Intervista “TASNIM” (Agenzia Stampa iraniana) al Dott. Stefano Vernole (Cese-m), rilasciata il 2 gennaio 2020 (il giorno prima dell’uccisione del generale Soleimani)

Tas

 

Gli Stati Uniti, con la loro politica “America First”, si sono allontanati dai loro alleati negli ultimi due anni e hanno ridotto la partecipazione internazionale degli Stati Uniti alle organizzazioni internazionali. In primo luogo, Washington ha esortato i suoi alleati della NATO a sostenere i costi dell’alleanza transatlantica, poi ha esercitato pressioni sulla Corea e sul Giappone e ora l’UE è sotto la pressione degli Stati Uniti. Secondo te, questo cambiamento di approccio può essere interpretato come una nuova tendenza nell’ordine mondiale?

 

Certamente l’atteggiamento di Donald Trump contrasta parzialmente con quella tendenza geopolitica che, dal 1999, ha affidato alla NATO il ruolo di gendarme globale per la protezione degli interessi degli Stati Uniti in primo luogo e per gli alleati / vassalli in secondo luogo. Il nazionalismo trumpiano è andato fino al punto di far sperare, almeno a parole, la fine dell’interventismo globale USA a favore di un ripiegamento sui suoi interessi domestici. Quanto concretamente fattibile rimane controverso; stiamo infatti parlando di un paese che possiede circa 1000 basi militari sparse nel mondo e che difficilmente può continuare a imporre il dollaro come valuta dominante nel commercio internazionale e in particolare per l’acquisto di materie prime senza esercitare una costante pressione geopolitica. Pertanto non vedo nella Dottrina di Trump un vero allontanamento dai principi storici dell’eccezionalismo americano (“destino manifesto”, “nazione indispensabile” …), anche se una certa concorrenza tra la sua Amministrazione e alcuni settori dello Stato profondo è innegabile . Tuttavia, mi sembra più un comportamento tattico che il frutto di una visione strategica; da questo punto di vista un possibile secondo mandato di Trump chiarirà le sue reali intenzioni, allo stesso modo di Obama. L’elezione di Trump è certamente dovuta a una tendenza globale, cioè allo spirito di rivincita di una classe media impoverita dalla crisi economica del 2008, causata proprio dal crollo dei mutui statunitensi. La parabola dell’attuale presidente americano è molto simile a quella della coppia Gorbachev-Eltsin; volevano riformare l’Unione Sovietica liberando la Russia dall’onere degli altri paesi confederati, ma finirono per distruggere l’intero sistema, Trump potrebbe quindi essere il liquidatore dello storico imperialismo americano. Tuttavia, l’attuale inquilino della Casa Bianca potrebbe anche diventare l’ultima carta disponibile alle lobby neo-cons per bloccare l’ascesa geopolitica della Cina e il nuovo sistema internazionale multipolare: i segni sono finora contrastanti.

 

 

 

Molti analisti non attribuiscono queste mosse del governo degli Stati Uniti a Donald Trump, ma piuttosto pensano che gli Stati Uniti stiano cercando di salvare il capitalismo e l’economia americana dal collasso. Sei d’accordo?

 

 È certamente una tesi suggestiva, soprattutto perché si accompagna bene all’identificazione del nuovo nemico strategico degli Stati Uniti nella Cina, dopo l’URSS e il mondo islamico. Anche gli attuali buoni risultati economici della Trump Administration non possono farci dimenticare che il debito generale delle società negli Stati Uniti è elevato,  il vero problema è quello dei prestiti a leva. Cioè, “prestiti con leva finanziaria”, concessi a società ad alto rischio che hanno in media un debito quattro volte superiore alle entrate. Ad oggi ammontano a quasi 1400 miliardi e probabilmente ripeteranno il fenomeno che ha scatenato la crisi economica del 2008: mutui subprime concessi a persone che non sono state in grado di rimborsarli. Se osserviamo gli Stati Uniti e l’Europa, esiste il rischio di una nuova bolla finanziaria legata a un aumento sproporzionato dei corsi azionari rispetto ai dividendi distribuiti agli azionisti. Sarà necessario capire per quanto tempo il sistema finanziario sarà in grado di resistere a questa sproporzione. Ma perché i prezzi continuano ad aumentare? La risposta è sempre la stessa quando si tratta di bolle: il profitto derivante dalla speculazione finanziaria. Un altro problema da non sottovalutare è quello delle banche. Basta guardare all’andamento dei cosiddetti crediti deteriorati o ai prestiti erogati dalle banche e sapere con relativa certezza che non potranno recuperare. In sintesi, la massiccia iniezione di denaro nell’economia americana da parte della Federal Reserve Bank ha provocato una bolla finanziaria 4 volte superiore a quella che è scoppiata nel 2008, quando l’economia mondiale è stata messa in ginocchio. È un problema decennale, gli Stati Uniti hanno da tempo scelto l’economia speculativa a scapito di quella produttiva, la Cina ha fatto esattamente il contrario con la Belt and Road Initiative. Provocare crisi in Eurasia per drenare investimenti esteri negli Stati Uniti e favorire l’acquisto di titoli di stato americani è la strategia del “ciclo del dollaro” attuata dallo “Stato profondo” a stelle e strisce.

 

 

 

Come sapete, nel bilancio della difesa degli Stati Uniti per l’anno fiscale 2020, ci sono stati alcuni casi di interferenza negli affari interni dei suoi alleati europei come le sanzioni statunitensi relative al gasdotto Nord Stream 2 (NS2). Non interpreti questo cambiamento nella politica americana e l’interferenza diretta come una mossa per sacrificare gli interessi europei per i propri benefici? Non è una specie di bullismo e totalitarismo da parte degli Stati Uniti?

 

In effetti, gli Stati Uniti continuano a godere del vantaggio comparato ottenuto con la Seconda guerra mondiale e successivamente con la scusa della “guerra fredda”. Il costo dei legami transatlantici per i singoli Stati e per la stessa Unione Europea è incalcolabile e certamente non riguarda solo le misure più recenti adottate dall’amministrazione Trump. D’altra parte, in Europa vogliamo essere più “realisti del re” e persino l’attuale presidente degli Stati Uniti è stato accusato di voler spezzare l’unità dell’Occidente … In realtà è proprio la chiave del problema, vogliamo chiudere gli occhi sulle evidenti differenze di interesse tra Bruxelles e Washington in nome di una “comunanza di valori” assolutamente ridicola. Come può l’Europa ribellarsi ai diktat statunitensi se non ha un esercito autonomo dalla NATO? Come può l’Europa affermare i suoi interessi comuni sulla scena internazionale se non ha nemmeno un Ministro degli Esteri? Quindi di quali valori stiamo parlando, se l’Unione Europea non ha adottato nemmeno una Costituzione? Fintanto che la situazione in Europa rimarrà tale, gli Stati Uniti avranno buon gioco nell’imporre le proprie decisioni; l’implementazione nel resto del mondo è più complicata, i paesi BRICS e quelli dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai si muovono in una logica completamente diversa. Il problema del bullismo americano rimane quindi interamente all’interno del campo europeo, dove l’uscita della Gran Bretagna causerà altri problemi.

 

 

 

Data la politica estera degli Stati Uniti e le reazioni dei suoi rivali, come la Cina e la Russia, e altri alleati, tra cui Francia e Germania, cosa ne pensi del futuro dell’ordine mondiale?

 

Ad eccezione di guerre o catastrofi finanziarie, che sono sempre possibili ma difficili da collocare temporaneamente, per alcuni anni assisteremo ad altri shock a causa di un nuovo ordine internazionale attualmente in fase di definizione. La fedeltà alle alleanze tradizionali sembra essere sempre più in discussione, pur rimanendo entro certi limiti; gli Stati nazionali guardano ai propri interessi contingenti, senza preoccuparsi troppo delle conseguenze del loro atteggiamento sulla stabilità mondiale. Con la creazione di un sistema Internet alternativo, la Russia entra ufficialmente nel club dei paesi revisionisti dell’Ordine mondiale americano, unendosi alla Cina come rivale strategica degli Stati Uniti nel 21 ° secolo. Continuo a credere che da un punto di vista geopolitico, il controllo degli eventi in Medio e Vicino Oriente continui a svolgere un ruolo decisivo per il futuro dell’umanità. L’asse franco-tedesco, così come la costruzione europea, si stanno fortemente indebolendo e potrebbero presto essere distrutti; a quel punto, la Germania potrebbe riscoprire la sua vocazione eurasiatica e la Francia dovrà decidere se continuare a svolgere il ruolo di pivot player in Europa per le amministrazioni statunitensi, come è accaduto finora dalla presidenza Sarkozy in avanti, o ritrovare la sua eredità gollista guardando più a Mosca che a Washington. La Turchia e l’Iran sono le due potenze regionali la cui stabilità sarà decisiva per il progetto di stabilizzazione del bacino del Mediterraneo voluto da Mosca e Pechino. Questa è ancora una sfida molto aperta perché è caratterizzata da continui cambiamenti di fronte, ad esempio in America Latina, dovuti essenzialmente all’esistenza di due lobby opposte non solo nei paesi della NATO ma anche all’interno delle nazioni non allineate. Un contrasto tra forze globaliste e forze patriottiche che determinerà i destini futuri del mondo negli anni a venire.