale;

4) Persuadere le nazioni alleate, individualmente e collettivamente, ad acquisire le capacità necessarie e fornire l’addestramento iniziale necessario per l’implementazione di nuovi concetti validati, sia endogeni per la NATO che generati al di fuori dell’Alleanza.

 

Il processo è una rinuncia

Eccoci qui. 54 anni dopo la brutalità del brio strategico gaullista, il processo è una rinuncia. Oggi, mentre il Governo ha abdicato a favore di Bruxelles e della Banca centrale europea di una parte del suo spazio di manovra sovrano, in cambio della costruzione di un’Europa la cui voce sta lottando per essere ascoltata, quando sentiamo le affermazioni di indipendenza della Francia, siamo colti dall’impressione di una paranoia. La contraddizione diffonde la sensazione di un falso “teatro politico”, probabilmente alla radice di una disaffezione elettorale, la cui grandezza è una sfida per la nostra democrazia.
Infine, per un Paese europeo già gravemente colpito da altre minacce, in un’Unione che minaccia di disintegrarsi, mentre il vicino greco affronta una sfida migratoria lanciata dal membro Gran Turco dell’Alleanza, ma tuttavia impegnata in una strategia di ritorno della potenza a causa di un’affermazione religiosa medievale chiaramente ostile, andare a gesticolare militarmente agli ordini di Washington ai confini della Russia che non è stata a lungo una minaccia militare diretta, traduce almeno una catalepsia intellettuale, confinante la perdita dell’istinto di sopravvivenza.

Dobbiamo cercare le radici di questo naufragio nel nostro recente passato. Essendo stato danneggiato due volte nel nichilismo suicida nel 20 ° secolo, la seconda volta in un’abiezione morale impossibile da giustificare, l’Europa, nonostante i vasti contributi della sua “illuminazione”, ha perso le sorgenti morali della stima di sé, la prima condizione per un’affermazione di potenza.

 

Il generale Vincent Desportes: “Abbiamo bisogno di una difesa dell’Europa, per l’Europa da parte dell’Europa”.

Inoltre, la scia mentale di questa eredità insopportabile porta sempre un parassita nel gioco democratico. Proibendo il pensiero conservatore dall’esprimersi, la memoria del genocidio razzista finisce per far designare tutte le politiche di controllo dei flussi migratori e repressione come inciviltà, comprese quelle che minacciano chiaramente l’integrità del territorio.
Questa depressione morale nella Vecchia Europa portò al suo crollo strategico, dando libero sfogo alla violazione americana. Da questo punto di vista, non sorprende che la Germania si sia affermata a lungo come il primo punto di appoggio strategico dell’America in Europa.

Aggiungiamo che le accuse, in questo contesto in cui le minacce si sono radicalmente evolute, riguardanti il sospetto che l’America abbia perpetuato la mentalità della guerra fredda fuori dal tempo, non sono prive di rilevanza. Il blocco politico anti-russo di tutte le élite americane si basa sull’ossessione strategica di perpetuare la ragion d’essere della NATO, uno dei principali additivi alla prevalenza americana dopo il 1949.
Si noti, tuttavia, che, severamente criticato per la sua stessa buona volontà, Trump, che molesta verbalmente l’Europa contemporaneamente alla maggior parte dei suoi alleati, è, a differenza della sua Amministrazione e del complesso militare-industriale, favorevole a un riavvicinamento con la Russia.

Conclusione

In questo contesto di cui si deve riconoscere che la traiettoria generale è contraria alla decisione della rottura gaullista del 1966, cosa fare per liberarci dalla presa americana e avviare un riavvicinamento con Mosca? Facendo il punto dei vantaggi / svantaggi del nostro ritorno al comando integrato con, tuttavia, ridotte responsabilità operative, dovremmo, spazzando via tutti gli svantaggi, voltare le spalle a Washington, ora considerato da molti come ostile?

Il Tao cinese afferma che “la realtà è costruita dal battito degli opposti”. Illustrando il movimento cosmologico e la successione ciclica delle stagioni, la visione si concentra anche sulle interazioni tra situazioni, persone e loro organizzazioni. Esso ipotizza che qualsiasi cambiamento sia il risultato di una coazione negativa, senza essere necessariamente un confronto ostile.
In questo caso, è un’illusione credere che, senza una pressione significativa, gli Stati Uniti cambieranno sia il loro atteggiamento di sovrano nei confronti dei membri dell’alleanza sia la sua ostilità anacronistica con la Russia.

L’epidemia che colpisce il mondo sta sconvolgendo routine e parametri di riferimento. Scopre disfunzioni e incoerenze. Favorevole alle introspezioni, ricorda che con la caduta dell’URSS, la NATO, presa da un’arroganza di potere esercitò forti pressioni sull’estero vicino della Russia, oltre i confini tedeschi, mettendo la sicurezza del ‘Europa in pericolo. Improvvisamente, la crisi incita a tornare all’essenziale del “regaliano”: la sicurezza della Francia e l’indipendenza della sua diplomazia, che possiamo chiaramente vedere, non possono essere abbandonate agli altri.

 

Un parlamentare tedesco vuole che la Francia condivida armi nucleari con la Germania

È giunto il momento di tentare la pressione su Washington impegnandosi in un dialogo strategico con Mosca. Se la Francia rinunciasse a partecipare a determinate manovre della NATO alle porte della Russia, anticipando una classica minaccia militare che ora è evaporata, suonerebbe il risveglio della ragione, un “colpo di piatto” indirizzato a Washington e Mosca che significa fine della letargia. L’obiettivo non sarebbe un’inversione di alleanza, ma un riequilibrio.

Per inciso, l’iniziativa che segna il ritorno della nostra indipendenza era sin troppo tardiva quando pensiamo che nel documento ufficiale “Operazioni nucleari congiunte” * riferendosi a JP-3-72 recentemente analizzato dalla “Strategic Research Foundation”, il Pentagono prevede di utilizzare armi nucleari tattiche nel teatro europeo nelle fasi convenzionali del combattimento aereo-terra, comprese quelle che coinvolgono le forze speciali. Questo concetto è scritto e implementato nella prossima esercitazione della NATO “Defender 2020” in cui è chiaramente designato l’invasore di alcuni paesi europei.
Se si svolgerà l’esercitazione, dovrebbe consentire di convalidare sulla carta l’eventuale uso di nuove armi nucleari tattiche sotto il controllo degli Stati Uniti che il trattato INF del 1987 ha vietato fino al 2019. La Francia, partecipando a questa esercitazione come membro della struttura militare integrata della NATO, appoggerebbe questa nuova strategia in completa contraddizione con la dottrina francese di deterrenza che rifiuta qualsiasi battaglia nucleare.

Soprattutto, appoggerebbe involontariamente la riattivazione della guerra fredda con la messa al bando occidentale della Federazione Russa presentata come il principale potenziale aggressore dei Paesi europei. Anche questo è in contraddizione con l’attuale orientamento della diplomazia francese che mira al riavvicinamento con la Russia.
Per evitare che l’iniziativa del ritiro francese venga percepita come una provocazione Pai paesi baltici e dai PECO (Paesi dell’Europa Orientale e Centrale, n.d.r.), sarebbe necessario collocare la manovra diplomatica in un contesto europeo. Parigi vi darebbe slancio in stretto coordinamento con la Germania.

In questo approccio, facciamo attenzione a due insidie: la prima sarebbe quella di voltare le spalle a Washington, “Si tratta di fare l’Europa senza rompere con gli americani, ma indipendentemente da loro”, ha ripetuto Charles de Gaulle; la seconda sarebbe la tentazione federalista, poiché è vero che “la centralizzazione arbitraria provocherà sempre, con shock in cambio, la virulenza delle nazionalità. (…) L’unione dell’Europa non può essere la fusione dei popoli (…) Ma può e deve derivare dal loro avvicinamento sistematico” (Charles de Gaulle, Mémoires d’espoir).

Per il Circolo di riflessione congiunto dell’Esercito. Generale (2S) François Torrès, Generale (2S) Jean-Claude Rodriguez, Generale (2S) Jean-Serge Schneider, Generale (2S) Grégoire Diamantidis, Generale (2S) Marc Allamand, Generale (2S) Jean-Pierre Soyard, Contre-Amiral (2S) François Jourdier, Generale (2S) Jean-Claude Allard, Generale (2S) Christian Renault, Capitaine de Vaisseau (ER) Alexis Beresnikoff, Monsieur Marcel Edouard Jayr.

Seconda parte da seguire: “il pericolo della strategia nucleare USA-NATO per l’Europa”.

* JP3-72 cap. 5 Operazioni nucleari, paragrafo 3 Operazioni in un ambiente nucleare: “L’uso di armi nucleari può cambiare radicalmente o accelerare il corso di una campagna. Un’arma nucleare potrebbe essere introdotta durante la campagna a causa della percezione di un fallimento di una classica campagna militare, di una possibile perdita di controllo o di regime [sic], o di eseguire l’escalation per proporre una soluzione pacifica in termini più favorevoli.”

Traduzione di Stefano Vernole