Forum diplomatico internazionale “Nuove sfide per la diplomazia globale: confronto o dialogo?”. Il parere degli esperti

Articolo originale (pubblicato in inglese) http://www.asrie.org/2018/04/international-diplomatic-forum-new-challenges-for-global-diplomacy-confrontation-or-dialogue-expert-opinion/

forum_russia

Il 30 marzo 2018 presso l’Accademia diplomatica del Ministero degli affari esteri della Federazione Russa si è tenuto un forum diplomatico internazionale sul tema Nuove sfide per la diplomazia globale: confronto o dialogo?

All’evento hanno partecipato membri dell’organizzazione giovanile The Young Guard of United Russia e membri del Consiglio dei giovani ricercatori presso l’Accademia diplomatica del MAE. L’IDF è stata sostenuta dall’Associazione degli studi strategici russo-latino-americani (Mosca-San Paolo) e dall’Associazione degli studi, della ricerca e dell’internazionalizzazione in Eurasia e in Africa (Roma).

Al meeting hanno preso parte non soltanto i giovani ricercatori russi ma anche di altri paesi, in particolare il Venezuela. I partecipanti alla conferenza hanno ascoltato le valutazioni degli esperti e hanno partecipato attivamente alla discussione che ne è seguita. L’incontro è stato moderato dalla dottoressa Natalia Maslakova-Clauberg, capo del Centro per la diplomazia pubblica e le culture del mondo presso l’Accademia diplomatica a capo anche del progetto “Forum diplomatico”.

Dr Natalia Maslakova-Clauberg. Capo del Centro di diplomazia pubblica e culture del mondo presso l’Accademia diplomatica del Ministero degli affari esteri della Federazione russa, responsabile del progetto “Forum diplomatico internazionale”.

La “crisi diplomatica “tra Russia e paesi occidentali guidata dagli Stati Uniti nel cosiddetto” caso Sergei Skripal” diventa una sorta di sfida per il sistema politico mondiale e un test per le “lezioni apprese “. Il ventesimo secolo è stato caratterizzato da tre guerre mondiali, che hanno provocato milioni di vite e una distruzione di spaventose dimensioni, tra cui il bombardamento nucleare delle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki da parte di aerei statunitensi. Tuttavia, questo non impedisce a quei politici occidentali che continuano a girare la “spirale del confronto”, portando l’umanità a una nuova guerra mondiale nel XXI secolo.

Oggi assistiamo a una “iniziativa diplomatica” senza precedenti contro la Russia, organizzata dalla Gran Bretagna, contrariamente alle norme e alle norme internazionali generalmente accettate e, cosa più importante, senza prove. Perseguendo una politica volta alla creazione di un’ampia ‘coalizione anti-russa’, il Regno Unito sta cercando di risolvere i suoi problemi, prima di tutto, distogliendo l’attenzione dai problemi della “Brexit” e cercando di “contrattare” con le sue concessioni alleate europee in questo ‘processo doloroso’. Tuttavia, molti paesi europei si stanno già chiedendo se il Regno Unito – per l’UE – sia un alleato o un “compagno” perché la decisione di uscire è già entrata in un piano pratico.

Gli Stati Uniti i quali rappresentano la Russia come un “mostro che viene dalle profondità del mare” dimenticano che nella storia del mondo la Russia non ha iniziato le guerre, ma le ha solo chiuse, salvando così l’Europa e il mondo intero da un’altra minaccia. Era il 1812, quando la Russia sconfisse l’esercito napoleonico e il 1945 quando batté la Germania nazista.

Qui è opportuno ricordare i “congressi di pace dell’Aia”, che la Russia ha avviato nel 1898 per adottare convenzioni internazionali sulle leggi e le usanze della guerra, nonché sul divieto di armi pericolose. C’è la Russia all’origine del processo di disarmo mondiale.

Oggi alcuni paesi europei hanno scelto un percorso pericoloso nelle loro relazioni con la Russia “dal dialogo allo scontro” e “dalla cooperazione all’isolamento”. Vorrei ricordare loro le parole bibliche: << Chi semina il vento raccoglierà la tempesta >>. Tuttavia, contare sulla saggezza biblica di coloro che in Europa si allontanano sempre più dalle verità cristiane è discutibile “.

 

Tatyana Zvereva. Capo del Centro per gli studi euro-atlantici e sicurezza internazionale presso l’Accademia diplomatica del Ministero degli affari esteri della Federazione russa.

“La campagna lanciata sui media occidentali sul caso di Sergei Skripal porta a un ulteriore aggravamento nei rapporti tra Occidente e Russia. Allo stesso tempo, è principalmente orientato al mercato. Questa campagna è più in linea con gli obiettivi a breve termine piuttosto che a lungo termine delle autorità britanniche. Oggi è essenziale per loro trovare nuove idee unificanti nel contesto di difficili negoziati con l’UE sulla “Brexit” e il rapido declino della popolarità del partito al potere, come dimostrato dalle elezioni parlamentari anticipate di giugno 2017.

La campagna anti-russa permette di distogliere l’attenzione da questi fallimenti e per un po ‘di tempo “unire la nazione”.

Per quanto riguarda Washington, è chiaro che gli USA stanno esercitando pressioni sui loro alleati all’estero per rafforzare la politica nei confronti della Russia. È essenziale che la politica di Washington nei confronti di Mosca sia ostaggio degli accordi politici interni. Il presidente degli Stati Uniti è costretto a dimostrare il suo atteggiamento anti-russo non tanto perché rientra nelle priorità di politica estera dell’amministrazione dominante, ma per confutare il mito diffuso ampiamente dai media sull’illegittimità della sua elezione.

I solidi passi di Washington contro Mosca e la corrispondente retorica sono sotto molti aspetti dimostrativi e sono condizionati, prima di tutto, dal desiderio delle forze dominanti di minare le posizioni dei loro avversari politici. In queste circostanze, è importante non soccombere alle provocazioni e mostrare moderazione, pur continuando a perseguire coerentemente una linea per la ripresa di un dialogo equamente rispettoso tra Russia e Occidente “.

 

Rolf Clauberg. Presidente della società “InterKulturForum GmbH” / Svizzera, esperto del Consiglio accademico internazionale.

L’attuale situazione nelle relazioni internazionali sta vivendo un grave tumulto. Negli ultimi 70 anni, gli Stati Uniti sono stati la potenza economica dominante nel mondo. Il crollo dell’Unione Sovietica ha portato alla formazione di un mondo unipolare con centro negli Stati Uniti. Henry Kissinger scrive di questo nel suo libro “New world order”.

Negli ultimi anni, la Cina è diventata un serio concorrente economico per gli Stati Uniti, rivendicando la sua posizione nell’economia mondiale. La Cina ha già sostituito gli Stati Uniti come la potenza economica più affidabile in termini di parità di potere d’acquisto e si prevede che sarà lo stesso per quanto riguarda i tassi di cambio ufficiali tra qualche anno.

Di particolare interesse per gli Stati Uniti è stato l’annuncio e la dimostrazione di nuovi tipi di armi modernizzate, che sono stati dimostrati il 1 ° marzo 2018 nel messaggio del presidente russo Vladimir Putin all’Assemblea federale russa. Questi sistemi rendono praticamente inutili i sistemi di difesa antibalistici degli Stati Uniti e quindi anche la superiorità numerica degli Stati Uniti nelle armi nucleari intercontinentali. Tutto ciò ha portato a notevoli tensioni tra gli Stati Uniti da un lato e Cina e Russia dall’altro. Concorrenza con la Cina, confronto con la Russia. E oggi assistiamo all’escalation di questi fenomeni.

Per l’Unione europea, gli Stati Uniti rappresentano stati il mercato di esportazione più importante nel 2015 e nel 2016 – circa il 21% delle esportazioni dell’UE erano verso gli Stati Uniti – la Cina con circa il 10%, mentre la Svizzera era circa l’8%, la Turchia e la Russia circa il 4% ciascuno. Pertanto, nel 2015 e nel 2016, gli Stati Uniti sono stati economicamente più importanti per l’UE di Cina e Russia. Tuttavia, con la crescita economica della Cina ancora molto al di sopra di quella degli Stati Uniti e l’economia della Russia in ripresa, questo potrebbe cambiare già nel 2018.

Il potere economico è determinato, però, non solo dai mercati di esportazione ma anche dalla dipendenza dalle importazioni. Ad esempio, la dipendenza dei paesi dell’UE dalle importazioni di gas dalla Russia è abbastanza forte. La rivista britannica Economist ha stimato che gli Stati baltici, la Polonia, la Finlandia, la Repubblica ceca, l’Austria, la Romania, la Bulgaria e la Slovenia ricevano il 75-100% del loro gas dalla Russia. Per la Germania, l’Ungheria e la Grecia questa quota scende al 50-75%. Le differenze nell’importanza economica della Russia per vari paesi dell’UE e le corrispondenti posizioni politiche hanno già portato a tensioni tra i paesi dell’UE.

Considerando tutti questi argomenti insieme, è improbabile che gli Stati Uniti riusciranno a mantenere il loro ordine mondiale monopolistico. Inoltre, oltre a Cina e Russia, India, Brasile e altri paesi stanno cercando un posto nella scena politica mondiale. Ciò significa che il processo di trasformazione del sistema politico mondiale è solo all’inizio”.

 

Evegeny N. Pashentsev. principale ricercatore presso il Centro per gli studi euro-atlantici e sicurezza internazionale presso l’Accademia diplomatica del Ministero degli affari esteri della Federazione russa, coordinatore dell’Associazione degli studi strategici russo-latinoamericani.

“La Russia non ha bisogno di uno scontro con l’Occidente, ma certi circoli dominanti nella NATO e negli Stati Uniti sì. Innanzi tutto, dà fondamento allo sviluppo di una nuova corsa agli armamenti su larga scala come mezzo per rilanciare l’economia (altre misure non aiutano); la distrazione della popolazione dal capire le cause interne della stagnazione economica a lungo termine da una minaccia esterna inverosimile; l’uso dell’isteria militare per subordinare i loro interessi i paesi dell’America Latina, del Medio Oriente e dell’Unione Europea; ottenere molti profitti dal controllo delle forniture energetiche nella nuova guerra “fredda” (e, almeno in parte, “calda”) e in altri calcoli simili.

Gli Stati Uniti stanno attivamente cercando di influenzare i processi socio-economici e politici in America Latina, ricorrendo a una serie di misure di pressione fino a sanzioni e minacce di uso della forza contro alcuni Stati della regione, in particolare il Venezuela che è il principale avversario alle ambizioni imperiali di Washington nei paesi dell’America Latina. Qui, come in altre aree del mondo, oggi c’è uno scontro multilivello:

– acuto scontro di valori, interessi, obiettivi di diverse forze politiche a livello nazionale;
– tensioni, tra vari paesi dell’America Latina con diversi orientamenti politici (ad esempio Colombia e Venezuela, Nicaragua e Costa Rica, ecc.);
– conflitto di interessi tra la Russia, la Cina da un lato e gli Stati Uniti e i loro alleati nella NATO e nell’UE dall’altro (generalmente solo in parte correlati agli eventi in America Latina);
– la crescente rivalità tra TNC e TNB di fronte alla crescente concorrenza internazionale, il declino del commercio internazionale, l’instabilità delle materie prime mondiali e dei mercati finanziari. 

L’oligarchia transnazionale accumula sempre più risorse nelle sue mani, il che provoca tensioni sociali in tutte le regioni, compresa l’America Latina.

La Russia, sviluppando relazioni reciprocamente vantaggiose con i paesi latinoamericani di diverso orientamento socio-politico, ha rafforzato significativamente le sue posizioni e autorità, che, in particolare, si è manifestata nella mancata adesione delle nazioni latinoamericane alla politica di sanzioni di Washington. Lo sforzo di “aumentare l’intensità” delle tensioni internazionali in relazione al “caso Skripal” non ha trovato alcun sostegno significativo nella regione e non ha portato all’espulsione dei diplomatici russi. Nell’attuale situazione internazionale, l’ulteriore sviluppo delle relazioni tra la Russia e i paesi dell’America latina non è solo reciprocamente vantaggioso, ma serve anche come fattore decisivo e importante per rafforzare la stabilità globale e la sicurezza internazionale “.

 

E. G. Kutovoy, ambasciatore in pensione.

“Non per la prima volta nel periodo postbellico, il nostro stato sta attraversando uno stadio di grave aggravamento delle relazioni interstatali. Questa volta è il risultato del corso”Gesuita” anti-russo illegale del partito conservatore inglese, che ha portato ad un pericoloso confronto nella sua intensità e scala tra Russia e Occidente, di fatto, allo scatenarsi di una nuova ‘guerra fredda’.

Nonostante tutta l’instabilità del momento attuale, esiste un reale pericolo che la situazione internazionale nel prossimo futuro si sviluppi nel contesto di una crescente corsa a nuovi armamenti, principalmente pericolosi, che rappresentano una minaccia per lo scenario militare degli eventi cui si assiste sul palcoscenico mondiale. 

Nell’interesse di garantire un’affidabile sicurezza del nostro stato e di altri paesi del mondo, è imperativo sfruttare le opportunità offerte della politica estera e della diplomazia moderna per prevenire un ulteriore deterioramento delle relazioni tra gli Stati e la rottura delle relazioni diplomatiche.

Mantenendo la calma nelle relazioni con gli Stati occidentali, è consigliabile sfruttare maggiormente l’esperienza dell’Unione Sovietica nel mantenere e approfondire contatti e legami con loro a livello di cooperazione culturale, scientifica e civile. Il superamento dell’attuale crisi internazionale richiederà una maggiore interazione tra Stati anche in altri settori: democrazia delle persone, relazioni religiose, lotta al terrorismo globale, ecc”

 

Daria A. Zvyagina, ricercatrice senior, Centro per la cooperazione euroatlantica e sicurezza internazionale, Istituto per problemi internazionali di attualità, Accademia diplomatica del Ministero degli affari esteri russo.

Oggi, per la prima volta dalla fine della guerra fredda, il mondo sta di nuovo affrontando una tensione senza precedenti nelle relazioni internazionali. Lo scontro tra Russia e Occidente non solo “ha esposto” le vecchie reciproche pretese e ostili stereotipi di pensiero, ma ha rivelato anche nuove sfide alla stabilità politica e all’ordine mondiale. In queste condizioni, in primo piano si mostra la necessità di trovare modi alternativi per stabilire un dialogo internazionale.

Sono i contatti tra i giovani che hanno il potenziale per ridurre le tensioni nelle relazioni internazionali e per avviare un dialogo produttivo. L’aspirazione unisce i giovani di diversi paesi e desidera stabilire una cooperazione internazionale reciprocamente vantaggiosa. Tradizionalmente, il campo più fertile per il dialogo è la cooperazione culturale. Dopotutto, la cultura è lo spazio in cui diventa possibile il superamento di stereotipi e pregiudizi storicamente formati. Quando le relazioni politiche ed economiche si deteriorano, la cultura rimane il ponte più affidabile tra paesi e popoli”.

http://www.molgvardia.ru/nextday/2018/03/31/94831 –  http://www.molgvardia.ru/gallery/2018/03/31/94832